Seguici su Facebook Twitter Google+ Pinterest Instagram YouTube Feed Rss
Login        

Caso-Paz: respinto il ricorso di Viadana. E c’è la seconda riunione

La FIR: il club mantovano assente all'incontro del 2 maggio con gli staff medici
ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

E’ arrivata la decisione della Corte Sportiva di Appello della FIR in merito al caso-Paz. Nel breve dispositivo pubblicato (consultabile a questo link, l’ultima in ordine cronologico) e in attesa di conoscere le motivazioni della sentenza, si legge che la Corte “respinge il reclamo così come proposto” da Viadana.

Tra gli articoli citati del Regolamento di Giustizia sulla base dei quali è stata presa la decisione, il n. 22 (Illecito sportivo), il n. 25 -29 (Illecito tecnico e illecito tecnico del soggetto affiliato), il n. 52 (competenza dei Giudici Sportivi) e il n. 63 (Competenza dei Giudici federali). Citati inoltre “il Processo HIA (Istruzioni operative) della Commissione Medica Federale e il Protocollo HIA della World Rugby”.

Sabato al San Michele si riparte dal 18-12 con cui Viadana ha sconfitto Calvisano allo Zaffanella nella semifinale di andata,

 

UPDATE ORE 19: il comunicato FIR che dà conto della decisione della Corte Sportiva d’Appello federale è accompagnata dalla seguente nota, che riportiamo integralmente. 

 

La Federazione Italiana Rugby, a conclusione di una vicenda che tanto dibattito ha suscitato all’interno del movimento, desidera ribadire come l’unico fine dell’applicazione sperimentale del protocollo “Head Injury Assessment” sviluppato ed applicato dalla Federazione internazionale sia esclusivamente la prevenzione degli esiti dei traumi cranici, costituendo un protocollo prettamente medicale che non incide sul risultato dell’incontro.

Le quattro Società semifinaliste, in occasione tanto della riunione dei dirigenti dell’1 maggio che in quella degli staff medici del 2 maggio, erano state informate di come il protocollo sarebbe stato introdotto in via sperimentale, garantendo la piena collaborazione al processo di revisione successivo alla sperimentazione stessa.  

Alla riunione tra la Commissione Medica Federale e gli staff medici dei Club semifinalisti di martedì 2 maggio erano presenti i rappresentanti degli staff medici di Patarò Calvisano, Petrarca Padova e Femi-CZ Rovigo.

L’applicazione del protocollo, seppur in via sperimentale, costituisce un significativo passo avanti nel processo di sviluppo del Campionato Italiano d’Eccellenza e nella sensibilizzazione di tutte le Società ad una maggiore attenzione alla salute dei giocatori, nonché un pieno allineamento alle richieste di World Rugby in relazione al player welfare nelle principali competizioni nazionali. 

Il percorso avviato da FIR con l’introduzione sperimentale del Protocollo HIA nelle fasi finali del massimo campionato proseguirà come previsto con l’intento di progredire nel percorso di formazione e responsabilizzazione in materia degli staff medici, tecnici e dirigenziali delle Società. 


onrugby.it © riproduzione riservata

ULTIME NOTIZIE IN QUESTA CATEGORIA



72 risposte a “Caso-Paz: respinto il ricorso di Viadana. E c’è la seconda riunione”

  1. bersagliere_rossoblu scrive:

    @ redazione: almeno il link giusto…
    ma PQM (per questo motivo) quale?????????????????????????

    http://www.federugby.it/index.php?option=com_docman&task=cat_view&gid=537&Itemid=959&lang=it

  2. McSmith scrive:

    Bene, non riusciamo a far rispettare manco le regole. Secondo me è un disastro peggiore del 6N 2017 dell’Italia.

  3. Mario scrive:

    Per ora le finaliste saranno scelte dal Rugby, per gli avvocati c’è tempo.

  4. james1971 scrive:

    Nessuna risposta ai quesiti posti alla Fir da Petrarca, Rovigo e Viadana? Banalizzando: “con quali regole giochiamo?”

