Gettoni azzurri, il ct, la nuova sede, il ritorno di McLean: parla Gavazzi

Un incontro con la stampa nel quale il presidente federale ha toccato molti argomenti. Ecco il resoconto

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Ormai è una tradizione: dopo il Sei Nazioni il presidente federale Alfredo Gavazzi incontra a Milano i giornalisti del nord Italia, quelli cioè impossibilitati a frequentare il raduno azzurro di Roma durante il torneo. Una chiaccherata informale durante un pranzo in cui vengono affrontati un po’ tutti i temi più caldi del momento e a cui ovviamente ha preso parte anche OnRugby. Ma non solo, come vedrete c’è spazio anche a qualche chicca e/o novità. Come l’annuncio della partenza ormai certa di Venditti per l’Inghilterra e il ritorno un po’ più a sorpresa anche di McLean in quel di Treviso, oppure l’acquisto della nuova sede in dirittura d’arrivo. Gavazzi ha tra l’atro confermato le anticipazioni di questo sito che davano Carlo Checchinato in uscita dal ruolo di responsabile dell’Alto Livello. 
Il tema però forte è stato un altro e riguarda i premi per i giocatori della nazionale. Ma andiamo con ordine, si è iniziato con la notizia di cronaca del giorno, ovvero le dichiarazioni del director of rugby degli Harlequins Conor O’Shea che ha fatto sapere che non verrà in Italia ad allenare gli azzurri dopo Jacques Brunel.
Di seguito tutte le dichiarazioni del presidente Gavazzi:

 

Capitolo ct attuale e futuro: La federazione sta parlando con più persone per il dopo Brunel. Il contratto di Jacques scade dopo il Sei Nazioni 2016, non abbiamo perciò fretta e non abbiamo intenzione di anticipare i tempi. Conor O’Shea è uno dei tecnici che abbiamo contattato. Io sceglierei Wayne Smith, ma non può. La scelta del nuovo tecnico verrà definita entro l’estate, prima del Mondiale ma il suo nome verrà annunciato solo dopo la fine del contratto di Brunel. Il tour estivo 2016 nel continente americano verrà guidato dal nuovo ct. Con Jacques ci siamo visti qualche giorno dopo la fine del Sei Nazioni e ci rivedremo la prossima settimana. Di dimissioni non ne abbiamo parlato, sono abituato a rispettare i contratti a meno che non ci siano situazioni particolari. Ma non è questo il caso.
Ho sempre pensato che siamo culturalmente più vicini al mondo latino, che con i tecnici francesi ci sia un feeling più naturale ma oggi forse la creatività italiana avrebbe bisogno della rigorosità anglosassone. Lo ripeto, dipendesse da me punterei a occhi chiusi su Wayne Smith, sarei disponibile ad aspettarlo anche dopo i test estivi 2016, che a quel punto faremmo con chi abbiamo in casa, ma non è disponibile. Galthié? E’ un ottimo uomo di campo.
Un ct che facca da director of rugby? Abbiamo due possibilità: o si prende un allenatore puro, un uomo da campo o uno che ha esperienza anche di formazione. Il nuovo ct però non arriverà da solo: vogliamo un responsabile delle nazionali giovanili fino all’U20, una sorta di coordinatore che formerà anche i tecnici. Sarà straniero e verrà scelto dal nuovo ct. Perché questo lavoro non l’ha fatto Brunel? Io non ho fatto il suo contratto.

 

Capitolo rapporti con le franchigie: Penso che sia assurdo che non ci sia collegamento tra franchigie e nazionale, ma la situazione sta notevolmente migliorando in questo senso e nel rapporto con loro ci sono stati grandi passi avanti. La collaborazione con il ct aumenerà sempre di più e quella con il Benetton Treviso è ora decisamente fluida.

