Stephen Varney: Gloucester, l’Italia e la voglia di essere un piazzatore

Il mediano di mischia si racconta a tutto campo: fra club, nazionale e futuro

Stephen Varney Italia

Stephen Varney in azione con la maglia dell’Italia (Ph. Sebastiano Pessina)

La consistenza delle sue prestazioni in Premiership, l’esordio con la maglia azzurra e la voglia di diventare – un giorno – il “kicker” (per usare una terminologia americana) sia di Gloucester sia dell’Italrugby: c’è questo e molto altro nell’intervista che Stephen Varney ha rilasciato al sito del “The Rugby Paper”.

Stephen Varney, capitolo 1: Gloucester
Da quando la gestione tecnica dei “Cherry & Whites” è stata affidata a George Skivington, il mediano di mischia pensa che si respiri un’altra aria nel club inglese: “Ha cambiato l’ambiente – afferma il trequarti – e da ai ragazzi l’opportunità di giocare, senza fare scelte legate allo status ma optando per chi si allena meglio. Persone come me e Jack Clement hanno avuto delle chance e mi piacerebbe pensare, alla lunga, che abbia avuto ragione su di noi. L’obiettivo ora è quello di essere sempre fra le migliori squadre per poi arrivare a giocarci qualcosa: in squadra abbiamo un ottimo mix”.

Poi continua: “Essere in campo con elementi del calibro di Danny Cipriani, Billy Twelvetrees, Jonny May e Louis Rees-Zammit a volte mi sembra surreale, ma di sicuro mi consente di apprendere rapidamente. Sono contento di come stanno andando le cose, mi trovo davvero bene con tutti: dai compagni allo staff tecnico.

Stephen Varney, capitolo 2: l’Italia
Nel corso dell’Autumn Nations Cup, il numero nove si è preso i suoi primi tre caps con la maglia dell’Italrugby, un fatto questo che ha portato alcuni giornalisti d’oltremanica a chiedersi se un giorno Varney vestirà la maglia del Benetton o delle Zebre.

Leggi anche, Italia, Stephen Varney: “L’Italia ha sempre fatto parte della mia vita. Vogliamo tornare a vincere partite importanti”

Voglio restare in Premiership – ha detto facendo riferimento al momento – per far parte dell’Italia non è obbligatorio giocare nel paese stesso. Attualmente ritengo la Premiership il miglior campionato del mondo e non penso di andare nel Pro14″.

Stephen Varney, capitolo 3: un futuro da piazzatore sia per il club sia per la nazionale
Last but not least, è proprio il caso di dirlo, le ambizioni del ragazzo classe 2001. Una prospettiva di gioco forse inattesa ma che per certi versi potrebbe aprire orizzonti molto ampi.

“Vorrei diventare un piazzatore, come lo sono alcuni mediani di mischia francesi. In passato ho calciato per le squadre minori di Gloucester e per le giovani dell’Italia e questa resta un’ambizione per il futuro”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Italrugby: gli Azzurri restano senza sponsor di maglia

Il main sponsor della nazionale esercitando il diritto di recesso ha scelto di non rinnovare il contratto con FIR

22 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Paolo Garbisi è nella lista dei 4 giovani mediani d’apertura più interessanti a livello mondiale

L'azzurro è in un sondaggio indotto da World Rugby assieme ad altri tre prospetti di altissimo livello

20 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

La “querelle” sul trasferimento di Paolo Garbisi a Montpellier

La ricostruzione della vicenda che ha visto il mediano di apertura azzurro approdare a Montpellier per il prossimo TOP 14

17 Luglio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

L’Italia ha (ri)contattato Louis Lynagh

A dirlo è stato il papà Michael che svela anche i retroscena della cosa

29 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Maxime Mbandà: fra le Zebre e l’Italia, due “nuovi” capitoli della sua carriera

Il terza linea non vede l'ora aggiungere nuove pagine al suo personalissimo libro ovale

24 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: i convocati per la “prima” della nuova era Kieran Crowley, al via da domani

Nemmeno il tempo di rifiatare per il capo allenatore neozelandese, dopo il successo in Rainbow Cup. Comincia il suo percorso in azzurro

20 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale