La squadra tongana intrappolata in Nuova Zelanda

Da oltre due mesi ci sono 29 rugbysti bloccati nella zona di Auckland, ecco la loro incredibile storia

tonga rugby world cup 2019

ph. Sebastiano Pessina

Che questo periodo di normale abbia poco è ormai palese, ma ci sono ancora oggi delle situazioni quantomeno assurde create per via delle varie legislazioni che affrontano l’emergenza sanitaria in maniera spesso diversa. C’è allora chi, da oltre due mesi e mezzo, non ha modo di rientrare nel proprio paese perché questo si è chiuso ermeticamente a riccio, e dunque è costretto a vivere letteralmente di fortuna: la squadra tongana del Tu’uakitau è sostanzialmente prigioniera della Nuova Zelanda, non tanto perché non possano uscire dal paese della lunga nuvola bianca quanto perché non hanno modo di rientrare nella loro Tonga, che appunto ha vietato ogni accesso da mesi per evitare il diffondersi dei contagi. Provenienti da Hapai, isola centrale dell’arcipelago tongano, i 29 ragazzi del Tu’uakitau sono arrivati ad Auckland lo scorso 3 marzo, e per loro questo viaggio rappresentava il sogno e la possibilità di una vita. Dopo aver raccolto dei fondi, avevano organizzato alcune partite di esibizione in Nuova Zelanda per mettersi in luce, e magari strappare qualche ingaggio per iniziare una carriera da professionisti con possibilità di guadagni decisamente maggiori rispetto a quelli in giro tra le isole del Pacifico.

Leggi anche: L’ex tallonatore di Tonga dona un rene al figlio

Dopo mesi di preparazione però si sono trovati in una situazione decisamente scomoda, dato che al loro arrivo era ormai scattato l’allarme e dalle parti di Auckland era impossibile giocare secondo il programma originale. I ragazzi del Tu’uakitau allora si sono arresi, e con i 5.000 $ presenti sul loro conto in banca hanno fatto l’unica cosa possibile, prenotando il volo di ritorno per il 23 marzo, due giorni prima del lockdown dichiarato dalla premier Jacinda Harren. A farsi portavoce della disavventura è Tuvaita Ueleni, allenatore della squadra: “Dopo aver speso tutto per i biglietti aerei siamo andati in aeroporto, salvo scoprire che il nostro volo non esisteva più perché Tonga aveva chiuso i confini a qualsiasi accesso esterno. Di colpo ci siamo ritrovati impossibilitati a tornare, e non sapevamo cosa fare, anche perché i nostri soldi erano praticamente finiti”. 29 persone rimaste bloccate nella zona sud di Auckland, senza sapere ne se e ne quando avrebbero avuto la possibilità di rientrare nelle loro isole.

Guarda anche: Quando Tonga battè la Francia nella RWC 2011

In loro soccorso è però arrivata la comunità locale tongana e soprattutto la chiesa Tokaikolo ‘ia Kalaisi, che ha offerto la possibilità di rimanere gratuitamente nella struttura. In nove sono stati ospitati da amici, ma per gli altri venti il destino è stato quello di un materasso sul pavimento. Da due mesi dunque questi ragazzi vivono in quest’assurda situazione, nella quale gli unici sfoghi sono giocare a pallavolo nel cortile della chiesa oppure pregare e cantare insieme. “Tra di noi scherziamo dicendo che quando torneremo a casa conosceremo perfettamente ogni inno cristiano che esiste, visto che è l’unica cosa che impariamo” dice Ueleni, che comunque non ha perso il sorriso grazie anche all’aiuto arrivato dalla comunità tongana di Auckland “Siamo stati inondati di cibo e vestiti caldi, addirittura una famiglia si è quasi trasferita nella chiesa per aiutarci a preparare il cibo”. Che futuro possono avere questi ragazzi? Innanzitutto servirà partire dai soldi che Air New Zealand dovrebbe loro restituire per il volo del 23 marzo cancellato, e poi occorrerà aspettare almeno fino al 12 giugno, data dalla quale Tonga riaprirà i suoi confini. Ancora qualche settimana e poi quest’assurda situazione, raccontata dall’inglese Guardian, sarà solo un ricordo.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news
onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Buon Compleanno Ben Smith

L'icona degli All Blacks compie 34 anni

1 Giugno 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Australia: la federazione è in difficoltà. Annunciati nuovi tagli al personale e agli stipendi

Si cercherà di riprendere nel più breve tempo possibile per tornare a generare introiti

1 Giugno 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

In Australia si torna in campo il prossimo 3 luglio?

La Federazione aussies è pronta alla riorganizzazione, ma pensa anche al gioco. Quasi tutto pronto per il Super Rugby in salsa domestica

31 Maggio 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Juan Imhoff: “Che tristezza enorme essere ancora fuori dai Pumas”

L'ala del Racing 92 è l'escluso più illustre dalla lista di Mario Ledesma. Una storia che va avanti da 5 anni

30 Maggio 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Samu Kerevi: “Il 2019 è stato straziante”

Il centro australiano ha sottolineato le difficoltà della scorsa stagione, parlando anche del suo futuro al momento lontano dalla Nazionale

29 Maggio 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Brodie Retallick non giocherà nel Super Rugby Aotearoa, ha declinato l’offerta dei Chiefs

Il seconda linea ha detto no all'offerta della squadra guidata da Warren Gatland

28 Maggio 2020 Emisfero Sud