Argentina: decise le punizioni per Matera, Petti e Socino

La UAR ha deciso cosa toccherà nel prossimo futuro ai giocatori coinvolti nel caso dei tweet di stampo razzista

Argentina: Pablo Matera è uno dei giocatori coinvolto nel caso dei tweet razzisti Photo: Stuart Walmsley / Rugby Australia

Argentina: Pablo Matera è uno dei giocatori coinvolto nel caso dei tweet razzisti Photo: Stuart Walmsley / Rugby Australia

Al termine di un’indagine durata quattro settimane, la federazione Argentina ha deciso la linea da adottare riguardo al caso dei tweet di stampo razzista di suoi tre giocatori, cioè Pablo Matera, Guido Petti e Santiago Socino. Un terremoto esploso pochi giorni dopo la penultima gara del Tri Nations 2020 contro gli All Blacks, prima della quale i Pumas non avrebbero onorato a dovere (secondo la stampa e i tifosi sudamericani) Diego Maradona, scomparso qualche giorno prima.

Leggi anche: Pablo Matera ha chiesto ufficialmente scusa per i suoi tweet razzisti

La UAR ha raccolto le testimonianze dei giocatori, di allenatori e di testimoni definiti “chiave” nel caso, arrivando alla conclusione che vista la lontananza dei fatti contestati nel tempo scatta una sorta di prescrizione, ma sono state prese delle misure definite riparatrici. Innanzitutto quindi la federazione Argentina ha sottolineato la sua lunga storia nella battaglia contro l’odio razziale, quindi ha stabilito che i tre colpevoli Matera, Petti e Socino dovranno:

– partecipare a un corso di sei ore (divise in tre giorni) che avrà due obiettivi. Prendere coscienza di dove nascono i pregiudizi di stampo razziale, e prepararli a un programma chiamato Rugby 2030 “Stereotipi e pregiudizi discriminatori” per la formazione di una nuova cultura

– registrare un video con contenuti educativi che sarà usato come risorsa nella formazione futura

– trascorrere due giorni con altri giocatori per condividere le proprie esperienze

Leggi anche: La posizione di World Rugby riguardo il caso dei tweet razzisti

Il consiglio UAR ha anche momentaneamente tolto il capitanato della Nazionale a Pablo Matera, che potrà riaverlo solo dopo aver completato questi passaggi. Inoltre per il futuro viene considerata positivamente qualsiasi altra azione riparatrice che i tre giocatori porteranno a termine.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

“Il Giappone dovrebbe far parte del Rugby Championship”

Il terza linea Ben Gunter non ha dubbi sul livello raggiunto dalla squadra orientale, ormai pronta per sfidare le grandi dell'Emisfero Sud

26 Ottobre 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Il ritorno in campo di Ma’a Nonu (e Hosea Gear) in un contesto unico tutto neozelandese

La leggenda degli All Blacks ha giocato in un match di Heartland Championship, divertendosi come un bambino il giorno di Natale...

19 Ottobre 2021 Emisfero Sud
item-thumbnail

L’infinito Ma’a Nonu torna in campo a 39 anni. E con lui un altro ex-All Black…

Sabato ci saranno due debutti molto particolari nell'Heartland Championship, con il centro che è tornato a una condizione...

14 Ottobre 2021 Emisfero Sud
item-thumbnail

La redenzione di Quade Cooper

Il mediano d'apertura racconta del suo ritorno fra i Wallabies e di come è stato tornare in campo a livello internazionale

11 Ottobre 2021 Emisfero Sud
item-thumbnail

All Blacks: il capitano Sam Cane è tornato in campo dopo sei mesi

Il terza linea ha giocato quasi un'ora in un match dell'Heartland Championship. Ecco la sintesi e le sue parole

9 Ottobre 2021 Emisfero Sud
item-thumbnail

In Nuova Zelanda sono preoccupati per la salute di Sam Cane

Le condizioni del terza linea sono sempre sotto la lente d'ingrandimento. Si solleva il tema dell'essere capitano

7 Ottobre 2021 Emisfero Sud