Emergenti, Italia A e il pasticcio Swanepoel

Il pilone del Rovigo non sarebbe stato eleggibile contro la Spagna. La FIR cerca una via di fuga dalla sanzione di World Rugby

Accademia Nazionale: i nomi di staff ed atleti

FIR: il caso Swanepoel, l’Italia A e la Emergenti – ph. Sebastiano Pessina

I più attenti fra gli appassionati della palla ovale azzurra avranno notato che il prossimo test match della seconda selezione italiana contro la Romania, previsto per il prossimo 18 dicembre, non vedrà scendere in campo l’Italia A ma l’Italia Emergenti.

Un cambio di direzione improvviso dal punto di vista della nomenclatura, utilizzata nel comunicato ufficiale, che non è un errore, bensì una toppa posta a copertura di un colpevole buco.

Lo scorso 30 ottobre, infatti, in occasione della partita tra Italia A e Spagna, gli Azzurri hanno fatto scendere in campo il pilone sudafricano del Rovigo Entienne Swanepoel, con l’intenzione così di catturarlo per essere un possibile internazionale azzurro.

Leggi anche: Italia Emergenti: ufficializzata la sfida con la Romania, si gioca sabato 18 dicembre

Secondo la Regulation 8 di World Rugby la seconda nazionale designata di una squadra è utile ai fini della definizione dell’eleggibilità di un giocatore. Peccato che Swanepoel abbia però interrotto i suoi tre anni continuativi di militanza in Italia, risultando tesserato per un breve lasso di tempo presso un club sudafricano e violando così uno dei requisiti per l’eleggibilità.

La pena della federazione internazionale per l’infrazione di tale regola corrisponde ad una multa da 100mila euro e la squalifica per il team manager della squadra.

In passato, altre federazioni hanno commesso errori simili: nel 2018 Spagna e Romania si giocarono la possibilità di qualificarsi alla Rugby World Cup 2019 schierando giocatori non eleggibili, e nel corso dello stesso Rugby Europe Championship anche il Belgio incorse nella stessa infrazione.

Ci si aspetterebbe invece di più da un movimento come quello italiano, che per risolvere l’annosa questione avrebbe fatto ricorso alla cavillosa questione della nomenclatura: come riportano il sito web NPR – Non Professional Rugby e La Gazzetta dello Sport il ritorno alla dicitura Italia Emergenti e la ben chiara specifica nel comunicato ufficiale della FIR che si tratta della “seconda rappresentativa italiana” servirebbe quindi a evidenziare una differenza fra Italia A ed Italia Emergenti, a questo punto mantenuta come seconda nazionale designata e rilevante ai fini dell’eleggibilità.

Se la sanzione di World Rugby arriverà in ogni caso non è ancora dato sapere, ma secondo La Gazzetta dello Sport sarebbe stato l’intervento di Franco Ascione, relegato in precedenza a ruoli minori dalla nuova direzione della Federazione Italiana Rugby, a dare una chance all’Italia di farla franca.

Vedi anche: Italia A-Uruguay: gli highlights della sfida vinta dagli Azzurri di Troncon

Se dunque l’Italia A non venisse considerata da World Rugby la seconda nazionale designata non sono da considerarsi catturati per gli Azzurri sia Entienne Swanepoel, suo malgrado al centro della querelle dopo essersi tesserato per un club sudafricano al solo scopo di sfruttarne le strutture per allenarsi durante la offseason, che Ange Capuozzo.

Hame Faiva e Ratuva Tavuyara, invece, sono ormai a tutti gli effetti Azzurri, avendo potuto debuttare con la nazionale maggiore contro l’Uruguay.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Tornano gli Open Day FIR: porte aperte il 17 e 18 settembre

Un momento di accoglienza e aggregazione che punta a seminare cultura ovale

10 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Caso Castrogiovanni: World Rugby non aprirà nessuna indagine a riguardo

Il Board non ha intenzione di approfondire una questione che era già venuta fuori nel 2009

9 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

FIR: approvato il nuovo regolamento sull’impiantistica

Sarà in vigore dal 2023/2024 e consentirà di togliere ai club le responsabilità legate alle deroghe sulle omologazioni

5 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Franco Smith: “Volevo tornare ad allenare. Da c.t. non avevo le armi per competere, c’era poca esperienza”

L'ex allenatore e responsabile dell'alto livello dell'Italia racconta le motivazioni del suo addio

4 Agosto 2022 Rugby Azzurro / Vita federale