Movimento Italia, nuovo attacco: stavolta arriva da Massimo Giovanelli

In una intervista a La Gazzetta dello Sport l’ex azzurro non le manda a dire alla gestione FIR

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Da un lato c’è chi non vorrebbe che in questo momento si criticasse il movimento Italia, dall’altro chi dice certe cose si difende sottolineando che certe opinioni le ha sempre avute. E chiaramente i giorni a ridosso di un torneo Mondiale spingono i media a sentire molti protagonisti vecchi e nuovi.
Così dopo le parole di Mirco Bergamasco arrivano quelle di Massimo Giovanelli, capitano azzurro come pochi altri e giocatore-simbolo di quella che è stata la nostra nazionale più forte di sempre. E dalle pagine della Gazzetta dello Sport cosa dice? “Il problema principale del nostro rugbyè che non sa rinnovarsi. (…) Le presidenze federali durano all’infinito e chi comanda ha poteri illimitati. Pensiamo al Sei Nazioni: fosse per i risultati sportivi, saremmo retrocessi da tempo. Non siamo competitivi, non siamo credibili”.

 

Le nostre squadre? “Una volta i club italiani avevano grande potere d’acquisto, oggi le finaliste d’Eccellenza prendono 90 punti da squadre straniere di terza fascia. Tecnicamente valiamo zero. Abbiamo il secondo budget federale dopo il calcio e il sud non esiste. Siamo diventati il rugby dei villaggi”.
Poteva mancare Jacques Brunel? No, ovviamente: “Possibile che alla Coppa del Mondo si presenti sempre un c.t. con le valigie pronte? Le altre Nazionali hanno 4-5 tecnici affermati, noi pseudo staff. (…) Basta con gli allenatori che vengono qui in pensione: Fourcade e Coste si calarono nella realtà, gli altri, da lì in poi, hanno usato i problemi come scuse”.
Ricordiamo che Brunel a oggi non è esattamente un ct “con le valigie pronte”. Il tecnico francese non ha rinnovato il suo contratto con la FIR ma l’accordo scadrà il 30 giugno 2016, ovvero dopo Sei Nazioni e tour estivo.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Nazionale italiana rugby: i convocati per il raduno di Parma

Franco Smith chiama 28 giocatori. Prima da invitati per Monty Ioane, Paolo Garbisi e Michele Lamaro

2 Luglio 2020 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Il nuovo protocollo FIR per la ripresa degli allenamenti

Le disposizioni federali del primo luglio

1 Luglio 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

La decisione ufficiale di World Rugby sulla stagione dei 7s

Il governo mondiale ha preso posizione anche sull'assegnazione dei titoli

30 Giugno 2020 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

E se Inghilterra, Galles e Scozia si unissero permanentemente in team UK?

Una soluzione che potrebbe presto essere presa per le compagini 7s

29 Giugno 2020 Rugby Azzurro / Rugby Seven
item-thumbnail

Under 20, Fabio Roselli: “Puntavamo al miglior Mondiale azzurro di sempre. E su Varney…”

Nel giorno che avrebbe dovuto segnare l'esordio Mondiale, abbiamo parlato con l'ex capo allenatore degli azzurrini

28 Giugno 2020 Rugby Azzurro / Nazionali giovanili
item-thumbnail

Giordana Duca e il rugby, questione di famiglia (e passione)

Una lunga intervista con la seconda linea azzurra, tra percorso ovale, aneddoti ed obiettivi futuri

25 Giugno 2020 Rugby Azzurro / Nazionale femminile