L’Inghilterra maltratta il Giappone di Eddie Jones

Gli uomini di Borthwick segnano otto mete e si impongono con un netto 17-52

L’Inghilterra maltratta il Giappone di Eddie Jones -ph.-S.pessina

Buona al prima per l’Inghilterra che supera il Giappone con perentorio 17-52 marcando ben otto mete nel corso del match. Marcus Smith oltre a marcare una meta e trasformare quattro calci – per un totale tredici di punti – si è reso protagonista di un’ottima prova (nonostante un giallo) che lo rendono il più probabile candidato a indossare la maglia numero dieci nei prossimi test in programma contro gli All Blacks.

Leggi anche: Italia: alle Summer Series ci sarà anche Ange Capuozzo

Ma per coach Steve Borthwick non ci sono solo notizie positive. L’espulsione rimediata da Ewels – primo giocatore nella storia dell’Inghilterra ad essere espulso due volte – e la sua sicura squalifica costringerà il coach inglese a chiamare nel gruppo un sostituto in vista delle due sfide in Nuova Zelanda. Inoltre com l’ex seconda linea non ha mancato di sottolineare in conferenza stampa l’aspetto disciplina andrà assolutamente migliorato se si vuole pensare di battere gli All Blacks.

Il Giappone, che schierava esordienti nel quindici iniziale, dopo essere passato in vantaggio grazie a un calcio piazzato ha provato imporre il proprio gioco velocizzando al massimo i punti di incontro ma è stato subito messo in difficoltà dalla qualità degli ospiti che hanno pazientemente fatto sfogare i Brave Blossom per poi punirli con Cunningham-South (al 14esimo), Smith (25), Feyi-Woboso (28) e Slade (41) chiudendo di fatto il match a fine primo tempo con un parziale di 3-26.

Leggi anche: Test Match: gli highligts di Giappone-Inghilterra 17-52

Formazioni e tabellino di Giappone – Inghilterra (17-52)

Giappone
Yazaki; Naikabula, Riley, Osada, Nezuka; Lee, Saito; Mohara, Harada, Takeuchi, Waqa, Dearns, Leitch (capt), Costley, Makisi.
A disposizione: Sakate, Miura, Tamefusa, Saumaki, Yamamoto, Fujiwara, Matsuda, Tua. (3) 17
Punizioni: Lee
Mete: Nezuka, Yamasawa
Trasfromazioni: Matsuda 2

Inghilterra
Furbank; Feyi-Waboso, Slade, Lawrence, Freeman; M Smith, Mitchell; Rodd, George (capt), Cole, Itoje, Martin, Cunningham-South, Underhill, Earl.
A disposizione: Dan, Marler, Stuart, Ewels, T Curry, Randall, F Smith, Roebuck.

Mete: Cunningham-South, M Smith, Feyi-Waboso, Slade, Mitchell, Earl, Randall, Underhill
Trasfromazioni: M Smith 4, Slade 2

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Summer Series: la preview di All Blacks-Inghilterra ad Eden Park

Nella prima sfida sono mancati i piazzati a entrambe le formazioni. La Nuova Zelanda è parsa superiore in mischia ma ha sofferto in touche: tutte le c...

item-thumbnail

Summer Series: la formazione della Francia per la sfida con i Pumas

Fabien Galthiè conferma gran parte del XV di una settimana fa e inserisce quattro possibili esordienti in panchina

item-thumbnail

Summer Series: la formazione dell’Argentina per il secondo test con la Francia

Cinque cambi per Felipe Contepomi, mentre Pablo Matera si appresta a tagliare un traguardo importante

item-thumbnail

L’Irlanda prova a mischiare le carte: la formazione per il secondo test con il Sudafrica

Peter O'Mahony si siede in panchina, mentre sono obbligati i cambi di Dan Sheehan e Craig Casey

item-thumbnail

Summer Nations Series: l’identikit di Tonga, prossima avversaria dell’Italia

Le Ikale Tahi all'assalto degli Azzurri con un mix di esperienza e volti nuovi

item-thumbnail

Summer Series: la formazione del Galles per il secondo round con l’Australia

Warren Gatland costretto ad alcuni cambi dopo la prima sconfitta di Sydney