Un’Inghilterra maestosa mette fine alla corsa degli All Blacks: 38 a 21

A Twickenham il XV di Stuart Lancaster mette in scena una gara di rara ferocia e vincono meritatamente. All Blacks sulle ginocchia

ph. Henry Browne/Action Images

Londra – Il sabato di Twickenham è freddo, freddissimo, ma ci pensa il tutto esaurito dello stadio a scaldare il campo e l’atmosfera. Il tempio del rugby si prepara ad accogliere l’ultima sfida internazionale dell’anno tra Inghilterra e Nuova Zelanda. Se vincono i campioni del mondo è record di imbattibilità – nessuna sconfitta in un anno, a parte un pareggio contro l’Australia. Se vincono gli inglesi è impresa. “Ci vuole un esercito per battere gli All Blacks”, titolava ieri sera l’Evening Standard di Londra. E così la cavalleria è arrivata, e ha deciso di giocare duro.
L’Inghilterra parte sorniona, rimanendo nella sua metà campo per il primo quarto del primo tempo. La Nuova Zelanda appare lenta e senza idee, con qualche raro sprazzo da parte delle ali. I leoni decidono per un gioco duro e fisico, e gli All Blacks soffrono. Carter e Dagg sono decisamente sottotono, con il primo che non centra due punizioni su due e il secondo che spesso si trova in affanno nelle retrovie.
Al 30′ quasi meta per gli inglesi, che non toccano la linea di meta per un soffio. Poco dopo, Farrell inizia ad inanellare una serie di calci deliziosi: due punizioni – una, allo scadere, quasi da centrocampo, ma centrale – e un drop frutto di un rocambolesco recupero di palla. Il primo tempo si conclude con i padroni di casa avanti per 12 a 0.

 

Secondo tempo più frizzante e divertente è puro spettacolo soprattutto per i tifosi inglesi, con gli All Blacks che provano a reagire dopo un’altra punizione messa a segno da Owen Farrell. La Nuova Zelanda cerca qualche soluzione sulle fasce, e alla fine la trova con Savea, a cui il TMO dà ragione. Carter stavolta non sbaglia, 12-7. La Nuova Zelanda ci prova ancora e va a meta con un prepotente Kieran Read, e anche stavolta Carter non delude, da una delle sue posizioni preferite.
L’Inghilterra non ci sta e ingrana la quarta: prima Barritt, con una bella meta, e poi con Ashton che si lascia andare in uno splendido volo d’angelo. Poco dopo, anche Tuilagi mette la sua firma alla bellissima prestazione dei suoi.
La Nuova Zelanda tenta disperatamente una reazione, ma il gioco è spesso stentato e macchinoso. L’Inghilterra, invece, è sempre molto pericolosa. Al 50′ Burns mette un’altra punizione per il 36-14. L’ultimo assalto è degli All Blacks, e l’ultimo acuto è di Savea, che realizza una meta trasformata facilmente da Cruden.

 

L’arbitro fischia la fine del match, Twickenham esplode in un solo urlo a un’unica voce. E i volti della vittoria sono quelli di Owen Farrell e di Tom Wood, un gigantesco Man of the Match. Gli dei sono scesi dall’Olimpo, l’Inghilterra ha tirato fuori quel carattere e determinazione che i tifosi e Lancaster cercavano per uscire dalla crisi. E se dicembre è il mese dei buoni propositi per l’anno nuovo, l’Inghilterra ne ha messo da parte di buonissimi.

 

di Stefania Mattana

 

Inghilterra: 15 Alex Goode, 14 Chris Ashton, 13 Manu Tuilagi, 12 Brad Barritt, 11 Mike Brown, 10 Owen Farrell, 9 Ben Youngs, 8 Ben Morgan, 7 Chris Robshaw (c), 6 Tom Wood, 5 Geoff Parling, 4 Joe Launchbury, 3 Dan Cole, 2 Tom Youngs, 1 Alex Corbisiero.
Riserve: 16 David Paice, 17 David Wilson, 18 Mako Vunipola, 19 Courtney Lawes 20 James Haskell, 21 Danny Care, 22 Freddie Burns, 23 Jonathan Joseph
Nuova Zelanda: 15 Israel Dagg, 14 Cory Jane, 13 Conrad Smith, 12 Ma’a Nonu, 11 Julian Savea, 10 Dan Carter, 9 Aaron Smith, 8 Kieran Read, 7 Richie McCaw (c), 6 Liam Messam, 5 Sam Whitelock, 4 Brodie Retallick, 3 Owen Franks, 2 Keven Mealamu, 1 Tony Woodcock.
Riserve: 16 Dane Coles, 17 Wyatt Crockett, 18 Charlie Faumunia, 19 Luke Romano, 20 Victor Vito, 21 Piri Weepu, 22 Aaron Cruden, 23 Ben Smith.

 

Marcatori, Inghilterra
Mete: Barritt (53), Ashton (57), Tuilagi (61)
Conversioni:  Farrell (62)
Punizioni: Farrell (25, 32, 40, 42), Burns (66, 72)
Drop: Farrell (37)

 

Marcatori, Nuova Zelanda
Mete: Savea (47, 74), Read (50)
Conversioni: Carter (48, 52), Cruden (75)
Punizioni:

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Inghilterra: i 34 convocati per lavorare in vista dei test match estivi

Sono ben 21 i potenziali esordienti nel primo gruppo di lavoro selezionato da Eddie Jones per le sfide a USA e Canada

item-thumbnail

Mornè Steyn, rileggiamo la carriera di un mito del rugby mondiale

Contro i Lions potrebbe tornare a vestire la maglia degli Springboks uno dei più grandi giocatori degli ultimi 20 anni

item-thumbnail

Il calendario ufficiale di tutti i test match estivi del 2021

Dal prossimo 26 giugno al 18 luglio saranno ben 23 le partite ufficiali a livello internazionale distribuite tra i due emisferi

item-thumbnail

Sudafrica: la corsa contro il tempo di Duane Vermeulen per esserci contro i Lions

Il numero 8 degli Springboks deve andare sotto i ferri, problema alla caviglia: 7 settimane per essere in campo nel primo test

item-thumbnail

Francia in Australia senza il capitano: Charles Ollivon fuori a lungo

Rottura del legamento crociato per il terza linea con il Tolone nell'ultima gara della stagione

item-thumbnail

Test Match Estivi 2021: Argentina, ufficializzato il calendario delle sfide di luglio

I Pumas saranno impegnati in tre sfide nell'Emisfero Nord