Samoa, l’head coach Mapusua: “Non ci speravo, ora sono incredulo per il talento che potrei avere”

In vista della Coppa del Mondo 2023 la squadra samoana potrebbe diventare una durissima contender. Anche Josh Ioane farà parte del gruppo?

Samoa: i 31 convocati per i test match contro Maori All Blacks e Tonga. PH Sebastiano Pessina

Samoa, l’head coach Mapusua: “Non ci speravo, ora sono incredulo per il talento che potrei avere”. PH Sebastiano Pessina

Definirla una rivoluzione è forse poco: il cambio di regole approvato da World Rugby sulla possibilità per alcuni giocatori di scegliere un’altra nazionale nella quale giocare (con tutte le limitazioni che sono state spiegate qui) ha portato improvvisamente alla ribalta il fatto che certe formazioni potrebbero a dir poco raddoppiare il loro valore internazionale. Questo in particolar modo si applica alle squadre del Pacifico, a lungo “depredate” dei loro talenti che ora invece potrebbero fare “ritorno a casa”: Fiji, Tonga e Samoa quindi affilano le armi, soprattutto verso la Coppa del Mondo 2023 dove nessuno dei grandi protagonisti vuole essere assente.

Leggi anche: Folau, Sopoaga e tutti quelli che potrebbero cambiare maglia con le nuove regole

L’allenatore di Samoa, Seilala Mapusua, non sta nella pelle per quanto è successo: “Ero convinto che il cambio di regola sarebbe stato respinto, sono ancora incredulo. Ringrazio le persone che si sono impegnate per far sì che accadesse”. Passando poi al concreto, Mapusua sogna a occhi aperti, visto che ci sono fior di campioni pronti a “switchare” e giocare con Samoa: giocatori come Steven Luatua, Ben Lam, Lolagi Visinia, George Moala, Jeff Toomaga-Allen e Lima Sopoaga sanno assolutamente fare la differenza, ma non sono i soli: “C’è anche Josh Ioane che potrebbe venire con noi se non giocherà con gli All Blacks il prossimo anno. Adesso abbiamo tantissime opzioni per rinforzare la nostra squadra”.

Leggi anche: Rugby World Cup 2023, il calendario completo del mondiale

Samoa parteciperà alla Coppa del Mondo 2023 nel Girone D, assieme a Inghilterra, Giappone, Argentina e una qualificata americana, potendo quindi sognare in grande. “Non è che ora vinceremo tutte le partite, ci mancherebbe, ma essendo paesi piccoli e con poche risorse potremo contare su tanti ottimi giocatori in più”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
TAG:
item-thumbnail

Os Du Randt torna sul campo per allenare la mischia della Russia

Il leggendario pilone sudafricano si rimette in discussione per provare a rialzare la Russia dopo un periodo di risultati poveri

item-thumbnail

Dopo tre anni, nel 2022 l’Argentina tornerà a giocare in patria: ecco l’avversaria di luglio

I Pumas sfideranno la Scozia in una serie di tre test match, uno dei quali sarà disputato in una città che mai aveva visto la Nazionale

28 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Dick Muir è il nuovo head coach della Russia

Ex assistente degli Springboks e head coach degli Sharks proverà a risollevare il movimento dalla crisi che sta attraversando

24 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Eddie Jones sorprende tutti: “Rassie Erasmus? Aveva ragione sugli arbitri, ma è mancato il rispetto”

Il tecnico dell'Inghilterra ha analizzato quello che è successo con il Director of Rugby degli Springboks

22 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match
item-thumbnail

Gli higlights di Paesi-Bassi Spagna. Giocatore iberico in fin di vita per un incidente dopo la partita

Vittoria a due facce per la Spagna, che chiude il torneo in quarta posizione ma è molto preoccupata per uno dei suoi equiparati

21 Dicembre 2021 6 Nazioni – Test match / Test Match