Le Zebre di Andrea Dalledonne: “Abbiamo dato serenità e obiettivi”

L’amministratore unico della franchigia punta su Parma, nonostante tutto: “Io voglio costruire qui e vincere qui”

dalledonne zebre

ph. Luca Sighinolfi

Andrea Dalledonne, amministratore unico delle Zebre Rugby, ha tracciato un primo bilancio della sua esperienza come manager della franchigia bianconera dopo una stagione (finalmente, potremmo dire) serena e senza particolari intoppi per la società. La ritrovata stabilità e l’arrivo di un nuovo staff tecnico ha avuto innegabili riflessi in campo, con le otto vittorie stagionali e il record di punti realizzato nel Pro14.

“Una prova complessa, una realtà da ricostruire partendo da un background negativo, sportivo ed aziendale, ma semplice al tempo stesso applicando le regole che ho applicato con successo in altre realtà – ha detto nell’intervista rilasciata alla Gazzetta di Parma – Se hai una società forte, avrai anche una squadra forte. Abbiamo dato serenità e obiettivi. Non abbiamo ancora finito”.

Dalledonne ha detto di aver studiato “i modelli di Leinster, Glasgow e altre società che gentilmente mi hanno ospitato”, e ha fatto capire di non voler prendere in considerazione nessun discorso che riguardi un trasloco da Parma per la franchigia. “Costruire un’identità a Parma non è semplice ma ci proviamo” – ha ribadito il bolognese, conscio però degli scarsi risultati ottenuti dal 2012 ad oggi nell’attirare il pubblico allo stadio.

“I dati delle presenze allo stadio, però, non ci possono soddisfare e parlando di identità ne esce un quadro in cui sono più gli spettatori da fuori che da Parma. Credo si possano costruire due livelli e mi auguro che nella prossima stagione si possano avere percentuali diverse”.

Dalle donne sottolinea comunque di aver “intravisto qualcosa di nuovo” nell’ultima partita casalinga contro gli Ospreys, e che “rimanere a Parma con un pubblico cosmopolita, comunque, non è male. La maglia nera ha i colori di tutte le squadre di Parma: è stata una scelta. Io ho parlato e continuerò a parlare con loro; oggi il metodo vincente è fare sistema. Spero che lo capiscano, ne usciremmo vincenti tutti. È qui il salto di cultura”.

La chiusura è dedicata ancora alla città di Parma, ma al legame ancora debole con gli imprenditori locali, dovuto secondo lui anche a politiche di marketing poco efficaci. Per Dalledonne, tuttavia, le aziende parmigiane “perderebbero l’opportunità offerta da un veicolo internazionale come le Zebre. Questo è stato compreso da aziende internazionali e presenteremo un paio di ingressi importanti. Però ci piacerebbe poter parlare in dialetto parmigiano. Io voglio costruire qui e vincere qui”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Dopo Zebre-La Rochelle: le parole di Michael Bradley e Tommaso Castello

Il capitano dei ducali: "Dobbiamo migliorare, altrimenti diventa un po' triste". Il coach: "La direzione è quella giusta"

20 gennaio 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Challenge Cup: le Zebre per regalarsi un’ultima soddisfazione

Ma la partita è davvero complicata, contro una La Rochelle che vuole il quarto di finale in casa. Calcio d'inizio alle ore 16

19 gennaio 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Il complicato momento delle Zebre

I ducali faticano tremendamente a segnare e ad avere continuità. Ma cosa sta andando storto?

16 gennaio 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Challenge Cup: per le Zebre l’esame più difficile si chiama La Rochelle

La franchigia italiana si gioca il tutto per tutto in una trasferta dal livello di difficoltà elevatissimo

11 gennaio 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Zebre Rugby-Leinster del 16 febbraio si disputerà a Viadana

Lo stadio Zaffanella tornerà così ad ospitare una partita del torneo celtico. A seguire, nel corso del pomeriggio, ci sarà anche la sfida di Top 12 tr...

9 gennaio 2019 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Pro14: gli highlights di Zebre-Cheetahs

Due belle mete non sono bastate ai ducali. Tutte le immagini salienti della sfida persa al Lanfranchi contro i sudafricani

7 gennaio 2019 Foto e video