  5. antony scrive:

    valori …insegnamenti… dignità….rispetto dell’avversario …..ma chi se ne frega ,mamme papà portate i vostri figli a giocare a rugby insegneremo ad essere UOMINI ,,,,,,,noooooooooo scusate caporali

  6. Hullalla scrive:

    Continuiamo a nasconderci dietro ad un dito… chissa’ come mai la gente non va piu’ allo stadio, sara’ sfortuna… maledetta sfortuna… ? :(

  7. bersagliere_rossoblu scrive:

    auguri alla terna domani e domenica, anzi a quaterna e cinquina col TMO…
    :(

  8. Bradiporapido scrive:

    Una cosa che mi dispiace, da osservatore neutrale, è che i giocatori del Calvisano durante la regular season hanno ampiamente (e meritatamente) dimostrato di non aver bisogno di alcun favore. Con queste decisioni penso che si sciupi anche il loro lavoro.

  9. Capitan Fracassa scrive:

    Vergognoso…. il Viadana si prepari bene per domani. Prevedo il sedicesimo uomo in campo per Calvisano (e non sto parlando del pubblico calvino…)

  10. barbin cursari scrive:

    mi assumo la responsabilità di quanto dico: campionato falsato, prima dal caso san donà poi da questo indecente siparietto fir-calvisano. i calvini trionferanno il 27 a casa loro (perchè GLIELA FARANNO VINCERE COMUNQUE) e si cuciranno sulle maglie un altro scudetto sudicio come quello del 2014… VERGOGNA!!!

  11. cammy scrive:

    Immagino che se non riusciranno a vincere i play off ci sarà il comunicato fir che le partite con regole sperimentali non influiranno sull’assegnazione del campionato.. al calvisano! VERGOGNA!

  12. giomarch scrive:

    Fossi il presidente di una delle tre semifinaliste ritirerei la squadra adducendo una concussion a 23giocatori dopo 1secondo di gioco..tanto non possono provare nulla..
    Fanno ribrezzo..

  13. parega scrive:

    A calci in culo i presidi dei club che hanno votato gavazzi

    • onit52 scrive:

      Ecco c…o finalmente l’ unico post giusto!!
      E più forte in primis a quelli veneti ,che nonostante siano stati colonizzati per trenta anni ( contribuendo a tenere in piedi il movimento ),quando avevano l’ occasione hanno ancora scelto di essere solo vassalli !

  14. steve scrive:

