Italia Femminile, Furlan: “Veniteci a vedere!”

Con un lungo post sui social la capitana delle Azzurre invita il pubblico a sostenere la squadra dal vivo, unica via per la visibilità

ph. Sebastiano Pessina

A chi dice che nel rugby moderno non ci sono più le storie di una volta, l’invito è di andarsi a vedere una partita dell’Italia femminile, e magari scambiare quattro parole con chi si divide quotidianamente fra il lavoro e lo sport giocato ai massimi livelli.

Un esempio per eccellenza è la capitana della nazionale femminile italiana, Manuela Furlan, che da operaia guida un gruppo di ragazze arrivate a raggiungere risultati importantissimi non solo in questo Sei Nazioni di categoria, ma anche nel recente passato.

Una serie positiva, quella dell’Italia femminile, che ha finalmente acceso i riflettori su un mondo sportivo di nicchia e che, anche nell’universo ovale, ha fino a poco tempo fa avuto molto poco spazio. Adesso, per Furlan, è arrivato il momento in cui tutti facciano un passo in più.

“Vi invito a non commentare sotto i post della Federazione che noi ragazze dobbiamo avere più visibilità, essere viste in diretta DMAX al posto dei miei colleghi della maschile, essere viste in chiaro, che ci dovrebbero dare più strumenti a disposizione, e chi più ne ha più ne metta” dice Furlan in un lungo post comparso sul suo profilo Facebook nel pomeriggio di mercoledì.

“Vi piacerebbe che noi fossimo professioniste? Venite a vederci.
Vi piacerebbe che potessimo innalzare ancora di più il nostro livello? Venite a vederci.
Vi piacerebbe vedere come, per quanto uno 55-0 non lasci spazio a commenti (se non da piccole persone), io e le mie compagne ci siamo battute fino all’ultimo secondo? Venite a vederci.”

“La visibilità che tanto chiedete per noi, passa attraverso la vostra presenza allo stadio. Voi potete con noi fare la differenza!”

Un messaggio forte e chiaro, quello della Furlan, che cita anche le 10500 persone presenti lo scorso fine settimana ad Exeter, dove le Azzurre sono state battute dalle padrone di casa inglesi nel match decisivo per il Sei Nazioni femminile. Una vittoria per il movimento femminile, ma in particolare per quello inglese: e se noi dell’ovale italiano vogliamo fare altrettanto, non possiamo far altro che gremire gli spalti dei nostri campi, perché per avere un prodotto migliore, visibile a tutti e passato regolarmente in televisione, bisogna prima dimostrare che ci sia seguito e attenzione per quanto accade. Una riflessione trasversale che parte dalla nazionale femminile ma che interessa tutto il movimento azzurro.

;

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Francesca Sgorbini, amare il rugby a 18 anni

Abbiamo parlato con la giovanissima azzurra (classe 2001) del suo rapido percorso verso l'alto livello, tra ovale, sentimenti e futuro

24 giugno 2019 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Italseven Femminile: le convocate per la prima tappa del Women 7s Grand Prix Series

Inizia da qui il possibile percorso di qualificazione verso le Olimpiadi del 2020

13 giugno 2019 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

L’Italia femminile giocherà due Test Match a novembre

Per il terzo anno consecutivo le azzurre saranno in campo anche a novembre. Sfide a Inghilterra e Giappone

10 giugno 2019 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Il mondo di Valentina Ruzza, dove l’ovale è cultura

In vista della super sfida con Colorno, abbiamo parlato con l'avanti della stagione al Valsu (ed in azzurro) e delle sue passioni dentro e fuori dal c...

24 maggio 2019 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Aura Muzzo e l’arte di sfruttare le occasioni

Abbiamo parlato con la trequarti azzurra della sua vita, dal rugby allo studio, passando attraverso tesine e tormentoni che la accompagnano

24 aprile 2019 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Italia femminile: un torneo per qualificarsi alla Women’s Rugby World Cup

World Rugby ha annunciato una competizione apposita per accedere al mondiale di categoria, obiettivo delle Azzurre