Rugby World Cup 2019: le parole di Conor O’Shea e Sergio Parisse dopo la Namibia

L’allenatore e il capitano hanno parlato in conferenza stampa dopo la poco convincente vittoria azzurra a Higashiosaka

Sergio Parisse salta in touche (ph. Sebastiano Pessina)

Conor O’Shea e Sergio Parisse sono intervenuti in conferenza stampa dopo la prima partita dell’Italia nella Rugby World Cup 2019, contro la Namibia. A Higashiosaka gli azzurri hanno vinto 47-22 contro la squadra africana, ma senza brillare e commettendo davvero troppi errori nel corso degli ottanta minuti.

– Guarda anche: gli highlights di Italia-Namibia

Il CT irlandese non è parso molto soddisfatto, anche se ha ricordato come questa fosse “la prima partita in Coppa del Mondo per molti giocatori. Non è una scusa, ma quello che si gioca in questo torneo, è un gioco molto più veloce rispetto a tutti gli altri”.

“Tuttavia, abbiamo segnato 47 punti, pur senza giocare bene – ha continuato O’Shea – Avremmo potuto segnare in altre tre o quattro occasioni nel primo tempo, alla luce delle opportunità che abbiamo creato. Il punteggio finale non rispecchia la nostra prestazione odierna. Giovedì vogliamo giocare meglio”.

A proposito della partita contro il Canada, per la quale l’Italia avrà di fatto tre giorni di riposo, O’Shea ha detto: “Non potremo cambiare molto nei prossimi quattro giorni. Domani mattina avremo una sessione di recupero, mentre nel pomeriggio viaggeremo. Faremo comunque qualche cambio perché ci aspetta un’altra gara dura contro il Canada”.

Sull’infortunio di Pasquali, uscito nel primo tempo: “Ha ricevuto un duro colpo al braccio nel corso del match. Le sue condizioni verranno valutate dal nostro staff medico”.

Sergio Parisse è stato più diretto di O’Shea: “Nessuno è molto felice della partita, ma dobbiamo fare i complimenti alla Namibia per la grande passione messa in campo. La nostra non è stata una grande prestazione. Abbiamo fatto alcuni errori, la Namibia ha fatto il suo e non ci ha concesso nulla”.

Il capitano azzurro, che è sceso in campo per la sua quinta Rugby World Cup, ha risposto anche a una domanda su Luca Morisi, autore di una buona prestazione specie nel primo tempo. “Ha giocato una bella partita. Come tutti ha voluto dimostrare cos’è in grado di fare. È bello vedere giocatori che sono tornati dopo tanti infortuni e che mostrano le loro qualità. È importante per l’intera squadra”.

– Guarda anche: la gallery della partita 

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Nazionale Italiana Rugby: i convocati per il raduno di fine giugno a Pergine Valsugana

34 i giocatori azzurri scelti dal neo ct Kieran Crowley: fra ritorni, sorprese e qualche novità

7 Giugno 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: per il futuro si pensa a tre nuovi possibili convocati

Kieran Crowley e il suo staff stanno iniziando le prime valutazioni

31 Maggio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sergio Parisse: “Vorrei giocare ancora per l’Italia, ne parlerò con Crowley”

L'ex capitano azzurro conferma le sue volontà anche dopo il cambio al vertice della Nazionale

25 Maggio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: a giugno il primo raduno sotto la direzione di Kieran Crowley

Pergine Valsugana ospiterà gli Azzurri dal 21 al 26 giugno

24 Maggio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: le parole di Innocenti e Crowley in conferenza stampa

Cosa hanno detto i protagonisti della presentazione del nuovo staff della nazionale maggiore

19 Maggio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: Kieran Crowley è il nuovo capo allenatore della nazionale

Andrea Moretti si occuperà degli avanti, confermati Marius Goosen e Corrado Pilat

19 Maggio 2021 Rugby Azzurro / La Nazionale