Come se la sta cavando Luke McLean con i London Irish?

L’azzurro è assoluto protagonista nel cammino degli Irish in Championship

mclean

ph. Sebastiano Pessina

Per Luke McLean, dopo una stagione ’17/’18 complessa, sia a livello individuale, anche per qualche fastidioso problema fisico, sia a livello di squadra (con la retrocessione in championship), il secondo anno consecutivo in terra inglese si sta rivelando ben più ricco di soddisfazioni per il trequarti azzurro di origine australiana.

Leggi anche: Come se la sta passando Michele Campagnaro in Inghilterra?

Il ragazzo classe ’87, dopo aver collezionato solamente 9 presenze nella scorsa Premiership, ha giocato titolare in 5 gare su 6, riposando solamente nella recente passeggiata interna contro Yorkshire Carnagie, partita nella quale hanno trovato spazio diversi ragazzi dell’accademia del club di stanza al Madejski Stadium di Reading. Mclean, che nel primo anno nei dintorni di Londra ha occupato stabilmente la posizione di primo centro, si sta destreggiando con costrutto all’ala. Per lui, infatti, 400 minuti tutti con la maglia numero 11 addosso, conditi da ben tre marcature pesanti: una doppietta nella gara interna contro Nottingham, e un sigillo preziosissimo nella recente trasferta a Richmond, sul campo degli Scottish.

La meta contro gli Scottish, in una gara in cui si rivela determinante non solo con la marcatura pesante.

Un contributo, il suo, decisamente pesante, quindi, nell’economia della prima parte di stagione del club guidato da Les Kiss. L’ex Ulster ha un solo obiettivo: tornare immediatamente al piano di sopra, e con giocatori del calibro di McLean, ed altri ragazzi chiamati nelle rispettive nazionali per novembre, come il prima linea fijiano Manasa Saulo o lo scozzese Gordon Reid, la missione sembra tutt’altro che impossibile.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

45 anni fa, la prima storica espulsione di un giocatore dell’Inghilterra

Toccò a Mike Burton, in una sfida a Sydney contro i Wallabies

31 Maggio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Furba, ma non troppo! Non dire meta finché non hai schiacciato l’ovale…

Giocata perfetta in rimessa laterale, 5 punti praticamente già marcati, ma poi...

31 Maggio 2020 Foto e video
item-thumbnail

In Australia si torna in campo il prossimo 3 luglio?

La Federazione aussies è pronta alla riorganizzazione, ma pensa anche al gioco. Quasi tutto pronto per il Super Rugby in salsa domestica

31 Maggio 2020 Emisfero Sud
item-thumbnail

Rob Howley spiega cosa l’ha spinto al gioco d’azzardo

Da possibile allenatore dell'Italia alla cacciata dal mondo del rugby: ecco il motivo della caduta del gallese

31 Maggio 2020 Terzo tempo
item-thumbnail

Tolosa mette insieme la seconda linea più alta della storia del rugby

Mercato sempre caldo in Francia, con Bayonne che annuncia l'arrivo di un fumantino talento australiano proveniente dalla NRL

31 Maggio 2020 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Martin Anayi: “Treviso deve puntare al vertice del Pro14”

Il CEO del torneo celtico parla di due potenziali investitori interessati alle Zebre. Ci sarà un nuovo torneo europeo dal 2021?

31 Maggio 2020 Pro 14