Il miglior XV neozelandese con sangue samoano nelle vene

All Blacks provenienti da famiglie samoane: una squadra mostruosa. Cullen, Umaga, Nonu, Savea, Kaino e molti altri…

ph. Sebastiano Pessina

In Nuova Zelanda la settimana in corso, e fino al 30 maggio, è quella dedicata alla lingua e alla cultura samoane. Un modo per sottolineare il forte legame tra i due paesi, con tantissime persone che dalle isole del Pacifico si sono spostate nella terra degli All Blacks per cercare lavori più remunerativi, come ad esempio quello di giocatore di rugby. Basta dire che la lingua samoana è la seconda più parlata, dopo l’inglese, ad Auckland, ed è la terza più comune in Nuova Zelanda. Comunità numericamente importanti che tanto hanno dato al paese d’adozione, anche nel campo della palla ovale.

Leggi anche: Come candidarsi per fare l’allenatore di Samoa

Per sottolineare il legame tra i due paesi, è stato creato un XV di giocatori che hanno vestito la maglia degli All Blacks avendo sangue samoano nelle loro vene. Non è questa una sentenza assoluta, nel senso che le scelte erano molto complicate e dunque qualcuno può rimanere scontento, ma sicuramente ci troviamo di fronte a una signora squadra, che ha si rappresentato la Nuova Zelanda ma che avrebbe potuto vestire anche la maglia blu di Samoa.

1: Neemia Tialata
2: Keven Mealamu
3: Olo Brown
4: Patrick Tuipulotu
5: Brad Mika
6: Jerome Kaino
7: Michael Jones
8: Jerry Collins
9: Ofisa Tonu’u
10: Richie Mo’unga
11: Julian Savea
12: Ma’a Nonu
13: Tana Umaga
14: Bryan Williams
15: Christian Cullen

I giocatori fanno parte di epoche diverse, ovviamente, ma sarebbe stato davvero interessante vedere questa formazione giocare tutta insieme. Chi altro poteva vantare una linea di trequarti così esplosiva? Anche la terza linea è semplicemente da sballo, con tre colonne portanti della Nuova Zelanda degli ultimi decenni.

C’è forse un nome che in pochi si sarebbero aspettati, quello di Christian Cullen. Giocatore che di samoano all’apparenza ha poco, avendo la pelle chiara, ma scavando nel suo albero genealogico si scopre come oltre alla discendenza irlandese, abbia anche dei parenti di origine tedesca e appunto samoana. Chissà che non siano stati questi ultimi a regalargli l’immenso talento che gli abbiamo visto sciorinare tante volte sul campo da rugby.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Greig Laidlaw nella Top League Giapponese con gli Shining Arcs: ora è ufficiale

Il mediano di mischia scozzese approderà nel campionato del Sol Levante

6 Luglio 2020 Emisfero Sud / Altri tornei
item-thumbnail

All Blacks: la Player Cam di Aaron Smith durante Highlanders-Crusaders

Una telecamera dedicata al mediano di mischia, ne racconta i movimenti, le chiamate e gli atteggiamenti durante la partita

6 Luglio 2020 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Ralepelle: “Il sistema ha fallito con i giocatori di colore, in Sudafrica”

L'ex Springboks, recentemente squalificato per doping, si è espresso su un tema delicato, sulle colonne di Rapport

5 Luglio 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Dan Carter ha finalmente ritirato il suo blazer del Southbridge

I racconti di una giornata incredibile: uno dei più forti di sempre in un campionato amatoriale neozelandese

5 Luglio 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Super Rugby Aotearoa: gli highlights di Chiefs-Hurricanes

Le giocate più belle della sfida che ha chiuso la quarta settimana di Super Rugby: Van Wyk decisivo, Jordie Barrett dal piede bollente

5 Luglio 2020 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby Aotearoa: primo successo Hurricanes, Chiefs piegati a domicilio

Jordie Barrett festeggia il rientro con una prova maiuscola. Chiefs ancora al palo in classifica, i 'Canes si rilanciano

5 Luglio 2020 Emisfero Sud / Super Rugby