 

Capitolo Sei Nazioni: la Francia è entrata nel torneo nel 1910, ha vinto la prima gara dopo 11 anni e la seconda dopo 20. Il primo torneo lo conquista dopo 44 anni, il primo Grande Slam un bel pezzo dopo. Penso che noi abbiamo solo 15 anni di storia nel Sei Nazioni: per qualcuno sono tanti, per me no. Ho fatto un calcolo: da quando sono presidente ho una media del 5° posto, chi mi ha preceduto del 5,61. Un po’ siamo migliorati. È stato un Sei Nazioni con tanti infortuni, abbiamo usato 36 giocatori, ci sono stati convocati che arrivavano dall’Eccellenza. Io sono più deluso dalla partita con la Francia che non quella con il Galles. L’abbiamo buttata via, era una Francia mediocre e battibile.
Ho iniziato un percorso nel settore giovanile che darà i suoi frutti ma ci vogliono anni, deve esserci una maturazione nel nostro mondo. Il gruppo dei giocatori di oggi è un gruppo formato su cui non ho inciso con il progetto accademie, inciderò forse con la RWC 2019 se non con quella del 2023. Mi piace vincere, il partecipare non mi ha mai interessato. Sono molto fiducioso nella crescita del nostro movimento ma dobiamo ricordarci che non abbiamo i numeri e la storia delle altre federazioni. È un processo di crescita che necessita di tempo.

 

Capitolo aperture: Alex Lozowski, il mediano degli Wasps con origini italiane, ci è stato segnalato da Masi tempo fa e ci interessa. Lo abbiamo incontrato due volte e gli abbiamo parlato per portarlo in una delle nostre due franchigie e in nazionale. Lui però vuole rimanere a Londra dove ha un contratto di tre anni.
Abbiamo lavorato molto sotto il profilo mediano d’apertura: Haimona lo abbiamo preso i Serie A e ora è in nazionale. C’è Padovani, abbiamo insistito con Allan che a un certo punto, qualche mese fa, sembrava dovesse andare a Treviso ma ma suo papà ha voluto tenerlo a Perpignan. Pensiamo di coinvolgere un altro giovane per le Zebre.

 

Capitolo Nazionali giovanili: contiamo molto sull’attuale U18 e ci stiamo lavorando molt. La normativa per questi ragazzi prevedeva un periodo di due anni di legame con la federazione una volta usciti dalle Accademie ma penso che la porteremo ad almeno tre anni. Faranno un tour in Sudafrica e Massimo Brunello rimane alla sua guida.
L’ impostazione della U20 va rivista: la soluzione che preferisco è quella di avere una squadra in Eccellenza ma ora non è praticabile. Per aumentare un minutaggio altrimenti molto baso questo gruppo prenderà parte a sei test tra la fine dell’estate e gennaio contr squadre straniere e squadre dell’Eccellenza. Non contro le franchigie che sono già molto impegnate e di un livello troppo elevato.

 

Capitolo Zebre: Spero che trovino un loro assestamento a Parma come è giusto che sia e credo che sarà così, ma le cose saranno tutte più chiare dopo il Consiglio di sabato prossimo. C’è però bisogno di una terza franchigia di sviluppo, come è stata Connacht per l’Irlanda, ma per sei anni questo non avverrà. Questa stagione? I fatti che tutti conosciamo hanno pesato non poco, c’è stata una lunga serie di infortuni ma onestamente pensavo facessero meglio,che migliorassero quanto fatto l’anno scorso.
L’arrivo di Mils Muliaina è anche una operazione di marketing: volevamo un giocatore di talento con appeal ma che arrivasse anche da un buon torneo. Non costa 300mila euro come qualcuno ha scritto, ma molto meno. Quanto? Più o meno come Geldenhuys.

