Le parole di Kieran Crowley e Michele Lamaro dopo Italia-Australia

Il capitano azzurro: “Questo risultato è frutto del lavoro quotidiano sui piccoli dettagli. Questo fa la differenza a questo livello”

Michele Lamaro dopo Italia-Australia – ph. Sebastiano Pessina

FIRENZE – Il capo allenatore dell’Italia Kieran Crowley e il capitano Michele Lamaro sono intervenuti in conferenza stampa dopo la fine dell’incontro fra Italia e Australia allo stadio Franchi di Firenze.

“Le cose positive che ci portiamo a casa non riguardano solo la vittoria – ha esordito l’head coach neozelandese – Abbiamo centrato l’obiettivo di metterci in posizione per vincere la partita e poi siamo riusciti a portarla a casa. Impareremo un sacco da tutto questo. L’obiettivo per il futuro è riuscire a continuare a metterci in queste situazioni.”

“In questa partita avevamo delle cose che volevamo fare e penso che le abbiamo portate a casa. Non credo che l’Australia ci abbia mancato di rispetto con i tanti cambi, avevano una formazione di livello e ovviamente tutti sono alla ricerca di accrescere la profondità delle proprie scelte.”

Leggi anche: A Firenze è ancora storia: l’Italia vince 28-27 con l’Australia

Per Michele Lamaro, vista la differenza risicata tra vincere e perdere, il giudizio deve essere fatto guardando anche ad altri aspetti rispetto al tabellone: “La differenza fra vincere e perdere è sottile. L’ultimo calcio era decisivo. Quello su cui ci stiamo concentrando con Kieran è la prestazione e quella non sarebbe cambiata in nessun caso. Sapevamo che se facevamo bene le cose, con attenzione ai dettagli, potevamo essere in partita fino alla fine ed essere competitivi.”

Il capitano azzurro spende anche una parola per una piazza, quella fiorentina, che ha dato più di una soddisfazione alla nazionale italiana: “Firenze è una città speciale per lo sport, c’è stata una grande atmosfera. Un paio di vittorie non ci rendono dei supereroi, ma speriamo di aver avuto un impatto per il bene del movimento nel futuro.”

Leggi anche: Video: Italia spettacolo! Che meta di Ange Capuozzo

“La nostra forza è quella che ogni persona che entra all’interno di questo gruppo deve essere coinvolta e convinta di dare il proprio contributo al collettivo per andare nella direzione giusta. Non abbiamo fatto click da un momento all’altro, stravolgendo le cose. I nostri risultati sono frutto di un lavoro quotidiano, di dettaglio, di minimi margini sui quali lavorare giorno dopo giorno, ed è la riduzione di questo gap così piccolo che ci permette di fare queste prestazioni con il Galles e con l’Australia.”

Guarda gli highlights della storica vittoria dell’Italia contro l’Australia

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Leggi anche la nostra guida alle regole del rugby, per studiare/ripassare o imparare il regolamento ovale e tutte le sue sfaccettature.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Kieran Crowley: “Italia hai ritrovato fiducia ma c’è ancora molto da fare”

Il tecnico degli azzurri parla di credibilità ritrovata, di capitan Michele Lamaro e di quanto ami il nostro paese

6 Dicembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

La stampa estera: “L’Italia ha dato segnali promettenti, diamole il tempo di crescere”

Dylan Coetzee, giornalista di Planet Rugby, ha tracciato un dettagliato bilancio della stagione azzurra

4 Dicembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

“Kieran, ti piace come gioca l’Italia?”

L'inconsueta domanda del presidente della Federazione Italiana Rugby Marzio Innocenti al Commissario Tecnico

2 Dicembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Ange Capuozzo è nel XV ideale di Planet Rugby per le Autumn Nation Series 2022

Menzioni d'onore anche per Michele Lamaro e Ignacio Brex

29 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Lorenzo Cannone: “Con l’Italia è stato un novembre positivo. Ora testa alle gare col Benetton”

L'avanti ripensa al mese internazionale appena concluso proiettandosi verso il futuro

item-thumbnail

Grazie Italrugby, e adesso al lavoro verso il Sei Nazioni 2023

Qualche riflessione su cosa ci lascia il novembre azzurro

21 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale