URC, Benetton: l’analisi di Marco Bortolami post vittoria sugli Stormers

Capo allenatore e Michele Lamaro, terza linea (co-capitano) biancoverde, hanno parlato in conferenza stampa

Bortolami e Lamaro - Benetton Rugby

Bortolami e Lamaro – Benetton Rugby

Nel post partita tra Benetton Rugby e Stormers, archiviata con successo 22-18 dai leoni biancoverdi, Marco Bortolami, nuovo capo allenatore dei trevigiani, ha analizzato in conferenza stampa partita e momento del suo team, mostrando giusta dose di soddisfazione e già grande focus sui prossimi impegni.

“E’ stato un bell’inizio, anche se è solo il primo passo, quindi dobbiamo tenere i piedi per terra. Anche se sono contento per tutti i ragazzi della squadra ed i componenti dello staff, perché hanno fatto un durissimo lavoro fisico e mentale in pre stagione e questa è la ricompensa per quanto mostrato”, ha esordito l’ex capitano azzurro.

“Eravamo dietro, ma nel primo tempo siamo stati bravi a rimanere aggrappati alla gara, anche se con qualche imprecisione di troppo, e a lavorare l’avversario ai fianchi. Nella ripresa, poi, abbiamo inserito forze fresche, che si sono rivelate decisive. Abbiamo mostrato di aver sempre fiducia di poter ottenere la vittoria sino alla fine, nonostante il punteggio momentaneo fosse negativo. Questo è quello che vogliamo. Poi, alcune gare verranno dalla nostra parte, altre no. Ma se si ha questo atteggiamento ci sono i giusti presupposti”, ha dettagliato Bortolami.

Spiegando la nuova gestione: “Abbiamo voltato pagina come gruppo dal primo giorno di pre stagione, e non ci siamo più guardati indietro. Lo sport è sempre la prossima sfida, la prossima ruck. Se fai questo, sempre, sei in pace con te stesso, ed il gruppo he seguito questa linea”, ha commentato entusiasta il coach.

Uno sguardo poi ai penalty concessi (10), con miglioramenti rispetto alle amichevoli: “La disciplina è migliorata molto rispetto alle due amichevoli. Arbitro fiscale, ma lo è stato per entrambi. La differenza in queste gare la fai restando aggrappato alla partita nei momenti duri, ed avendo fiducia nel tuo lavoro. Abbiamo dimostrato di crederci davvero quanto si è scelto di andare in touche convinti di poter marcare, portando a casa il macinato”.

Sui giovani e lo spirito del gruppo: “Abbiamo concluso la partita con Favretto, Lorenzo Cannone, Marin e Menoncello assieme in campo, ho perso il conto in termini di età media. Tutto il gruppo ha dimostrato di credere nel lavoro di ogni suo componente, a prescindere dall’età. E’ un qualcosa di importante, anche se da domani dovremo tornare ad abbassare la testa e lavorare duro, sempre ricordandoci però di trarre piacere dalle cose buone che riusciamo a costruire”, ha concluso Bortolami.

Leggi anche: Video: tutte le mete dell’Italia, nello storico successo sulla Spagna

Il video – conferenza integrale con Bortolami e Lamaro

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui per restare aggiornato sul regolamento del rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Benetton: tre esordienti nella formazione che sfiderà i Dragons

Giacomo Da Re e Matteo Meggiato in campo. Tommy Bell in panchina. Insieme a loro tanti giovani per una sfida fondamentale

item-thumbnail

Benetton Rugby, Tetaz Chaparro: “Contro i Dragons? Mischia e drive saranno determinanti”

Il pilone argentino si proietta verso la prossima sfida che attende i veneti in URC

item-thumbnail

Benetton Rugby, Tommy Bell: il nuovo acquisto dei Leoni si presenta

L'utility back fissa i suoi obiettivi per la seconda parte di stagione con i Leoni

item-thumbnail

Challenge Cup: cosa serve ai leoni per passare il turno?

A 80' dalla fine della fase a gironi della coppa cadetta

item-thumbnail

Padovani dopo Lione-Benetton: “A tratti superiori, ci è mancato il breakdown”

L'estremo dei leoni dopo il match di Challenge: "Dovevamo portare a casa più punti, ma sono orgoglioso della squadra e della prestazione"

item-thumbnail

Benetton, Bortolami: “orgoglioso della squadra per 80′”

L'analisi a caldo dell'head coach trevigiano