 

Capitolo Mondiale: come ben sappiamo abbiamo nel girone Francia e Irlanda. L’Italia non si è mai qualificata, il miglior torneo per me è stato quello del 2007 quando siamo arrivati a un nulla dalla qualificazione. Sarà dura ma possiamo giocarci le nostre carte e conquistare i quarti di finale. Alessandro Zanni dovrebbe farcela, sono ottimista.
Dobbiamo prendere una persone specifica per i calci che segua la squadra azzurra già nella preparazione del torneo iridato, deve aggregarsi alla squadra a giugno. Secondo me è indispensabile. Non ne ho ancora parlato con Brunel che farà le sue valutaioni, ma ci serve.
Quanti giocatori saranno chiamati a prendere parte alla preparazione? 30, 35 o 40 è una scelta che spetta al ct, quello che conta è che rimangano nel budget predisposto.

 

Capitolo candidatura ai Mondiali 2023: è una grande opportunità e una grande operazione di marketing che sta bene al CONI, al governo e allo sport italiano. Potrebbe essere il veicolo per sistemare 8-10 stadi e questo verrebbe salutato con favore anche dal mondo del calcio che sono sicuro non si metterebbe di traverso proprio perché ne avrebbero anche loro un guadagno.

 

Capitolo pagamenti giocatori della nazionale: Non vorrei che le presenze dei giocatori fossero pagati a gettone. La FIR deve mantenere e anche aumentare i soldi finora accantonati per questa voce. Se la FIR già paga i giocatori con i contributi alle franchigie non vedo perché dare anche i gettoni. I premi devono essere legati a risultato, per il Mondiale – ad esempio – il premio ci sarebbe solo per il passaggio ai quarti.
Ripeto, non voglio risparmiare, oggi darei 60mila euro a testa circa per la qualificazione che nel complesso è la stessa cifra predisposta nel 2011 ma io non prevederei la parte del gettone che invece nell’ultimo Mondiale in Nuova Zelanda c’era. La FIR non ha mai speso così tanto per le franchigie come oggi, prima il gettone serviva a coprire una mancanza che oggi non c’è più, i giocatori sono pagati dalla federazioni per 11 mesi all’anno. Bisogna cambiare la mentalità, non sono io che sono sceso al 15° posto del ranking. La discussione è già iniziata, so che ci sono dubbi e mugugni ma credo che alla fine prevarrà il buonsenso. Ad ogni modo il contratto che era in essere è scaduto con la fine del Sei Nazioni, nelle prosime settimane troveremo un qualche accordo. Voglio giocatori, non pensionati.

 

Capitolo Eccellenza: il lavoro che stiamo facendo a livello giovanile si riversa nell’Eccellenza che è la fine di un percorso. Certo, fino a quando non c’è uno sviluppo economico i problemi rimangono e torno a dire che lo Stato dovrebbe concedere sgravi fiscali.
Il campionato sotto l’aspetto tecnico si è ampliato, sono 6 o 7 le squadre di buon livello: oltre a Rovigo, Calvisano e Mogliano ci sono San Donà, le Fiamme Oro, Viadana, il Petrarca e la stessa Lazio. Un campionato a 8 squadre darebbe più equilibrio ma ci vogliono tempi tecnici lunghi, almeno un paio d’anni. E non è l’idea migliore da mettere in pratica quando manca poco alle elezioni… (il presidente Gavazzi dice quest’ultima cosa ridendo, a mo’ di battuta, ndr). Le Fiamme Oro poi potrebbero diventare un ottimo vivaio federale.

 

Capitolo diritti televisivi: La situazione è migliorata, è il primo anno che la vendita dei diritti TV è in forte crescita e per la prima volta a livello di test-match saremo visti ovunque, cosa mai successa. Anche i test prima del Mondiale saranno trasmessi ovunque. DMAX è molto contenta del Sei Nazioni con una crescita rispetto a un anno fa del 10% delle partite senza l’Italia e del 12% per quelle con gli azzurri in campo. Il Pro12 dovrebbe rimanere su Nuvolari per 4 o 5 anni. Un ruolo potrebbe svolgerlo sky, noi siamo fiduciosi.

