Australia, verso la Rugby World Cup 2019: Pocock e O’Connor i dubbi, Nic White la certezza

Nel ritiro australiano si cerca di capire come completare il gruppo che preparerà Rugby Championship e Mondiale

ph. Jason O’Brien/Action Images

Alla Rugby World Cup non manca poi così tanto. Sono settimane delicate quelle che sta vivendo la nazionale australiana, che ha iniziato i primi raduni in vista del Rugby Championship e del Mondiale. Cheika e lo staff tecnico stanno cercando di capire come organizzare nel modo migliore la marcia di avvicinamento al torneo con All Blacks, Sudafrica e Argentina facendo intanto “la conta” degli uomini anche e soprattutto verso la kermesse iridata.

Clicca qui per leggere il calendario del Rugby Championship 2019

Nic White is back
Il mediano di mischia ha firmato un contratto con la Federazione, anche se al momento non sa in quale franchigia del Super Rugby giocherà l’anno prossimo, e per il commissario tecnico dei Wallabies è questo quello che conta. Potrà essere in gruppo sin dall’inizio, all’inizio come alternativa poi se saprà convincere potrà persino ambire alla maglia da numero 9 titolare: “E’ bello vedere Nic con noi – ha detto George Gregan, storico capitano dell’Australia, oggi nel coaching staff, vincitore della William Webb Ellis Cup nel 1999 – il suo stile di gioco, stando all’estero, è migliorato, si è affinato è diventato più rotondo”.

Clicca qui per leggere il calendario della Rugby World Cup 2019

Pocock e O’Connor: corsa contro il tempo
Ci sono diversi problemi per i due giocatori che Cheika vorrebbe entrambi nella rosa da portare in Giappone, il prossimo settembre.
Il capitano terza linea è alle prese con la riabilitazione post infortunio: i progressi ci sono, ma stabilire al momento una data per il rientro in campo non sembra cosa facile.
Il trequarti invece ha un problema contrattuale. Dopo le esperienze degli ultimi anni nell’Emisfero Nord, con le maglie di London Irish, Tolone e Sale Sharks, l’utility back che vanta “solo” 44 test con la nazionale australiana – mentre la “regola overseas” nei richiede almeno 60 – deve per forza firmare un contratto con la Federazione Australia per poter far parte del roster iridato, aldilà della franchigia che poi lo avrà in forze nel Super Rugby 2020. La volontà è quella chiaramente di incontrarsi assecondando i desideri di Cheika e dello stesso O’Connor che al momento è tornato in patria per firmare un accordo, ma al momento nulla è stato stipulato nero su bianco.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Argentina: tre partite per i Pumas in preparazione del Rugby Championship

Uruguay, Cile e Brasile le avversarie. Probabile sede della competizione sarà Montevideo

5 Agosto 2020 Emisfero Sud / Rugby Championship
item-thumbnail

Glossario del rugby: squadre e competizioni

Dalla A di All Blacks alla W di World Rugby U20 Championship

5 Agosto 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Benetton, Federico Zani: “Voglio che la mia duttilità sia un plus per la squadra”

Il ruolo dell'azzurro emiliano avrà ancor più importanza nella rosa dei Leoni, dopo le notizie sul fronte infortunati

4 Agosto 2020 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Colorno: un nuovo innesto in prima linea

Nono colpo di mercato in entrata per gli emiliani

4 Agosto 2020 Campionati Italiani / TOP12
item-thumbnail

Red Panthers: nuovo staff tecnico e nuovo progetto, in sinergia con Mogliano e Silea

Novità in vista alla Ghirada - e non solo - sul fronte femminile

4 Agosto 2020 News
item-thumbnail

Marco Fuser è ufficialmente un giocatore dei Newcastle Falcons

Lascia Treviso dopo 8 intense stagioni

4 Agosto 2020 Emisfero Nord / Premiership