Coppe europee: le cose da sapere sul sorteggio del 20 giugno

La composizione (un po’ cervellotica) delle fasce e quali saranno i possibili avversari di Benetton Treviso e Zebre in Challenge Cup

ph. Reuters

L’EPCR (European Professional Club Rugby) ha annunciato le modalità con cui si svolgeranno i sorteggi di Champions e Challenge Cup il prossimo 20 giugno a Losanna (Svizzera) e la ripartizione delle quaranta squadra impegnate tra le due coppe nelle fasce prestabilite.

Per la prima volta, l’Italia sarà esclusivamente interessata alla Challenge Cup, che disputeranno sia Benetton Treviso sia Zebre dopo i risultati ottenuti nella scorsa stagione. Considerato che i club sono ripartiti nelle quattro fasce in base alla posizione in classifica raggiunta in Pro14, Top 14 e Premiership, il Benetton ha avuto il privilegio di essere inserito nella Tier 1 in vista dell’estrazione insieme a Sale Sharks e La Rochelle, ovvero le tre squadre meglio piazzate nei rispettivi campionati tra quelle non qualificate alla Champions.

Le 20 squadre qualificate, ordinate in base alla posizione ottenuta in campionato (ad eccezione di Enisej e Timisoara, d’ufficio già destinate alla quarta fascia)

Oltre ai club sopra citati, il cervellotico regolamento prevede che per completare la Tier 1 (composta da cinque squadre) si debba procedere ad un sorteggio preliminare tra i club piazzati immediatamente dietro a quelli già di diritto nella prima fascia (“second-ranked clubs”): nella fattispecie parliamo di Pau, Northampton e Ospreys.

La squadra non estratta nel pre-sorteggio rientrerà nella Tier 2, insieme alle squadre segnate come “terze” nel ranking preliminare stilato dalla EPCR, ovvero Clermont, Harlequins e Connacht, e alla squadra “quarta” nel ranking dello stesso campionato del club non sorteggiato per la Tier 1.

Nella Tier 3 ci sarà spazio per le due rimanenti squadre “quarte” nel ranking, più i tre club segnati come “quinti”, ovvero Agen, Bristol Bears e Dragons. La Tier 4, infine, è molto più semplice: sarà composta dai tre club di Top 14 restanti (la dodicesima classificata del campionato e le neopromosse) e le due qualificatesi dal Continental Shield.

Nell’occasione, l’EPCR ha anche comunicato che saranno i Timisoara Saracens a prendere parte alla competizione al posto dell’Heidelberger, escluso per ragioni di conflitti di interesse che riguardavano il proprietario Hans-Peter Wild, azionista di maggioranza anche dello Stade Francais. Timisoara era la squadra battuta dai tedeschi nello spareggio finale della terza coppa.

Le fasce del sorteggio per la Challenge Cup saranno così composte:

Tier 1 – La Rochelle, Sale Sharks, Benetton Treviso e due tra Pau/Northampton/Ospreys
Tier 2 – Clermont, Harlequins, Connacht, una tra Pau/Northampton/Ospreys e una tra Bordeaux/Worcester/Zebre
Tier 3 – Due tra Bordeaux/Worcester/Zebre, Agen, Bristol Bears e Dragons
Tier 4 – Stade Francais, Grenoble, Perpignan, Enisej e Timisoara Saracens

Al momento del sorteggio dei gironi, poi, si terrà conto delle seguenti regole:

  • ogni girone dovrà essere composto da almeno una squadra proveniente da ciascun campionato
  • non ci potranno essere più di due squadre della stessa lega in un girone
  • non ci potranno essere due squadre del Pro14 della stessa nazionalità in un girone (niente derby italiano, dunque)
  • i club del Continental Shield non potranno essere sorteggiati in un girone dove sono già presenti due squadre di Top 14 o Premiership

La Champions Cup

Il processo di ripartizione delle squadre nelle quattro fasce è simile anche nella coppa regina, con un sistema misto tra posizioni già standardizzate e da decidere in seguito tramite il sorteggio.

La Tier 1 spetta di diritto ai vincitori di Champions Cup, Top 14, Premiership e Pro14: ai quattro posti corrispondono però tre squadre, vista la doppietta del Leinster. Le altre sono Saracens e Castres; il sorteggio tra le tre finaliste perdenti dei campionati (Montpellier, Exeter Chiefs e Scarlets) completerà il quadro delle teste di serie.

Le 20 squadre qualificate, ordinate in base alla posizione ottenuta in campionato

Per la Tier 2, il sentiero torna ad essere più tortuoso: la squadra non sorteggiata per la Tier 1 sarà in seconda fascia, insieme alle “terze classificate” dei campionati (Racing 92, Wasps, Glasgow Warriors) e ad una delle “quarte”, che dovrà provenire dallo stesso campionato della squadra scartata al sorteggio per la Tier 1. Lo stesso meccanismo valido per la Challenge Cup, insomma, e così via per la Tier 3 e Tier 4.

Le fasce del sorteggio per la Champions Cup saranno così composte:

Tier 1 – Leinster, Castres, Saracens e due tra Montpellier/Exeter Chiefs/Scarlets
Tier 2 – Una tra Montpellier/Exeter Chiefs/Scarlets, Racing 92, Wasps, Glasgow Warriors e una tra Lione/Newcastle Falcons/Munster
Tier 3 – Due tra Lione/Newcastle Falcons/Munster, Tolosa, Leicester Tigers e Edimburgo
Tier 4 – Tolone, Bath, Cardiff Blues, Gloucester e Ulster

Al momento del sorteggio dei gironi, si terrà conto di regole pressoché simili a quelle della Challenge:

  • ogni girone dovrà essere composto da una squadra proveniente da ciascun campionato
  • non ci potranno essere più di due squadre della stessa lega in un girone
  • non ci potranno essere due squadre del Pro14 della stessa nazionalità in un girone

I sorteggi del 20 giugno saranno visibili in streaming sui canali ufficiali dell’EPCR.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Leinster: quei tre momenti sui quali recriminare

La finale di Champions Cup è andata meritatamente ai Saracens, ma gli irlandesi hanno sprecato qualche occasione di troppo

13 maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Gregariato saraceno: come la Champions Cup è tornata a Londra

Da Barritt a Koch, da Lozowski a Wray. Una vittoria costruita sul lavoro operaio dei volti meno noti

13 maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

La festa dei Saracens, i rimpianti del Leinster

Mark McCall elogia i suoi per la reazione nel corso del match. Leo Cullen: "Bisognava sfruttare le occasioni create"

12 maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Alex Goode è il giocatore dell’anno per la Champions Cup 2018/2019

È il terzo giocatore dei Saracens a vincere il premio dopo Itoje e Farrell nel 2016 e nel 2017

12 maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: I Saracens sono i migliori d’Europa e sono ancora campioni

Finisce 20-10, Sarries dominanti in ogni fase e che hanno saputo approfittare degli errori commessi da Leinster

11 maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup, la stima di Mako per Furlong: “Ho imparato da lui”

Alla vigilia della finale, il pilone sinistro dei Saracens confessa la sua stima per l'avversario che avrà di fronte

11 maggio 2019 Coppe Europee / Champions Cup