Lions, Gatland difende la sua Warrenball: nel 2013 in tanti con le braghe calate

Il neozelandese risponde alle critiche piovute negli ultimi tempi. E non le manda a dire

ph. Action Images/Andrew Boyers

ph. Action Images/Andrew Boyers

Le critiche per lo stile di gioco che caratterizzano le sue squadre sono arrivate recentemente anche da Eddie Jones, ultimo della lista ad aver puntato il dito contro un sistema – a detta di molti – ormai vecchio e fin troppo semplicistico. Warren Gatland però non ci sta, non questa volta. L’head coach dei British & Irish Lions ha risposto al fuoco incrociato di chi ha stigmatizzato la tattica della ‘Warrenball’, implementata e perfezionata negli anni dal neozelandese nel suo Galles: “Il messaggio che mando ai giocatori è di voler giocare un rugby positivo – ha dichiarato alla BBC nella conferenza stampa che precede il secondo test della selezione britannica, contro i Blues ad Auckland – Qualche anno fa, Brian Smith (ex coach di London Irish e Inghilterra, nda) ha coniato la parola ‘Warrenball’. Non so se era dovuto al fatto che fosse geloso del nostro successo“.

 

Un Gatland intenzionato a difendere il proprio operato, oggi più che mai. “Quando è cominciato tutto questo? Quando vincevamo ai Wasps, o quando allenavo a Waikato e abbiamo vinto la New Zealand Cup? In Galles ci siamo ritrovati con dei giocatori che sono diventati grossi e fisici. Nel gioco moderno bisogna guadagnare la linea del vantaggio, provare a mettere la squadra sul piede avanzante e giocare nello spazio se possibile”. Il neozelandese ritorna anche sulle tante critiche ricevute alla vigilia della terza sfida tra Lions e Australia del 2013, dopo l’annuncio della formazione: “Circa quattro anni fa la gente ha cominciato a criticare, ed è stata beccata poi con le braghe calate“. Anche perché i britannici abbatterono i Wallabies 41-14.

 

Intanto, mercoledì all’Eden Park ci sono dei Blues da affrontare. Stando ai numeri, la franchigia di Auckland sarebbe la peggiore tra le cinque neozelandesi, ma sempre la classifica dice che gli uomini di Tana Umaga sono solo a cinque punti dalla zona playoff. “Sappiamo di non aver giocato bene sabato, e questo ci dà l’opportunità di provare a riscattarci contro i Blues”.

 

Le formazioni della sfida di mercoledì tra Blues e British & Irish Lions.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Test match: l’Irlanda batte ancora il Galles (19-10)

La prova generale per il Giappone regala a Best e Schmidt una vittoria nell'ultima a Dublino. Verdi in testa al ranking mondiale per la prima volta. E...

7 Settembre 2019 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Test Match: l’Australia supera Samoa 34-15

Prestazione comunque incoraggiante dei samoani a Parramatta. Wallabies a segno con sei mete

7 Settembre 2019 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Test Match: gli All Blacks dilagano contro Tonga

Il team di Steve Hansen segna 14 mete e non lascia scampo agli isolani, sconfitti 92-7

7 Settembre 2019 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Test Match: Irlanda e Galles si giocano (anche) la testa del ranking mondiale

Per Rory Best e Joe Schmidt sarà l'ultima davanti al pubblico di Dublino. In campo squadre con tanti titolari, diretta streaming su DAZN

7 Settembre 2019 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Test Match: La Scozia chiude la sua estate pre-mondiale battendo la Georgia

Al BT Murrayfield finisce 36-9, ma i Dark Blues ingrossano il tabellino solo nei minuti finali. Apprensione per l'infortunio di Jamie Ritchie che potr...

6 Settembre 2019 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Test Match: tutto facile per il Sudafrica in Giappone

Tripletta di Mapimpi, doppietta di Kolbe e il solito puntuale Herschel Jantjies. Per i nipponici non c'è scampo

6 Settembre 2019 6 Nazioni – Test match / Test Match