Azzurrini incompiuti: meriti e demeriti di una under 20 bella e perdente

Ancora una volta non arriva un risultato che sembra a portata, ma il livello di questa squadra induce all’ottimismo

Italia under 20

Giacomo Ferrari in azione in Italia-Irlanda – ph. FIR

Ancora una volta il percorso dell’Italia under 20 si arresta sul più bello.

È diventato un brutto vizio, quello di lasciarsi scivolare di mano vittorie alla portata. È successo nelle due gare che questa classe di Azzurrini ha disputato contro la Francia nella prima parte dell’anno, è accaduto con la medesima Francia nella seconda giornata di questo Sei Nazioni e, infine, contro l’Irlanda nell’ultima partita disputata.

L’Italia ha giocato 40 minuti da grandissima. Dopo un primo tempo dominato poteva rammaricarsi di non essere riuscita a mettere un divario maggiore rispetto agli avversari, vista la facilità con cui entrava nei 22 metri avversari in fase offensiva.

Un rugby bello, offensivo e dinamico quello giocato dagli Azzurri.

Leggi anche: La cronaca di Italia-Irlanda Under 20 del Sei Nazioni di categoria

Dopo un primo tempo giocato ad un livello abbacinante, concludendo la frazione in vantaggio di 11 punti, Luca Andreani e compagni hanno subito un duro 18-0 nella seconda parte dell’incontro, cedendo infine il passo per 30-23.

A risaltare è la differenza fra i due tempi in termini di disciplina, al quale si appiglia un discorso di esperienza e tenuta mentale. Non che gli Azzurrini si siano tirati indietro, anzi, la loro fame nel confronto è andata crescendo man mano che gli avversari alzavano il livello. Piuttosto, è la lucidità del fare la cosa giusta che è sembrata differente tra le due squadre, anche nei piccoli dettagli.

Oltre a un difetto nel sapersi adattare ad un metro arbitrale che ieri è stato diverso dal solito, ma al quale serviva accondiscendere.

Questo scalino, quello dell’abitudine a vincere, rimane il più grande ostacolo da salire per una squadra giovanile destinata a chiudere il proprio ciclo da incompiuta, ma a dare soddisfazioni al movimento nel prossimo futuro.

Le potenzialità di questo gruppo sono davanti agli occhi di tutti e il numero di giocatori interessanti in chiave rugby pro forse superiore a quello delle precedenti annate, nonostante forse non si raggiungano i picchi di qualità toccati all’iterazione precedente della nazionale under 20, sfortunata nel non poter disputare più partite insieme.

Il piccolo rammarico rimane anche che nessun giocatore del 2001 disputerà un mondiale giovanile. Un’esperienza decisiva nell’avviare la carriera di tanti talenti che avrebbe potuto dar loro le soddisfazioni che non hanno saputo trovare in un Sei Nazioni di categoria che rimane comunque generalmente positivo e con ancora un’altra partita, la più difficile, da disputare.

Lorenzo Calamai

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui per restare aggiornato sul regolamento del rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italia “A”: una sostituzione per infortunio tra due flanker delle Zebre

Continuano le modifiche nel gruppo azzurro guidato da Crowley e Troncon. La partita con la Spagna si avvicina (sabato 30, ore 16.45)

item-thumbnail

Italia A: nuova convocazione, si rivede un numero 9 delle Zebre

Lo staff tecnico azzurro apporta una modifica al gruppo che dalla prossima settimana lavorerà a Verona verso la partita di Madrid

item-thumbnail

Italia “A”: ufficializzato un nuovo test internazionale il 14 novembre

La seconda selezione azzurra giocherà al Plebiscito di Padova la sua seconda partita autunnale dopo il debutto in Spagna

item-thumbnail

Italia A: in calendario un nuovo match a novembre

Per la selezione azzurra ci potrebbe essere anche una terza sfida a dicembre, a dimostrazione del valore dato alla squadra guidata da Troncon

item-thumbnail

Ange Capuozzo a OnRugby: «Sono felice per la convocazione, il club è stato molto disponibile»

L'estremo di Grenoble, dopo la convocazione nella Nazionale A, ha raccontato a OnRugby della sua felicità e della disponibilità del club a lasciarlo p...