 

Capitolo giocatori che partono e che arrivano. Anzi, ritornano: Venditti doveva rimanere ma alla fine lascerà le Zebre e andrà in Inghilterra. Sempre dall’Inghilterra dovrebbero rientrare De Marchi, Barbieri e torna pure McLean. Martin Castrogiovanni di sicuro non rimane a Tolone, ha avuto dei contatti con Treviso ma non è detto che alla fine venga. Il Benetton comunque ha fatto una buonissima squadra per il prossimo anno.

 

Capitolo bilancio, tassa celtica e nuova sede: Il 50% del nostro budget, circa 20 milioni in tutto, viene riversato sul movimento dai 8-10 milioni delle celtiche in giù. Le accademie costano 3,7 milioni e non 6 come si dice e si scrive in giro. Prima di me c’erano solo tre accademie e costavano 3,1 milioni. Il bilancio 2014 sarà positivo.
La questione sede nuova è ormai definita. Il tutto andrà al prossimo consiglio, con il CONI c’è la lettera d’intenti per l’affitto di un piano.
La questione tassa celtica (ricapitoliamo la situazione: la FIR ha ottenuto un forte sconto da 3 milioni a 1,2 milioni annui circa. La federazione ha altresì ottenuto una sospensiva del pagamento di quest’ultima cifra e spera di dimezzarla con i famosi fondi extra di World Rugby e poi di cancellarla del tutto. Se non dovesse farcela alla fine del quadriennio dovrà versare al board celtico i 4,8 milioni) siamo in grossa e difficile discussione. Una soluzione dovrebbe però arrivare presto.

 

Capitolo Seven, femminile e Georgia/Romania: Sono molto contento per le ragazze. Siamo più vicini a risultati importanti con la femminile perché l’Italia e le altre sono partite assieme. Il mondo femminile cresce a due cifre.
Il Seven: fino a quando per l’Europa ci sono solo due posti per ottenere un pass olimpico è difficile. Non so se abbiamo le qualità di qualificazione ma alla federazione intessa tutto, anche il rugbya 7.
La stampa parla giustamente del 15° posto nel ranking e della Georgia che ci è davanti ma non penso che dovremmo impegane uno dei nostri test-match autunnali per giocare contro squadre come Romania e Georgia. ad ogni modo questa è una decisione che spetta a World Rugby.

 

Capitolo Checchinato e dirigenti: Checchinato ha un contratto sino al termine del 2015, poi dovrebbe spostarsi al commerciale (anticipazione di OnRugby confermata dunque). D’altronde è un ruolo che ricopre in parte già oggi.
La FIR ha poi messo in piedi un corso per dirigenti per sostenere la crescita anche di queste figure da tenersi preso lo Studio Ghiretti di Parma.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: Italia, il punto della situazione da Sugadaira

Le parole di Minozzi, Ghiraldini (che sta recuperando) e Tebaldi, a nove giorni dall'esordio mondiale. Gli azzurri intanto si sono spostati a Osaka

14 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sei Nazioni Under 20: il calendario del torneo 2020

Gli azzurrini giocheranno due partite in casa: le sedi scelte sono state Reggio Emilia e Verona

item-thumbnail

Sei Nazioni femminile 2020: date, luoghi ed orari del torneo azzurro

Due le sfide interne, contro Scozia ed Inghilterra, in programma tra Lombardia e Veneto

12 Settembre 2019 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Nuovi dettagli sull’addio di O’Shea alla panchina dell’Italrugby

Dopo la notizia dell'avvicendamento tra il tecnico irlandese e Rob Howley emergono nuovi particolari

12 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Guglielmo Palazzani: “Abbiamo ricevuto una grande accoglienza in Giappone”

Il mediano di mischia azzurro ha parlato dell'ambientamento in terra nipponica e dell'imminente gara contro la Namibia

10 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: Rob Howley sarà il nuovo ct della nazionale a partire dal 2020

Il tecnico gallese siederà sulla panchina degli Azzurri, da capire se prima o dopo il prossimo Sei Nazioni

10 Settembre 2019 Rugby Azzurro / La Nazionale