James O’Connor torna in Australia

Il centro rescinde consensualmente il proprio contratto con i Sale Sharks e firma con la federazione australiana per andare al mondiale

ph. David Gray/Action Images

James O’Connor, con ogni probabilità, vestirà la maglia dei Wallabies alla Rugby World Cup 2019 dopo sei anni di assenza dalla nazionale.

E’ giunta nel primo pomeriggio di martedì l’ufficialità della rescissione consensuale del contratto fra i Sale Sharks e il trequarti ventottenne, che ha contestualmente firmato un contratto con Rugby Australia. Saranno i Reds ad aggiudicarsi le prestazioni di O’Connor nel Super Rugby fino al 2022.

Si tratta dell’ultimo sviluppo di uno dei temi caldi del rugby internazionale delle ultime settimane, di cui avevamo già parlato sulle pagine di OnRugby. 

Il director of rugby degli Sharks Steve Diamonds si è espresso così sulla questione: “James torna in Australia con il pieno consenso del club. Si tratta di un talento eccezionale e ci dispiace vederlo andarsene, ma il suo sogno è giocare di nuovo per il suo paese e io non impedirò mai a nessuno di fare una cosa del genere, specialmente alla coppa del mondo.”

“Da quando è arrivato qui due anni fa, James ha lavorato duramente per migliorarsi mentalmente e fisicamente, riuscendoci in tutti e due i casi. Dopo aver chiacchierato a lungo, abbiamo deciso che era il momento giusto per lui per continuare la sua avventura tornando a casa.”

“Vorrei ringraziare James per il suo impegno e il suo contributo ai Sale Sharks e gli auguro in meglio per il futuro. Non vedo l’ora di vederlo progredire ulteriormente nella sua carriera, dentro e fuori dal campo.”

“Ho solo belle parole da dire sulla mia esperienza a Sale – ha replicato O’Connor – Mi hanno preso e dato un’opportunità in un momento della mia vita in cui avevo bisogno di sostegno e di una opportunità di riparare ai miei errori.”

L’Australia deve ancora annunciare la squadra di preparazione in vista della prossima Rugby World Cup.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Cheslin Kolbe e una nuova “vecchia” sfida: dopo il Mondiale, vuole l’oro olimpico

L'ala sudafricana è pronto a gettarsi nell'avventura del rugby a 7 in vista di Tokyo 2020

17 Febbraio 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

All Blacks: il nuovo corso di Ian Foster potrebbe ripartire da Aaron Cruden

Il reparto del trequarti, sull'asse mediano d'apertura-estremo, potrebbe essere quello più toccato dalle idee del nuovo tecnico

12 Febbraio 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Super Rugby: tutto quello che è successo nella seconda giornata

Emiliano Boffelli, Makazole Mapimpi, l'attacco dei Brumbies e la difesa degli Stormers: ecco com'è andata

11 Febbraio 2020 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby: l’onestà di TJ Perenara nell’ammettere di una meta mai realizzata

Un dialogo, fra l'arbitro e il giocatore, ha risolto la questione in maniera esemplare

11 Febbraio 2020 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Gli Springboks e il tifoso speciale Roger Federer

Prima del match amichevole contro Nadal a Città del Capo, lo svizzero si è allenato con la maglia dei Campioni del Mondo donatagli da Siya Kolisi

10 Febbraio 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Super Rugby 2020: cos’è successo nella prima settimana

Warren Gatland parte con una bella vittoria in rimonta sui Blues, mentre i Sunwolves superano i Rebels. Crusaders e Jaguares iniziano col piede giusto...

4 Febbraio 2020 Emisfero Sud / Super Rugby