Gli All Blacks del 2021 sono la squadra più prolifica di sempre?

Parecchi record sono pronti a essere riscritti nei prossimi tre test match dalla squadra di Ian Foster, che vuole fare la storia di ovalia

Rugby Championship, ufficiale la nuova data per Australia-Nuova Zelanda. PH AFP

Gli All Blacks del 2021 sono la squadra più forte di sempre? PH AFP

Sicuramente il 2021 è stato un anno particolare per il rugby mondiale, con dei calendari ancora “scombinati” dalla pandemia, ma quanto fatto dagli All Blacks in questi (sinora) 11 mesi solari appena iniziati sembra apparecchiare per la riscrittura del libro dei record del rugby mondiale. I neozelandesi infatti nelle tre partite che mancano (Italia sabato, poi Irlanda e Francia) potrebbero diventare la squadra più prolifica della storia di ovalia in un singolo anno.

Leggi anche: La formazione degli All Blacks per la partita di sabato contro l’Italia

Partiamo con l’analisi dai numeri: quella di sabato a Roma per gli All Blacks sarà la 13esima partita dell’anno (12-1 il record con la sola sconfitta contro il Sudafrica). Prima i tre test contro Fiji e Tonga stravinti, poi la Bledisloe Cup e il Rugby Championship blindati in cassaforte, quindi i test autunnali cominciati con la demolizione degli USA e la gran partita di Cardiff.

In queste 12 partite i tutti neri hanno segnato 89 mete, tre in meno rispetto all’Argentina del 2003: ne basteranno 4 per superare i Pumas di inizio millennio, e difficilmente non arriveranno nei prossimi 240 minuti. Di più, se le mete segnate saranno 12 (contro Italia, Irlanda e Francia) batteranno anche “se stessi”: il record del maggior numero di mete segnate a incontro è degli All Blacks 1987 con 6.71, dato che può essere superato dalla squadra di Foster.

Passando poi ai punti segnati, al momento l’edizione 2021 della Nuova Zelanda è a 628. Ci sono due formazioni che hanno fatto meglio, cioè l’Inghilterra del 2003 (644) e il Sudafrica del 2007 (658). Ne bastano quindi 31 per superare gli Springboks Campioni del Mondo 2007, quando però giocarono 17 partite.

Leggi anche: Rugby in diretta: il palinsesto in tv e streaming dal 5 al 7 novembre

Non bastano? Anche relativamente alle trasformazioni convertite dopo le mete il record è pronto a tremare. Al momento la squadra di Foster è a 60, a pari con la Nuova Zelanda del 2016 e dietro di due rispetto al solito Sudafrica del 2007. Ne bastano quindi tre per aggiornare anche questo record.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

All Blacks, un test in Giappone prima del tour di novembre

Si giocherà il 29 ottobre a Tokyo, prima delle sfide a Inghilterra, Scozia e Galles

item-thumbnail

Mamuka Gorgodze: “Il rugby sta diventando sempre più popolare in Georgia”

La leggenda del rugby georgiano ha commentato anche la vittoria sull'Italia e le nuove tendenze nel rugby nel suo Paese

item-thumbnail

La Francia perde Demba Bamba: lungo periodo di stop per il pilone

Il pilone dei Bleus e di Lione ha chiuso con largo anticipo il suo 2022 sportivo e si rivedrà solo l'anno prossimo

item-thumbnail

Il Rugby Europe Championship sarà a otto squadre dal 2023

Un importante cambiamento per il principale torneo europeo di seconda fascia

item-thumbnail

Dall’Inghilterra si spara a zero su All Blacks e Sam Cane, tirando in ballo Michele Lamaro

Dalle colonne del Times, Stuart Barnes si scaglia contro il capitano degli All Blacks

item-thumbnail

Inghilterra: confermata la fiducia a Eddie Jones, ma il futuro va verso Andy Farrell

La federazione vicecampione del mondo pensa alla Rugby World Cup 2023 ma anche a quella del 2027