RWC 2015: All Blacks ancora così così, ma Tonga non può nulla

A Newcastle finisce 47 a 9, qualificata anche l’Argentina. Georgia al Mondiale 2019

ph. Lee Smith/Action Images

ph. Lee Smith/Action Images

Prima fase della partita che propone una squadra tongana propositiva contro neozelandesi che come nelle partite precedenti non riescono a imporre il proprio gioco e la cui manovra è “sporcata” da tante piccole disattenzioni ed errori. Va comunque rilevato che gli All Blacks non rischiano niente, non vengono messi in apprensione e che al primo affondo vanno in meta al 13′ con Ben Smith.
Schema della partita che però non cambia e al 25′ il XV in maglia rossa trova con merito i primi punti della partita con una punizione di Morath. Un minuto dopo è un controllo deficitario (e piuttosto semplice in realtà) di Naholo rovina una buona controffensiva dei tuttineri, che però accelerano e al 31′ trovano la meta con Woodcock. Tongani che quando vengono attaccati mettono in mostra tutti i loro limiti organizzativi contro una squadra che però quando cambia ritmo mette in mostra un ventaglio di opzioni veramente ampio.
Al 37′ una maul avanzante di Tonga travolge le difese neozelandesi e arriva a un nulla dalla linea di meta ma viene fermata da un fallo di Kieran Read che si prende un cartellino giallo. Mischia All Blacks in grandissima sofferenza negli ultimi minuti del primo tempo ma è fortunata a chiudere la frazione sul 14 a 3, anche perché probabilmente ai tongani manca una meta tecnica…

 

Secondo tempo che sembra iniziare con All Blacks un po’ più pimpanti ma è di nuovo Tonga a riprendere le redini mettendo in apprensione la retroguardia dei campioni in carica con un lungo attacco multifase nel 22 metri neozelandesi e al 48′ Morath trova altri tre punti e si va sul 14 a 6.
All Blacks che si riportano in attacco e sono subito letali con Milner-Skudder che trova la sua meta personale al 52′. Quattro minuti dopo è sempre Morath ad accorciare le distanze per i tongani con un altro calcio piazzato.
Al 65′ arriva la meta del bonus neozelandese con Sonny Bill Williams, marcatura che decide di fatto la classifica del girone con All Blacks primi, Argentina seconda e Georgia terza, est europei che vanno così direttamente al Mondiale 2019 senza passare dalle eliminatorie. Al 70′, subito dopo un cartellino giallo per Ngauamo, arriva la meta di Cane e al 76′ quella di Ma’a Nonu che festeggia così il suo centesimo cap.

 

Nuova Zelanda: 15 Ben Smith, 14 Nehe Milner-Skudder, 13 Conrad Smith, 12 Ma’a Nonu, 11 Waisake Naholo, 10 Daniel Carter, 9 Aaron Smith, 8 Kieran Read (c), 7 Sam Cane, 6 Jerome Kaino, 5 Sam Whitelock, 4 Luke Romano, 3 Owen Franks, 2 Dane Coles, 1 Tony Woodcock.
Riserve: 16 Keven Mealamu, 17 Wyatt Crockett, 18 Ben Franks, 19 Brodie Retallick, 20 Liam Messam, 21 Tawera Kerr-Barlow, 22 Beauden Barrett, 23 Sonny Bill Williams.

 

Tonga: 15 Vungakoto Lilo, 14 Telusa Veainu, 13 Siale Piutau, 12 Latiume Fosita, 11 Fetu’u Vainikolo, 10 Kurt Morath, 9 Sonatane Takulua, 8 Viliami Ma’afu, 7 Nili Latu (c), 6 Sione Kalamafoni, 5 Joseph Tuineau, 4 Tukulua Lokotui, 3 Halani Aulika, 2 Elvis Taione, 1 Soane Tonga’uiha.
Riserve: 16 Paula Ngauamo, 17 Sona Taumalolo, 18 Sila Puafisi, 19 Steve Mafi, 20 Jack Ram, 21 Samisoni Fisilau, 22 Viliami Tahitua, 23 Will Helu

 

Marcatori per la Nuova Zelanda
Mete: Ben Smith (13), Woodcock (31), Milner-Skudder (52), Sonny Bill Williams (65), Cane (70), Ma’a Nonu (76)
Conversioni: Carter (14, 32, 53, 66, 71)
Punizioni:

 

Marcatori per Tonga
Mete:
Conversioni:
Punizioni: Morath (25, 48, 56)

 

classifica-Rugby-world-Cup-2015

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup 2015: polverizzati i numeri delle precedenti edizioni

Pubblicato il report sull'impatto economico degli ultimi Mondiali. E le cifre sono da record

24 maggio 2016 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Joubert e la fuga dopo Scozia-Australia: l’ho fatto per tutelare il contesto, non me stesso

Il fischietto sudafricano torna sulla controversa uscita dal campo al termine del quarto di finale iridato

15 aprile 2016 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

2015, un anno mondiale: 12 cartoline per rivivere la Rugby World Cup

Trionfi di squadra e record personali, amicizie, abbracci e spettacolo. Cosa ci lascia l'evento che ha dominato l'anno ovale

31 dicembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Matfield e la sconfitta col Giappone alla RWC: “La peggior settimana della vita”

Il veterano Springboks ripensa alla clamorosa sconfitta e a come il gruppo si è ripreso

29 dicembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Rugby World Cup 2015: ecco i risultati (negativi) dell’anti doping

World Rugby ha reso noti i risultati dei 468 campioni analizzati

2 dicembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015
item-thumbnail

Post RWC 2015: Jonathan Kaplan mette dietro i pali i suoi colleghi fischietti

Uno dei più stimati arbitri di sempre analizza il torneo dal punto di vista di chi l'ha diretto. E le ombre superano le luci...

20 novembre 2015 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2015