Il 59% dei club amatoriali francesi non vuole un allenatore straniero per la nazionale

La FFR ha pubblicato i risultati del referendum voluto da Laporte. Il presidente ha detto che rispetterà questa scelta

ph. Reuters

La Federazione francese di rugby (FFR) ha pubblicato i risultati del referendum consultivo promosso lo scorso 29 marzo dal presidente Bernard Laporte, in cui si chiedeva ai club amatoriali del Paese di esprimere il proprio parere sulla possibilità di ingaggiare un allenatore straniero per la nazionale maschile.

Alla domanda “Sareste d’accordo con la nomina di un allenatore straniero alla guida della nazionale francese maschile?”, la maggioranza delle società ha risposto «No» per il 59%, mentre hanno risposto «Sì» per il 41%. Il tasso di partecipazione al referendum è stato del 51%.

Sul sito della FFR, si può leggere anche una dichiarazione di Bernard Laporte. “Per me è importante dare la parola ai club […] La nazionale appartiene prima ai club dilettantistici di rugby, che allenano i nostri futuri giocatori internazionali. La preparazione della Rugby World Cup 2023, di cui siamo orgogliosi per aver vinto l’organizzazione in Francia, è una grande opportunità per interpellarli nella scelta del futuro allenatore”.

“Il 59% dei club hanno scelto di non avere un allenatore di nazionalità straniera – ha continuato Laporte – Accolgo con favore questa espressione democratica e, naturalmente, rispetterò questa scelta. Possiamo andare avanti serenamente per costruire le condizioni necessarie con l’obiettivo di vincere la Coppa del Mondo nel 2023”.

Questa consultazione non arrivava in un periodo casuale della storia del rugby francese. Nessun allenatore straniero ha mai guidato la nazionale maggiore, ma proprio nelle ultime settimane si erano fatte più insistenti le voci su un possibile arrivo del neozelandese Warren Gatland come capo allenatore della Francia.

Da dopo la Coppa del Mondo 2011, sulla panchina dei Bleus si sono alternati tre tecnici francesi – Philippe Saint-André, Guy Noves e l’attuale CT Jacques Brunel – che hanno ottenuto risultati piuttosto mediocri. In questo lasso di tempo, il miglior risultato nel torneo (che i francesi non vincono dal 2010) è stato il terzo posto nel 2017, ma è arrivato anche un ultimo posto nel 2013.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Doping, Top 14: le controanalisi di Hendré Stassen rimangono positive

Il terza linea sudafricano ha assunto testosterone e verrà probabilmente licenziato dallo Stade Français

25 luglio 2019 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Il futuro di Bastareaud? E’ in terza linea

Il giocatore sembra destinato ad indossare la maglia numero 8 nei suoi ultimi mesi in Europa

21 luglio 2019 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Top14: Mathieu Bastareaud giocherà nel Lione prima di andare negli Stati Uniti

Il giocatore rimarrà in Francia per aiutare il club e la sua rosa, durante il periodo della Coppa del Mondo

18 luglio 2019 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Top14: lo Stade Français ha sospeso Hendré Stassen dopo la positività a un controllo antidoping

Il sudafricano avrebbe utilizzato una sostanza proibita rilevata nel test dello scorso 19 maggio

12 luglio 2019 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Otto ex giocatori dello Stade Francais avrebbero fatto causa alla società

Tra questi anche Lorenzo Cittadini. Il club non avrebbe versato loro la liquidazione nel momento della risoluzione del contratto

5 luglio 2019 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Sergio Parisse al Tolone: “Per me è una sfida enorme”

Il capitano azzurro ha parlato da giocatore rossonero per la prima volta in conferenza stampa. Boudjellal: "Sarà uno dei migliori del campionato"

2 luglio 2019 Emisfero Nord / Top 14