Tri Nations: Argentina-Nuova Zelanda è decisiva per tutti

Sabato si gioca per vincere il Tri Nations, onorare Maradona, non sprofondare in una bufera neozelandese…Tanti i temi a Newcastle

Tri Nations: Sam Cane capitanerà gli All Blacks in una delle partite più importanti del loro passato recente (Ph. Sebastiano Pessina)

Tri Nations: Sam Cane capitanerà gli All Blacks in una delle partite più importanti del loro passato recente (Ph. Sebastiano Pessina)

La quinta giornata del Tri Nations propone la sfida tra Nuova Zelanda e Argentina, che si sfidano a Newcastle in un match clamorosamente ricco di significati dentro e fuori dal campo. Inutile dire come la morte di Diego Armando Maradona sia un capitolo centrale nel momento dei Pumas, che avranno una spinta morale praticamente illimitata per cercare di onorare al meglio il loro più grande calciatore della storia. Contro però ci sarà una Nuova Zelanda che vive sul filo dei nervi, e che dopo aver perso contro Australia e Argentina (due sconfitte in fila non accadevano loro dal 2011) non possono assolutamente permettersi qualcosa di diverso da un successo, e anche netto. Inoltre, come se non bastassero queste tracce, c’è anche un torneo da decidere: Argentina, Australia e Nuova Zelanda sono tutte e tre a quota 6 in classifica, dunque le due partite che mancano andranno a determinare la classifica. Ricordiamo che gli All Blacks chiuderanno sabato (inizio partita ore 9.45, diretta su Sky Sport Uno e Arena) il loro 2020, mentre i Pumas sfideranno nuovamente i Wallabies il prossimo sabato per l’ultimo turno del torneo.

Leggi anche: Come i Pumas cercano di superare ancora una volta la Nuova Zelanda

L’analisi del match non può che partire dalla scomparsa di Maradona, che inevitabilmente ha sconvolto tutti gli argentini. Mario Ledesma ha detto chiaramente di come quanto accaduto avrà sul morale della sua squadra: “Diego amava i Pumas e in qualche modo ci guarderà anche domani. È venuto diverse volte a vedere il rugby, compresa una partita contro gli All Blacks a La Plata. Inutile parlare della sua aurea mitica, dovunque andava il mondo intorno a lui si fermava”. E anche se tanti giocatori di questa Nazionale non hanno mai avuto modo di vederlo dal vivo, Ledesma ha sottolineato lo spirito col quale i suoi si presenteranno: “Ha rappresentato il nostro popolo per tanti anni, era un esempio di come si dovrebbe rappresentare la maglia albiceleste”. Parlando della gara, che ovviamente è scivolata in secondo piano dopo la morte di Maradona, Ledesma ha detto come “Questa sfida sarà una grande opportunità per continuare a costruire l’identità della nostra squadra, giocando per la divisa più bella del mondo. I risultati comunque non potranno che essere il risultato di quello che facciamo giorno per giorno”.

Leggi anche: La formazione della Nuova Zelanda per la sfida all’Argentina

Dall’altra parte della barricata, Ian Foster ha detto chiaramente “Era un mito per loro, e non possiamo fare altro che dispiacerci per tutto il popolo argentino. Sicuramente avrà un impatto sulla squadra argentina, ma noi dovremo essere bravi a controllare le nostre emozioni. Anche noi siamo determinati a rappresentare il nostro paese, e per farlo al meglio abbiamo un solo compito: vincere e cancellare la sconfitta di due settimane fa”. Tutto questo comunque in una Nuova Zelanda che, poco interessandosi al calcio da sempre, continua a tenere altissimo il focus sulla nazionale di rugby. Le domande e i dubbi non mancano, dopo due sconfitte assolutamente diverse ma che comunque hanno fatto rumore. Se contro l’Australia lo stop è arrivato dopo 80 minuti di vera battaglia, contro l’Argentina non ha funzionato letteralmente nulla nella squadra di Foster, nonostante questo avesse schierato i titolarissimi con l’obiettivo di “ammazzare” la classifica del Tri Nations. Mischia, punti d’incontro, mediana, lucidità dei trequarti: tutti aspetti che sono clamorosamente mancati a Parramatta, e che non dovranno essere replicati a Newcastle.

Martedì 1 dicembre (a partire dalla 20.45) partecipa al “Rugby Quiz” in diretta: clicca qui per tutte le info

Altrimenti? Arriverà la terza sconfitta in fila, così come non succede dal 1998. Gli All Blacks chiuderebbero l’anno solare con un record perdente, ed è difficile pensare che sia Ian Foster che Sam Cane non finiscano nella bufera…

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Rugby Championship 2021: ecco il XV del torneo secondo Planet Rugby

Quade Cooper "si prende" la maglia come miglior apertura della manifestazione

5 Ottobre 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Video: gli highlights di Sudafrica-Nuova Zelanda

Ecco le immagini della splendida partita che ha visto gli Springboks vincere a tempo scaduto contro gli All Blacks

2 Ottobre 2021 Foto e video
item-thumbnail

Rugby Championship: show stupendo in chiusura di torneo, il Sudafrica batte gli All Blacks 31-29

Decisivo il piazzato di Jantjies in un finale pazzo. All Blacks che avevano comunque già vinto il torneo

2 Ottobre 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship: All Blacks-Springboks, la carica dei 101

Il Sudafrica alla ricerca del riscatto dopo le tre sconfitte consecutive

2 Ottobre 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Rugby Championship, Ardie Savea: “Non è sempre facile pensare solo al campo”

Il capitano degli All Blacks parla della vita quotidiana all'interno del ritiro neozelandese

1 Ottobre 2021 Emisfero Sud / Rugby Championship