    Non riesco a capire un paio di cose, ma sono sicuro che qui dentro qualcuno ne sa più di me. Le seguenti cose che non capisco sono in irdine:
    1. In ordine al recente scandalo (si può definirlo così?) “concussion-Paz-Calvisano” non si capisce perchè le regole al Calvisano vadano interpretate o per lo meno applicate “a seconda”, mentre invece per le tutte le altre formazioni del campionato vengano applicate rigorosamente a prescindere. Esempio più eclatante di questo fatto è il caso San Dona, che aveva in distinta un giocatore “non di formazione italiana”, che non è nemmeno entrato in campo, e nonstante ciò è stato classificato come se la società avesse voluto giocare d’astuzia, ovvero farlo passare di formazione italiana, e perciò punita con 8 punti (4 della sconfitta + 4 di penalizzazione) di penalizzazione, che ha comportato un danno economico di ben 400.000 euro (il non ingresso ai play-off). Verebbe quasi da pensare: “Ben gli sta! Così la prossima volta impara a votare e vota dalla parte giusta”, ma sarebbe una mera e magra consolazione, se non ipocrita. Il punto è che il regolamento va applicato, ovverosia LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI, o no?!
    2. Perchè il Calvisano rugby è vista come l’unica e la sola società di rugby di eccellenza pronta ad accogliere i migliori giovani provenienti da tutt’Italia, ripeto, solo i migliori, o quelli che hanno un “partito” migliore (meglio che non faccia nomi), farli esordire in Eccellenza, farli passare come già dei salvatori della patria rugbistica, poi dargli già loro la palma del vincitore del campionato, cosa che accade inellutabilmente neanche tanto per caso, e poi passarli alle zebre, e poi andare in Nazionale, Perchè? Perchè esiste questa specie di autostrada diretta pe ril paradiso (vitruale) che passa solo per Calvisano. Per una cittadina di 8.000 anime con uno stadio nuovo di zecca che ne può contenere 5000!? Come se a Roma ci fosse uno stadio per il calcio da 1.875.000 abitanti, ovvero il 62,5 della sua popolazione, …!!!!
    C’è qualcosa che non quadra in tutto ciò, qualcosa che i vertici Fir devono solo augurarsi che il livello del rugby Italino si perpetui ancora per tanti anni così com’è adesso, facendo attenzione a vincere una partita internazionale ogni dieci o anche meno, per lasciare tutto come sta ora, non creare interesse e clamore attorno al rugby, non farsi notare…….perchè se invece dovesse essere che qualche bravo giornalista veramente s’interessasse della facenda Fir-Zebre-Calvisano oooohh, ne tirerebbe fuori delle belle, roba da confrontare con le organizzazioni di stampo ma..so. Eh, sì! Te lo dico io che a fare il cartellino dei nuovi arrivati al calvisano con cinque anni di contratto e con già l’opzione Zebre inserita non si fa mica!! Con quali soldi si paga l’ingaggio del nuovo arrivato , coi soldi del calvisano, quali soldi? queli delle zebre? o forse quelli della Federazione?
    Forse tutto ciò ha un senso, un senso ovviamente speculativo ed egoistico, infatti non è una notizia che quando il rugby itlaiano era rispettato all’estero, vi giocavano grandi campioni che l’hanno reso grande essi provenivano tutti da Treviso-padova-rovigo-San donà-L’Aquila-Catania-Noceto-Roma, quante realtà sono rimaste dignitosamente in piedi da quando esiste il sistema attuale? Oggi esiste l’autostrada “Voto-Accademia-Calvisano-Zebre-Nazionale”, e infatti le maggiori testate giornalistiche di settore ad ogni nostra comparsa (perchè non può essere definita altrettanto) internazionale ci ridono dietro!! Sissignori! Ci ridono dietro! Bisogna dire le cose come stanno, ma a “loro”, e per “loro” intendo il sistema organizzativo attuale, non frega neinte dei risultati in campo, a “loro” interessano solo i risultati economici per se stessi, dato che la Fir attualmente è in debito di 4.000.000 di euro, fino ad adesso.
    saluti

  15. Paolomn scrive:

    Semplicemente Viadana domani va in campo e gli fa un xxxxxx e xxxxxxxxxxxxxxxx e poi anche xxxxxxxxx fino alla fine e poi saluta!

  16. yuri scrive:

    Ma nessun Giornalista..con la G maiuscola..ha pensato di intervistare il giocatore Paz, chiedendogli se poteva spiegare il motivo della sua uscita? Conterei molto sulla sua onestà..

    • Silverfern scrive:

      ih,ih,ih,ih,ih,ih,ih,….onestà…..a Calvisano?…..ah,ah,ah,ah..
      l’intervista non gliela fa fare Gavazzi, adducendo, magari che non capisce bene l’Italiano e quindi potrebbe essere frainteso….
      intervistare Paz…..
      sarebbe bello, come dici tu, ma impossibile.

  17. fano scrive:

    comunque sul sito federale il comunicato è della serie” non rompete i maroni siamo a posto così”…..

  18. Airone valle Olona scrive:

    Andiamo a vincere lì !!!
    Andiamo a vincere a Città del Capo !!!
    Dai c’andom!!!

  19. Bubi scrive:

    Bene, da questa faccenda si evincono due cose : la prima è che esistono figli di un dio minore. La seconda che nelle prossime tre partite se ad un giocatore viene un attacco di diarrea può uscire al grido di “concussion” farsi sostituire per il tempo che ci vuole, è poi rientrare. Grazie Fir !!!

  20. narodnik scrive:

    avete notato nel comunicato non c’e’ uno straccio di spiegazione?non se ne sono dimenticati,e’ che la decisione e’ inspiegabile.mi viene in mente qualche pensiero:chi sara’ il prossimo tecnico delle szibre?o sci’ avra’ finalmente capito in quale palude e’ finito?a viadana chi avevano votato alle elezioni?

  21. Skarafaz scrive:

    Beh domani sostituzioni libere allora… tanto adesso c’è il precedente!

  22. fracassosandona scrive:

    giudice sportivo o tribunale federale? questo è il dilemma…
    il giudice sportivo (primo grado) si dichiara incompetente…
    la corte sportiva d’appello (secondo grado) conferma che il giudice sportivo è incompetente…
    illecito tecnico o illecito sportivo?

    Regola 3.12
    Se, in qualsiasi momento durante una gara, un giocatore subisce una commozione cerebrale o ha una sospetta commozione cerebrale, quel giocatore deve essere fatto uscire dal campo immediatamente e in modo permanente. Questa procedura è nota come “Riconoscere e Rimuovere”.

    Solo nelle partite di Rugby d’élite giocate da adulti, che siano state preventivamente approvate da World Rugby (come da Normativa 10.1.4 e 10.1.5) relativamente all’utilizzo dell’Esame dei Traumi Cranici e della procedura per le sistituzioni temporanee, un giocatore che deve essere sottoposto ad un Esame di un Trauma Cranico:
    • Deve abbandonare il campo di gioco; e
    • Verrà sostituito temporaneamente (anche se tutte le sostituzioni/rimpiazzi
    sono stati utilizzati).
    Ciò consente di esaminare un giocatore quando non è immediatamente evidente se il giocatore ha una commozione cerebrale o una sospetta commozione cerebrale e se deve essere fatto uscire dal campo in modo permanente.
    Quando tale giocatore è stato sostituito temporaneamente:
    (a) Se il giocatore non viene presentato ad un ufficiale di gara sulla linea di touch entro dieci minuti (tempo effettivo) dal momento in cui ha abbandonato il campo per essere sottoposto all’Esame per Trauma Cranico, la sostituzione
    diventerà automaticamente permanente e il giocatore sostituito non potrà
    rientrare in campo.

    PAZ non è stato sottoposto al protocollo HIA ma è rientrato.
    Che cosa ha scritto Vivarini sul referto?
    Alla fine verrà incriminato l’arbitro.

  23. Capitan Fracassa scrive:

    Le precisazioni (pro Calvisano) della FIR e le riunioni di spiegazione del protocollo HIA c’entrano come i cavoli a merenda con il caso Paz….. PAZ SI ERA INFORTUNATO AL GINOCCHIO!!!! Cosa cavolo c’entra il protocollo HIA?!? Ma hanno finito di prendere in giro la gente? BASTA!

  24. malpensante scrive:

    Boh. Se la regola conta nulla allora non poteva rientrare, se conta non poteva rientrare senza protocollo e comunque prima dei 10 minuti. Se fanno come gli pare, allora vabbè, giochino in 16 e senza fuorigioco, ma che valga per tutti.

  25. Airone valle Olona scrive:

    Domani sostituzioni libere come nella pallacanestro… è il rugby 2.0 quello che piace tanto al nostro presidente…

  26. cammy scrive:

    “Alla riunione tra la Commissione Medica Federale e gli staff medici dei Club semifinalisti di martedì 2 maggio erano presenti i rappresentanti degli staff medici di Patarò Calvisano, Petrarca Padova e Femi-CZ Rovigo.”

    In maniera garbata stan dando degli stupidi allo staff di padova e rovigo.. sempre meglio!

