Pro 14: Leinster-Munster non è mai una semifinale come le altre

I due colossi irlandesi si giocano un posto al sole in finale del fu torneo celtico. Calcio d’inizio alle 16.15 italiane

ph. Paul Childs /Action Images

Quella tra Leinster e Munster, sull’asse Dublino-Limerick, é una delle rivalità più longeve di Ovalia, cresciuta esponenzialmente d’intensità negli ultimi tre lustri abbondanti. Per i due colossi irlandesi, la semifinale di oggi alla RDS Arena sarà il 96esimo incontro della loro storia, a distanza di oltre 70 anni dalla prima volta l’una contro l’altra.

Leinster, ovviamente, giunge alla sfida odierna nella miglior condizione mentale possibile, ad una settimana soltanto dal trionfo in Champions Cup, con la banda di Leo Cullen che ha archiviato il quarto titolo di campione d’Europa della propria storia. Dal punto di vista fisico, invece, le cose potrebbero andare un pochino meglio, visto che due referenti assoluti del calibro di Sexton e Henshaw sono stati costretti ad alzare bandiera bianca, sostituiti da Ross Byrne e James Lowe, con Nacewa che scala in mezzo al campo. Niente battaglia interprovinciale anche per Kearney, mentre altri due eroi di Bilbao come Fardy e Healy partiranno dalla panca.

Munster pare aver superato la delusione patita a Bordeaux, nella semifinale di Champions Cup persa contro il Racing 92, con il sogno di una finale tutta “made in Isola di Smeraldo” svanito proprio all’ultimo. Gli uomini di Van Graan si presenteranno nella capitale con il miglior XV possibile al momento, puntando tutto sulla classe e l’intelligenza debordante di Murray in mediana, coadiuvato da Hanrahan (preferito a Keatley), e la ritrovata brillantezza di Zebo ed Earls (nominato giocatore dell’anno dal sindacato dei giocatori irlandesi).

Le dichiarazioni della vigilia

Leo Cullen: “johnny Sexton non gioca, semplicemente per un piccolo problema al polpaccio. Ad inizio settimana lo avevamo selezionato per la panchina, con Ross Byrne scelto come titolare. Poi, però, quando giovedì è tornato a correre non era al 100 percento, ed abbiamo preferito non rischiare. Sia lui che Robbie Henshaw dovrebbero recuperare per un’eventuale finale. Questa settimana è stata dura riuscire a voltare pagina, ma i ragazzi si sono allenati molto bene”.

Johann Van Graan: “Non ho bisogno di convincere i ragazzi che possono vincere, semplicemente perché loro già ci credono. Questo è un club che crede in loro. Abbiamo avuto una settimana di riposo, e a questo punto della stagione è un aiuto pesante. Vogliamo con tutte le nostre forze restare in Irlanda un’altra settimana (riferimento alla finale, ndre). Loro, però, sono una squadra forte. Sembra che non si lascino mai prendere dal momentum emotivo dei match, ed è un sintomo di grande club”.

La stagione regolare

Leinster ha vinto la conference B, chiudendola a pari punti con gli Scarlets mae con migliore differenza punti. Gli uomimi di Leo Cullen hanno gestito al meglio la stagione celtica, con una turnazione massiccia, che, però, non ha minimamente intaccato la qualità generale della franchigia di Dublino. Munster, invece, si è dovuta accontentare della seconda piazza nella conference A, alle spalle di Glasgow, guadagnandosi un posto in semifinale sconfiggendo Edimburgo nel barrage dei quarti.

Leinster ha vinto entrambi i precedenti stagionali. In particolare, la squadra della capitale si impose nel match casalingo di inizio ottobre per 23-17, all’all’Aviva Arena, sulle ali di un Rory O’Loughlin scatenato.

Calcio d’inizio alle ore 16.15, diretta TV su Eurosport 2.

Le formazioni

Leinster: 15 Joey Carbery, 14 Jordan Larmour, 13 Garry Ringrose, 12 Isa Nacewa (c), 11 James Lowe, 10 Ross Byrne, 9 Luke McGrath, 8 Jack Conan, 7 Jordi Murphy, 6 Rhys Ruddock, 5 James Ryan, 4 Devin Toner, 3 Tadhg Furlong, 2 Seán Cronin, 1 Jack McGrath
A disposizione: 16 James Tracy, 17 Cian Healy, 18 Andrew Porter, 19 Scott Fardy, 20 Max Deegan, 21 Nick McCarthy, 22 Rory O’Loughlin, 23 Barry Daly

Munster: 15 Simon Zebo, 14 Andrew Conway, 13 Sammy Arnold, 12 Rory Scannell, 11 Keith Earls, 10 JJ Hanrahan, 9 Conor Murray, 8 CJ Stander, 7 Jack O’Donoghue, 6 Peter O’Mahony (c), 5 Billy Holland, 4 Jean Kleyn, 3 John Ryan, 2 Rhys Marshall, 1 James Cronin
A disposizione: 16 Niall Scannell, 17 Dave Kilcoyne, 18 Ciaran Parker, 19 Gerbrandt Grobler, 20 Robin Copeland, 21 Duncan Williams, 22 Ian Keatley, 23 Darren Sweetnam

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Jacob Stockdale fuori per infortunio almeno sei settimane

L'ala dell'Ulster e della nazionale salterà il pre campionato e il mese iniziale di Pro14

13 agosto 2018 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Gestire il diabete e giocare ad alto livello: la sfida di Tyler Morgan

Il 22enne ha trovato una spiegazione agli ultimi infortuni, e ora si appresta ad aprire una nuova pagina della sua carriera

12 agosto 2018 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Sedici giocatori da seguire (all’estero) nel 2018/2019

Qualche feticcio (più o meno noto) da appuntarsi in vista dei prossimi campionati, tra Pro14, Top 14 e Premiership

9 agosto 2018 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro 14, Ulster: dal mercato arriva Henry Speight

L'australiano si accaserà in Irlanda sino al termine dell'anno con un contratto particolare

6 agosto 2018 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro14: la finale 2019 si terrà al Celtic Park di Glasgow

Il leggendario impianto calcistico ospiterà l'ultimo atto del torneo

30 luglio 2018 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro14: gli Ospreys pescano dal 7s. Arriva Luke Morgan

Il record man di mete con la nazionale gallese approda nel torneo celtico

17 luglio 2018 Pro 14 / Altri club