Guinness Pro12: per Leinster vittoria con bonus sui Dragons

Progressi in attacco dei dubliners: bene Nacewa (due mete) e i giovani Marsh e Ringrose

ph. Francesca Soli

ph. Francesca Soli

DUBLINO Leinster mostra evidenti progressi nel gioco offensivo battendo nettamente i Newport Dragons all’Rds. La squadra di coach Cullen inizia ad avere una fisionomia precisa e, cosa molto gradita ai tifosi dubliners, un gioco offensivo piacevole da vedere. Che poi sia utile per battere Tolone, Bath e gli Wasps in Euro Champions è cosa che si vedrà più avanti. Fra i giovani schierati da Cullen Ringrose e Marsh (eletto man of the match) hanno fatto vedere buone cose, al di là della meta segnata.

Il primo spunto serio è di Marsh che al 10′ buca la linea avversaria e fa 40 metri, dando il via a una serie di cariche che portano prima a una mischia centrale sui 10 metri: Leinster la vince e va in piazzola per il facile 3-0 di Mc fadden. Un fuorigioco manda Jason Tovey in piazzola subito dopo: 3-3. Ancora un fallo subito dopo, Reid viene placcato al collo, e McFadden fa 6-3. Leinster calcia spesso per scavalcare la linea, come fa l’Irlanda, ma cerca molto spesso le ali (preferibilmente dalla parte di Nacewa) e prova di frequente a sorprendere la linea difensiva con la velocità di Marsh e Boss. Newport però mette spesso in difficoltà gli irlandesi, anche perché non regala mai il pallone. Al 22 i gallesi vanno in meta con Pretorius che supera una strenua resistenza irlandese sulla linea. Tovey trasforma il 10-6 per i gallesi. Nacewa e Marsh sono i blu con mani e idee migliori, sono loro a prendere in mano la squadra. È proprio Nacewa a segnare la meta che riporta avanti Leinster, schiacciando nell’angolo destro un bel passaggio lungo di Reid in un’azione iniziata da un break di Ruddock. McFadden trasforma dall’angolo e  Leinster va 13-10. Ancora Nacewa segna la seconda meta irlandese al 35′, anche se buona parte del merito va al blitz di Te’o prima e al calcetto di Reid poi. McFadden è fuori per infortunio, quindi è lo stesso Nacewa a trasformare la meta per il 20-10. Il tempo si chiude con una mischia vinta dai Dragons a metà campo (Leinster collassa), ma la punizione seguente va larga.

 

Il secondo tempo si apre con una splendida corsa di Ringrose (appena al proprio secondo cap) che si fa oltre 70 metri bucando la difesa gallese su rimessa laterale e viene steso a pochi metri dalla meta. Nel contatto perde il pallone in avanti ed è mischia sui cinque metri: i Dragons si salvano con affanno. Leinster controlla la gara con più decisione del primo tempo, un blitz di Ruddock sui 40 metri costringe al fallo i dragoni: McFadden in piazzola fa il 23-10. I gallesi sono pericolosi quando tengono il ritmo basso e la palla centrale, accade di nuovo poco dopo ma stavolta la difesa di Leinster concede solo una punizione e tre punti. 23-13. Leinster di nuovo alla carica al 60′, prima sfiora la meta ma Te’o è tenuto alto, segue una lunga serie di mischie sui cinque metri, fino a quando i blu spostano velocemente il pallone all’ala sinistra facendo schiacciare la prima meta della carriera a Ringrose al 65′. McFadden trasforma dall’angolo il 30-13. Leinster ha ormai rotto gli argini, subito dopo è Marsh a segnare la meta del bonus point. Poi girandola di cambi con i Dragoni che evitano un passivo peggiore. Finisce 37-13 per i padroni di casa.

 

 

Leinster: 15: Isa Nacewa (cap), 14: Fergus McFadden, 13: Ben Te’o, 12: Noel Reid, 11: Garry Ringrose, 10: Cathal Marsh, 9: Isaac Boss, 8: Rhys Ruddock, 7: Josh van der Flier, 6: Dominic Ryan, 5: Mike McCarthy, 4: Ross Molony, 3: Marty Moore, 2: Aaron Dundon, 1: Michael Bent.
Riserve: 16: James Tracy, 17: Peter Dooley, 18: Jamie Hagan, 19: Tadhg Beirne, 20: Dan Leavy, 21: Luke McGrath, 22: Ross Byrne, 23: Cian Kelleher

Mete: Isa Nacewa (26′, 35′), Gerry Ringrose (64′), Cathal Marsh (67′)
Trasformazioni: McFadden (28′, 65′, 68′), Nacewa (36′)
Punizioni: Fergus McFadden (12′, 16′, 53′)

 

Newport Gwen Dragons: 15 Carl Meyer, 14 Ashton Hewitt, 13 Ross Wardle, 12 Adam Warren, 11 Tom Prydie, 10 Jason Tovey, 9 Sarel Pretorius, 8 Ed Jackson, 7 James Benjamin, 6 James Thomas, 5 Rynard Landman (cap), 4 Nick Crosswell, 3 Brok Harris, 2 Hugh Gustafson, 1 Boris Stankovich.

Riserve: 16 Rhys Buckley, 17 Phil Price, 18 Shaun Knight, 19 Matthew Screech, 20 Nic Cudd, 21 Luc Jones, 22 Angus O’Brien, 23 Aled Brew.

Mete: Sarel Pretorius (22′)
Trasformazioni: Jason Tovey (23′)
Punizioni: Jason Tovey (15′, 56′)

di Damiano Vezzosi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Cosa serve per diventare head coach dei Kings

La franchigia sudafricana sta cercando il sostituto di Deon Davids e ha deciso di pubblicare un bando sui propri canali ufficiali

21 giugno 2019 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro14: Deon Davids non sarà più l’allenatore dei Southern Kings

La franchigia sudafricana cambierà guida tecnica per affrontare la prossima stagione nel torneo celtico

20 giugno 2019 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Munster aggiunge Stephen Larkham allo staff

Era noto che gli irlandesi fossero in cerca di un allenatore per l'attacco: ottengono un nome importante

14 giugno 2019 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Il nuovo logo dei Glasgow Warriors

Prende spunto dalla storia del club fornendo un design semplice e pulito

4 giugno 2019 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Jonny la macchina

Parliamo di Gray, il seconda linea scozzese con una percentuale di placcaggi riusciti che supera il 98%

29 maggio 2019 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

L’ultimo atto di Seán O’Brien con la maglia del Leinster

Jonathan Sexton gli ha concesso l'onore di alzare il trofeo del Pro14 a Glasgow, nonostante il flanker fosse in borghese

26 maggio 2019 Pro 14 / Altri club