Paul O’Connell preoccupa l’Irlanda, la Francia pensa a Michalak

Un polpaccio frena l’irlandese, il transalpino potrebbe essere richiamato a vestire il bleus

ph. Andrew Couldridge/Action Images

A una decina di giorni dall’inizio del lungo mese di test-match novembrini è Paul O’Connell a tormentare i pensieri del ct della nazionale irlandese Joe Schmidt. Il polpaccio del seconda linea continua ad avere problemi e il giocatore non potrà allenarsi fino all’inizio della prossima settimana. Per nulla sicuro che possa essere disponibile per la prima gara contro samoa in programma il 9 novembre.

 

Intanto in casa Francia ci sono alcune novità. La prima è che il pilone del Racing Metro Eddy Ben Arous sostituisce nel gruppo l’infortunato Vincent Debaty. La seconda è che il ct Philippe Saint-ndré ha riaperto le porte della nazionale a Frederic Michalak: se la squalifica comminata a Morgan Parra non dovesse essere diminuita il ct richiamerà il giocatore del Tolone.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Greig Laidlaw: “La Scozia può vincere il Sei Nazioni nei prossimi due o tre anni”

Il mediano di mischia lancia la sua profezia per il futuro

item-thumbnail

British & Irish Lions: fra il pareggio con gli All Blacks e l’incertezza degli Springboks

La selezione d'Oltremanica ricorda lo storico match provando a proiettarsi verso l'anno prossimo

item-thumbnail

E se Hoskins Sotutu giocasse con l’Inghilterra?

Scopriamo perchè e come il fenomeno dei Blues potrebbe vestire la maglia numero 8 della squadra di Eddie Jones

item-thumbnail

“Non canterò più Swing Low, Sweet Chariot “, lo dice il CEO della Federazione Inglese

In Inghilterra continua a far discutere il canto dei tifosi della Nazionale della Rosa

item-thumbnail

Francia: Galthié svela alcuni retroscena del ritiro internazionale di Jefferson Poirot

Il ct della nazionale transalpina offre un punto di vista diverso alla vicenda

item-thumbnail

Eddie Jones lancia l’allarme: “Il rugby? Sta diventando troppo simile al football americano”

Il coach dell'Inghilterra analizza l'evoluzione del gioco negli ultimi vent'anni