    • cassinet scrive:

      non penso.
      In maniera non garbata stanno dando degli stupidi allo staff di padova e rovigo che sapevano che si potevano fare sostituzioni libere e temporanea a piacimento e degli sfigati allo staff di Viadana che non era presente quindi, chi va via perde il posto all’osteria !

    • narodnik scrive:

      secondo me stanno dicendo che quelli di viadana non c’erano e che quindi hanno mal interpretato,peccato pero’ che la sostituzione riguardi un giocatore del calvisano non di viadana..e ci si chiede perche’ gli stadi son vuoti,non si trovano imprenditori,i praticanti sono in calo,non si trovano tv per trasmettere rugby in chiaro,in pro12 e’ un fallimento totale,la nazionale e’ ai minimi storici da quando c’e’ il professionismo,la fir stava per essere commissariata(salvati da mago mago’),bilanci pubblici truccati da anni,ma alle prossime elezioni chi vince?ahahahah viva la pagnotta

  27. sa fee scrive:

    mi fa male un ginocchio sono a calvisano cosa devo dire al medico di guardia?

  28. Giovanni scrive:

    “Alla riunione tra la Commissione Medica Federale e gli staff medici dei Club semifinalisti di martedì 2 maggio erano presenti i rappresentanti degli staff medici di Patarò Calvisano, Petrarca Padova e Femi-CZ Rovigo.”
    Forse in FIR non si sono accorti che la violazione è stata commessa da Calvisano non da Viadana. Cosa c’entra che il medico di Viadana non fosse presente alla riunione tecnica? Oltretutto, afferma che erano presenti i medici di Padova e Rovigo, che ieri hanno emesso il comunicato congiunto in cui chiedevano chiarimenti circa l’applicazione della regola sperimentale.

  29. mamo scrive:

    Non rimane che fare un tifo furioso per Vadana e io domani lo farò .

  30. Rabbidaniel scrive:

    Fossi in Viadana manderei in campo l’under e così anche se fossi l’altra finalista. Non si può essere tanto spudorati, a tutto ci dovrebbe essere un limite…

    • gian scrive:

      Io, invece, mi giocherei la qualificazione tutta la vita, ma, userei qualsiasi mezzo antisportivo per portarla a casa, che so, pubblico che rumoreggi continuamente in maniera fastidiosa, la banda che suoni durante i piazzati, cambierei per concussion un giocatore ogni 5mim, chiaramente senza compilare i moduli appositi e lasciandolo palesemente a bordo campo a guardare l’incontro, perderei tempo per arrivare sul punto di ripresa del gioco, farei perdere tempo su ingaggi e touche, chiaramente tutto dentro i limiti estremi del regolamento, ma sai un crampo al pilone 1sec prima dell’ingaggio può capitare, anche 7/8 volte a partita, etc etc senza cadere nella violenza, chiaramente, anche un bel lancio di caschetti dalle tribune a gioco lontano, in campo, con pausa per ripulire, non sarebbe male.
      Praticamente ridurre la partita ad una buffonata quale è stata tutta questa storia

    • gsp scrive:

      cioe’, hanno la possibilita’ di andare in finale con merito e partono con un leggero vantaggio. e dovrebbero mandare in campo l’under per difendere una regola che fino al giorno prima non c’era e che non hanno neanche capito bene come applicare? mah.

      • gian scrive:

