Maxime Mbandà: fra le Zebre e l’Italia, due “nuovi” capitoli della sua carriera

Il terza linea non vede l’ora aggiungere nuove pagine al suo personalissimo libro ovale

Maxime Mbandà: fra le Zebre e l'Italia, due "nuovi" capitoli della sua carriera

Maxime Mbandà: fra le Zebre e l’Italia, due “nuovi” capitoli della sua carriera (Ph. Sebastiano Pessina)

Una conferma, ma anche l’inizio di due “nuovi” capitoli della sua vita ovale. E’ un Maxime Mbandà che sprigiona risolutezza e positività quello che oggi è intervenuto in video-conferenza dal ritiro azzurro di Pergine Valsugana sottoponendosi alle domande della stampa, fra cui anche Onrugby. Ecco le sue parole.

Maxime Mbandà: fra le Zebre e l’Italia, due “nuovi” capitoli della sua carriera

Sul rinnovo con le Zebre, ufficializzato da pochissimo: “E’ stato un rinnovo, per tempistiche, un po’ più lungo del solito, perché sono in una fase della vita in cui mi voglio prendere i momenti giusti per riflettere pensando anche al futuro. A livello rugbystico non ho mai avuto dubbi invece: sono legato alle Zebre e voglio cercare, insieme ai miei compagni, di portarle il più in alto possibile”.

Sulle prime impressioni rispetto al raduno con la nazionale e i suoi elementi: “Sappiamo che c’è in atto un processo di rifondazione e che ci sono tanti giovani che sono arrivati all’azzurro. Ormai però, dopo un anno di convocazioni e ritiri, ci conosciamo. E’ arrivato il momento di cambiare passo e iniziare a vincere qualche partita”.

Su questo tema ha poi proseguito: “Sul campo e nella vita in generale a me piace fare i fatti. Quando parlo di cambiamento è questo che intendo: i nostri tifosi hanno sentito tante volte queste parole, ora è arrivato il momento di farle coincidere con qualcosa di importante. Anche perchè dobbiamo tornare a guadagnarci il tanto il loro rispetto quanto quello degli avversari”.

Sull’arrivo di Crowley: metodo di lavoro e filosofia di gioco. “Noi delle Zebre non abbiamo mai avuto Kieran come allenatore, ma stiamo cercando di imparare nel più breve tempo possibile quello che ci chiede. La cosa più importante che vogliamo far vedere e che lo staff ci sta chiedendo è quella della creazione visibile di un’identità di gioco.

“Gli avanti? Per assimilare più velocemente i processi e i meccanismi relativi ai nostri compiti in campo ci stiamo appoggiando molto al lavoro di Andrea Moretti, che per noi delle Zebre in particolare è una sicurezza. Sappiamo però che il gioco non si compone solo del nostro comparto, ma che andrà collegato territorialmente e tatticamente con quello dei trequarti.

Sulle terze linee in azzurro: “Inutile nasconderlo: la concorrenza è agguerrita. Tutti vogliono giocare da titolari e vi aggiungo il fatto che spesso Crowley ha composto la sua panchina con 6 avanti e 2 trequarti, il che potrebbe voler dire avere uno slot in più a disposizione per far parte della partita. Vedremo come andrà”.

Sulla “carenza” relativa ai placcaggi: “E’ un’area di gioco sulla quale dobbiamo lavorare e stiamo lavorando. Fare allenamenti di ore e ore solo ed esclusivamente su questo fondamentale però non è fisicamente possibile, deve scattarci un click mentale che ci porti in partita a essere precisi e dettagliati a conoscere al meglio i nostri avversari e a percepire il pericolo cercando di costruire delle reti che, in caso di errore, ci consentano di aiutarci”.

Infine una battuta sul “Cavalierato”: “Io sono il Maxime Mbandà di sempre, per me non è cambiato nulla se non le prese in giro ironiche dei compagni in allenamento. Ma ci sta, questo fa tutto parte del gioco (ride, ndr)”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Kieran Crowley e lo staff della Nazionale in visita alle Fiamme Oro

Il tecnico azzurro è andato a trovare, insieme agli assistenti e non solo, il club capitolino

22 Settembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Kieran Crowley e lo staff della Nazionale ospiti del Colorno

Dopo due società emiliane, lo stato maggiore del rugby azzurro è passato da Colorno per lavorare assieme allo staff tecnico biancorosso

16 Settembre 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni 2022: Le partite dell’Italia andranno in diretta in chiaro

Una bella notizia per tutti gli appassionati, resta solo da capire quale sarà la rete che le trasmetterà

30 Agosto 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia verso l’autunno: chi a 10 se si gioca il 30 ottobre?

Paolo Garbisi e Tommaso Allan non ci saranno se si giocherà fuori dalla finestra internazionale

20 Agosto 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Ange Capuozzo a OnRugby: «Ho due sogni: la nazionale e il Top14»

L'estremo italo-francese si racconta a OnRugby, tra il sogno della nazionale azzurra e l'obiettivo della promozione in Top14.

3 Agosto 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italrugby: gli Azzurri restano senza sponsor di maglia

Il main sponsor della nazionale esercitando il diritto di recesso ha scelto di non rinnovare il contratto con FIR

22 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale