Test match: l’Argentina si prende lo scalpo della Scozia

Pumas sempre avanti a Jujuy, ospiti che hanno solo una fiammata ad inizio ripresa. Finisce 26-18

Jeronimo de la Fuente, uno dei migliori per l’Argentina contro la Scozia – ph. Pablo GASPARINI / AFP

Buona la prima per l’Argentina di Michael Cheika: i Pumas battono la Scozia 26-18 a San Salvador de Jujuy e portano a casa l’1-0 nella serie con una prestazione convincente.

Sempre avanti l’albiceleste, che dopo le schermaglie iniziali dei due calciatori segna la prima meta con il centro Jeronimo de la Fuente alla mezz’ora e la seconda poco dopo con Santiago Carreras, per la quale va segnalato il grande break di Juan Cruz Mallìa su un contrattacco al centro del campo.

Le due marcature sono il coronamento di un sostanziale dominio sull’incontro, espresso soprattutto dalla superiorità del pack nelle fasi ordinate e nel punto d’incontro, con Matias Alemanno, Juan Martin Gonzalez e Marcos Kremer che si stagliano per la loro prestazione.

Leggi anche: Follia a Pretoria: il Galles sfiora l’impresa in 13, ma il Sudafrica vince 32-29 allo scadere

Tutto questo nonostante il numero 9 designato, Tomas Cubelli, sia stato vittima di un infortunio poco prima della partita, costringendo Cheika a mettere in campo il mediano dei Dragons Gonzalo Bertranou, che avrebbe dovuto essere in tour con l’Argentina A, ma era stato richiamato per l’infortunio al futuro giocatore delle Zebre Gonzalo Garcia. Bertranou si è ritrovato così titolare, ha segnato la meta che ha chiuso la partita nel secondo tempo e ha vinto il premio di man of the match.

L’Argentina non ha sofferto neanche la precoce perdita del suo numero 10 Nicolas Sanchez, uscito per infortunio dopo 20′. Al suo posto ha giocato Carreras.

Per la Scozia gli unici motivi di ottimismo risiedono nel primo quarto d’ora del secondo tempo, quando le cose sembravano finalmente incominciare a funzionare. Andati sotto 18-6 all’intervallo, gli uomini di Gregor Townsend hanno segnato 12 punti in 6 minuti, riportando improvvisamente la partita in parità grazie a due bei movimenti della linea arretrata che hanno mandato in meta prima Mark Bennett e poi Rory Hutchinson. Brillante, in entrambi i casi, il lavoro di Blair Kinghorn, alla sua terza da titolare come numero 10. Per il resto, però, la sua prestazione non è stata particolarmente brillante.

Leggi anche: L’Australia in 14 fa il colpaccio: Inghilterra battuta 30-28

Dopo il pareggio a quota 18, l’Argentina si è riportata immediatamente avanti con la meta di Bertranou ed ha poi chiuso i contri con un piazzato di Boffelli, che a 9 minuti dal termine ha portato i suoi oltre il break. Nonostante questo, però, i Pumas non hanno più rischiato di mettere in discussione la partita, che è stata saldamente nelle loro mani per gli ultimi 25 minuti.

L’Argentina riparte con una prestazione che infonde fiducia ed entusiasmo, finalmente di nuovo di fronte al pubblico amico. Ottime prestazioni di Mallìa, de la Fuente e Alemanno e bella prestazione dei giocatori entrati dalla panchina, in particolare Sclavi e Isa.

La Scozia è invece attesa da un’immediata reazione dopo aver giocato una partita tutto sommato scialba e deludente: quindici minuti di assoluta brillantezza non sono abbastanza.

Argentina: 15 Juan Cruz Mallia, 14 Santiago Cordero, 13 Matias Orlando, 12 Jerónimo de la Fuente, 11 Emiliano Boffelli, 10 Nicolas Sanchez, 9 Gonzalo Bertranou, 8 Pablo Matera, 7 Marcos Kremer, 6 Juan Martín González, 5 Matías Alemanno, 4 Guido Petti, 3 Francisco Gómez Kodela, 2 Julián Montoya (c), 1 Nahuel Tetaz Chaparro
A disposizione: 16 Agustin Creevy, 17 Mayco Vivas, 18 Joel Sclavi, 19 Lucas Paulos, 20 Facundo Isa, 21 Juan Imhoff, 22 Santiago Carreras, 23 Matias Moroni

Marcatori Argentina
Mete: De la Fuente (30), Carreras (34), Bertranou (57)
Trasformazioni: Boffelli (34)
Calci di punizione: Sanchez (4, 18), Boffelli (71)

Scozia: 15 Rory Hutchinson, 14 Darcy Graham, 13 Mark Bennett, 12 Sam Johnson, 11 Duhan van der Merwe, 10 Blair Kinghorn, 9 Ali Price, 8 Matt Fagerson, 7 Luke Crosbie, 6 Magnus Bradbury, 5 Jonny Gray, 4 Grant Gilchrist (c), 3 Zander Fagerson, 2 George Turner, 1 Pierre Schoeman
A disposizione: 16 Ewan Ashman, 17 Rory Sutherland, 18 Javan Sebastian, 19 Sam Skinner, 20 Rory Darge, 21 Ben White, 22 Ross Thompson, 23 Sione Tuipulotu

Marcatori Scozia
Mete: Bennett (48), Hutchinson (54)
Trasformazioni: Kinghorn (54)
Calci di punizione: Kinghorn (16, 26)

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Per studiare, ripassare o verificare il regolamento del gioco del rugby, invece, clicca qui.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

All Blacks, un test in Giappone prima del tour di novembre

Si giocherà il 29 ottobre a Tokyo, prima delle sfide a Inghilterra, Scozia e Galles

item-thumbnail

Mamuka Gorgodze: “Il rugby sta diventando sempre più popolare in Georgia”

La leggenda del rugby georgiano ha commentato anche la vittoria sull'Italia e le nuove tendenze nel rugby nel suo Paese

item-thumbnail

La Francia perde Demba Bamba: lungo periodo di stop per il pilone

Il pilone dei Bleus e di Lione ha chiuso con largo anticipo il suo 2022 sportivo e si rivedrà solo l'anno prossimo

item-thumbnail

Il Rugby Europe Championship sarà a otto squadre dal 2023

Un importante cambiamento per il principale torneo europeo di seconda fascia

item-thumbnail

Dall’Inghilterra si spara a zero su All Blacks e Sam Cane, tirando in ballo Michele Lamaro

Dalle colonne del Times, Stuart Barnes si scaglia contro il capitano degli All Blacks

item-thumbnail

Inghilterra: confermata la fiducia a Eddie Jones, ma il futuro va verso Andy Farrell

La federazione vicecampione del mondo pensa alla Rugby World Cup 2023 ma anche a quella del 2027