Inghilterra, aumenta il compenso ai giocatori internazionali

Quasi 23.000 Euro in più per ogni partita. Tutto grazie al 2015 dei record…

inghilterra rugby

ph. Sebastiano Pessina

Aumento di compensi per i giocatori della nazionale inglese. Grazie ai profitti record generati lo scorso anno, e parte di un nuovo accordo quadriennale, la federazione inglese ha avuto l’opportunità di aumentare di quasi 23.000 Euro il compenso ai giocatori per ogni partita ufficiale internazionale (tutti quelli compresi nei 23 della lista gara). Come riporta il Daily Telegraph, l’ufficialità sull’accordo verrà svelata in occasione della sfida di Twickenham della prossima settimana contro il Sudafrica, ma già sono arrivate le parole del CEO della RFU Ian Ritchie: “E’ stato un anno di importanti confronti tra le parti: abbiamo siglato un accordo quadriennale che funziona. Tutto è stato molto costruttivo ed è un passo importante. Ora stiamo definendo gli ultimi dettagli, ma siamo molto soddisfatti”.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Nuovo avversario autunnale per la Scozia, che giocherà 4 test match

I Dark Blues apriranno Murrayfield anche il 30 ottobre per ricevere la visita di Tonga, formazione che potrebbero ritrovare al mondiale

item-thumbnail

Ufficiale: gli All Blacks giocheranno cinque partite in autunno

Il 23 ottobre la Nuova Zelanda ha aggiunto al suo calendario un match contro gli Stati Uniti, poi ci sarà spazio anche per l'Italia

item-thumbnail

I Lions e il ritorno di fiamma degli Springboks: “Sappiamo che arriveranno forte”

Maro Itoje e Warren Gatland hanno parlato della preparazione al secondo test della serie

item-thumbnail

La formazione del Sudafrica per il secondo test con i Lions

Tre cambi nella formazione che affronterà i Lions nel secondo match della serie, due nuovi innesti anche in panchina

item-thumbnail

Lions: tre cambi nella formazione di Warren Gatland per gara 2

Le scelte dell'ex Galles, per una sfida che può già decidere la serie

item-thumbnail

Quade Cooper si unisce al raduno dell’Australia

L'apertura si unisce al gruppo di Dave Rennie, in teoria come "training player", ma sarà comunque a disposizione in caso di necessità