        @gsp questa della regola che non hanno capito a viadana è una balla che hanno messo sù per giustificare la sentenza, chiariamo bene le cose
        nelle semifinali è stato introdotta una nuova metodologia in caso di sospetta concussion, è stata spiegata in due riunioni , a una delle quali viadana non ha partecipato, quella strettamente medica, se non ho capito male, ma a cui hanno partecipato tutti gli altri
        calvisano ha chiamato due sospette concussion durante la partita, usando i metodi giusti secondo il metodo in uso durante tutto l’anno
        a fine partita viadana ha notato che nel primo caso la metodologia è stata applicata regolarmente (denuncia agli arbitri e controllo da parte dei medici), nel secondo caso, che già pareva sospetto dato il tipo di colpo e dinamica subito dal giocatore, non è stata cosegnata la documentazione necessaria secondo la metodologia in sperimentazione
        la denuncia parte per questo, mancano le certe che certificano la regolarità di questo cambio, a prescindere che fosse un trucco o meno
        Il giudice di primo grado accerta che è tutto a posto per quanto riguarda le regole “regolari” e passa tutto al livello superiore
        la fir specifica che le regole sperimentali possono essere disattese senza conseguenze
        le altre squadre comunicano e specificano che negli incontri di preparazione non era stato detto questo
        il giudice di secondo grado avvalla la tesi della federazione
        QUINDI o non hanno capito un ca@@o in tre e uno sì o il contrario (a essere buoni e non voler dire che il quarto ha imbrogliato), la fed stessa evidentemente o ha spiegato tutto di m@@@a o ha cambiato le carte in tavola per favorire qualcuno.
        ora le probabilità vanno verso il fatto più brutto, però potremmo anche sbagliare, ma a pensare male…

      • gsp scrive:

        Ma certo che non l’hanno capito, sennó non facevano il comunicato. E facevano il ricordo su un altro terreno.

        Forse mi sbaglio, ma mi sembra anche prevedibile che se fai ricordo per illecito sportivo, difficilmente avrai chiarezza in due settimane.

        Aggiungo, nel comunicato FIR recente (quello che dice “non altera il risultato…”). Almeno c’è chiarezza. E si chiede chiarezza poi non ci si puó lamentare quando c’é.

        • gian scrive:

          Ok hai ragione, coglioni gli altri, gli unici che hanno capito sono i calvini
          la risposta delle squadre è stata fatta proprio dopo il comunicato federale che diceva quell’enorme bestialità, dicendo che erano state date diverse indicazioni.
          quindi non ho capito la fir fa un incontro-uno protesta perchè non si fa quello che è stato detto in riunione-la fir dice che le regole sono diverse da quelle capite-tutti gli rispondono che stà dicendo una cosa che è diversa da quella inizialmente indicata-i giudici fir se ne sbattono e graziano una squadra che ha disatteso una procedura (evitiamo tutta la dietrologia su calvisano)-i cretini sono quelli rilevano che una squadra non ha seguito le regole
          Meno male che ci siete voi

  31. maz74 scrive:

    VIADANA in campo a combattere come all’andata, libera nella testa e tutta la pressione in capo al Calvisano.
    Speriamo che l’arbitro non sia determinante, ma che sia solo ed esclusivamente il campo a dare il giusto risultato.

  32. bangkok scrive:

    Forse m’è sfuggito, ma non mi pare di aver letto tra tutti i commenti nessuno che affermando di essere di Calvisano avesse l’onestà e l’umiltà di ammettere la vergogna perpetrata al rugby italiano e prendere le distanze da quel gruppo di affaristi disonesti che fa solo del male al movimento rugbistico nazionale.

  33. filo scrive:

    E’ UNA COSA VERGOGNOSA!!!!!!!!!!!!!!!!
    Ogni altro commento è superfluo. Il responsabile di questa schifezza ha sicuramente un nome e un cognome. Fino a che non si cambierà pagina, con questi incapaci non si può andare da nessuna parte

  34. cracco scrive:

    Questo disastro non è opera di uno solo. Le colpe non possono essere solo del Presidente. Se avesse un staff di gente con le palle, ci sarebbe la coda per prendere le distanze dall’anti sport cui assistiamo. Certo dai soggetti pagati come Perruzza, Arancio e Luisi non puoi aspettarti molto. Ma Rebecchini, Curioni, Beraldin, Zanovello, Morri, Presutti, Saccá come fanno a fare patti con questo modo di fare e gestire? Forse gli hanno il bavaglio ma non si può essere correi di questa vergogna: se avete ancora dignità, lasciate gli affaristi da soli e toglieteci il dubbio che anche voi non lo siate.

Lascia un Commento

Occorre aver fatto il login per inviare un commento