URC, le avversarie delle italiane: Ulster con assenze importanti, Edinburgh in fiducia

Per gli scozzesi parla il nuovo head coach Mike Blair: “Sappiamo che la sfida di Treviso sarà durissima”

Pro14: dalla stagione 2021/22 si potrebbe giocare un torneo riservato agli Under 23 durante i test match delle Nazionali ph. Matteo Mangiarotti - OnRugby

Edinburgh sarà prossima avversaria del Benetton – ph. Matteo Mangiarotti – OnRugby

Nella seconda giornata di United Rugby Championship il Benetton e le Zebre affronteranno rispettivamente Edinburgh e Ulster.

La prima sfida sarà quella di Monigo, sabato pomeriggio alle 14:00, mentre al Lanfranchi si giocherà in serata, alle 18:15.

Qui Edimburgo

Gli scozzesi arrivano da una prima giornata dove hanno battuto con soddisfazione una squadra ostica come gli Scarlets, con il risultato di 26-22 che non rende pienamente giustizia a una gara combattuta, ma che Edinburgh ha guidato nel punteggio per un’ora, rischiando qualcosa soltanto nel finale.

Più di ogni altra cosa, ha stupito l’immediata variazione di spartito nella squadra che, da questa estate, è diventata di Mike Blair, nuovo head coach che nel club è di casa, avendolo capitanato a lungo ed avendo accumulato più di 150 presenze per il team della capitale.

Leggi anche: URC, Benetton: c’è di nuovo Edinburgh. Ruzza: “Possesso, disciplina e difesa”

Blair ha lavorato dal 2016 in poi nello staff tecnico dei Glasgow Warriors, assumendo anche un doppio ruolo con la nazionale scozzese, con quest’ultimo compito diventato poi il suo principale lavoro dal 2019 in poi, al fianco di Gregor Townsend.

“I ragazzi hanno festeggiato alla grande la vittoria del weekend – ha raccontato Blair – soprattutto per com’è arrivata, resistendo nel finale. Un bel risultato per i ragazzi, un bello spirito di squadra per arrivare ad ottenerlo. Con una vittoria ovviamente la settimana di lavoro è più facile, ma sappiamo che la sfida contro il Benetton sarà durissima e dovremo essere al top del nostro gioco.”

“Benetton è una squadra forte, che ha vinto 6 delle sue ultime 7 partite ufficiali, hanno vinto la Rainbow Cup e ottenuto un risultato positivo contro una squadra forte come gli Stormers, quindi sono in un buon momento, avranno tanta fiducia e sarà una sfida difficile per la nostra prima trasferta.”

“Penso che la fiducia sia una grande arma. Il Benetton è chiaramente una squadra che ci crede, che ha fiducia di poter dimostrare di essere una squadra di alta classifica. Sono sempre stati un avversario duro, ma ora rappresentano un vero e proprio ostacolo.”

Gli osservati speciali per il Benetton saranno Ben Vellacott e Darcy Graham, entrambi in grande spolvero nella prima uscita stagionale. Il primo, mediano di mischia e nuovo acquisto, è un giocatore rapidissimo che ha fatto male in più occasioni agli Scarlets grazie alla sua velocità di gambe e di pensiero, pronto com’è a sfruttare ogni possibilità che la difesa gli lascia. Il secondo, ala, è un finalizzatore clamoroso che continua a crescere, utilizzato come terminale offensivo di diversi schemi da lancio del gioco da Blair.

Qui Belfast

Ulster ha ricominciato la stagione sull’onda della scorsa, battendo in casa i Glasgow Warriors per 35-29.

Partita che ha però lasciato diverse scorie nella corazzata irlandese: il metronomo della squadra John Cooney e l’ala Robert Baloucoune si devono arrendere ad un infortunio e non saranno disponibili per la trasferta a Parma.

Leggi anche: Danilo Fischetti a OnRugby: «Siamo giovani ma maturi, ora bisogna vincere»

Il numero 9 si è procurato uno stiramento che lo terrà lontano dai campi per un po’, e con Baloucoune si aggiunge a una lista di indisponibili che comprende il British & Irish Lion Iain Henderson, il giovane seconda linea Cormac Izuchukwu e il compagno di reparto Kieran Treadwell, il centro Luke Marshall, il pilone Jack McGrath, il flanker Jordi Murphy e l’esperta apertura Ian Madigan.

Non che ad Ulster la coperta sia corta. Se l’impatto di Michael Lowry e Will Addison dalla panchina, contro Glasgow, è stato notevole, a testimonianza della grande qualità della linea arretrata dei nordirlandesi, a prendersi i riflettori è stato il classe 2001 Nathan Doak.

Doak, già stupefacente con la maglia dell’Irlanda nello scorso Sei Nazioni under 20, è subentrato proprio a Cooney, assumendo il suo ruolo naturale di mediano di mischia (anche se in nazionale giovanile lo abbiamo visto anche con la 10) e il compito di calciare tra i pali. Ha segnato la meta del bonus di Ulster e tre trasformazioni, siglando così i suoi primi 11 punti in carriera.

Contro le Zebre potrebbe essere uno dei protagonisti, con lo stadio Lanfranchi banco di prova ideale per un giovane dalle grandissime ambizioni, in un ruolo dove l’Irlanda sta producendo ora diversi interessanti prospetti per rimpiazzare un pool di giocatori in fase calante.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

URC: gli Sharks stanno costruendo una corazzata

La franchigia si aggiudica anche la stella dei Lions Vincent Tshituka e preparano una stagione da protagonisti

item-thumbnail

URC: certe le otto squadre qualificate ai playoff

Resta solo da decidere l'ordine finale. Tre franchigie sudafricane entreranno in Champions Cup

item-thumbnail

URC: le formazioni di Lions e Dragons, rivali di Benetton e Zebre

I sudafricani riceveranno i veneti, i gallesi faranno visita agli emiliani

item-thumbnail

URC: la bagarre per i playoff a tre giornate dalla fine

Il campionato alla volata finale della stagione regolare: squadre compattissime dal secondo al nono posto

item-thumbnail

URC: la formazione di Glasgow che riceve le Zebre allo Scotstoun

Gli scozzesi schierano un XV d'esperienza e talento con diversi internazionali tra campo e panchina

item-thumbnail

URC: Ospreys e Leinster, le formazioni per sfidare le italiane

Gli irlandesi saranno sabato a Monigo con i fratelli Byrne in campo insieme. I gallesi ritrovano Dan Lydiate