Barbarians: le sanzioni della RFU per i 13 atleti che hanno infranto le regole prima della gara con l’Inghilterra

Uscita abusiva e falsa ricostruzione dei fatti sono costate care a diversi elementi in raduno con la prestigiosa selezione ad ottobre

Barbarians: le sanzioni della RFU contro i 13 atleti che hanno violato le regole prima della partita contro l'Inghilterra

Barbarians: le sanzioni della RFU contro i 13 atleti che hanno violato le regole prima della partita contro l’Inghilterra ph. Sebastiano Pessina

La violazione dei protocolli sanitari (uscita dall’hotel non consentita, reiterata, sia nella serata del martedì che del mercoledì) – che ha portato alla cancellazione della sfida di Twickenham tra Barbarians ed Inghilterra – ed il successivo tentativo di ‘depistaggio’ delle indagini interne della RFU, con false ricostruzioni dei fatti, è costata cara ai 13 Baa-baas (Alex Lewington, Fergus McFadden, Juan Pablo Socino, Chris Robshaw, Richard Wigglesworth, Jackson Wray, Calum Clark, Sean Maitland, Tim Swinson, Tom de Glanville, Joel Kpoku, Manu Vunipola e Simon Kerrod) coinvolti: 85 settimane complessive di squalifica – anche se 44 sospese con la condizionale – e 630 ore di lavoro non pagato a livello di rugby di base, l’ammontare totale delle sanzioni inflitte.

Quest’ultime comminate (qui il documento integrale) da una panel disciplinare indipendente, presieduto da Philip Evans, sono state ovviamente diverse caso per caso, con gli atleti – comprese alcune star del panorama internazionale, come il fuoriclasse inglese Chris Robshaw, e l’ala scozzese Sean Maitland – che sono stati suddivisi in quattro diversi gruppi, in base alla gravità del loro comportamento.

I ragazzi del gruppo 1, Alex Lewington, Fergus McFadden, Juan Pablo Socino – fratello di quel Santiago al centro delle polemiche in Argentina per dei tweet discriminatori, assieme a capitan Matera e Petti -, Christopher Robshaw, Richard Wigglesworth e Jackson Wray, che erano usciti violando le regole sia nella serata del martedì, che in quella del mercoledì, dando poi falsa testimonianza rispetto alle loro azioni, hanno ricevuto 10 settimane di squalifica (ridotte a 5, in virtù della loro ammissione di colpa e di altre attenuanti), di cui tre sospese, a patto che svolgano 50 ore di lavoro non pagato a livello di rugby di base, non commettano altre infrazioni del codice per i prossimi 12 mesi, e multati con una sanzione pecuniaria del valore di 4 settimane di stipendio (ridotte a 2, come sopra).

Quelli del gruppo 2, Calum Clark, Sean Maitland e Tim Swinson, usciti solamente nella giornata di mercoledì, e colpevoli di aver reso falsa testimonianza, sono stati squalificati 8 settimane (ridotte a 4, per le stesse motivazioni dei ragazzi del gruppo 1), di cui 3 con la condizionale, sempre a patto che svolgano 50 ore di lavoro non pagato a livello di rugby di base, non commettano altre infrazioni del codice per i prossimi 12 mesi, e multati con una sanzione pecuniaria del valore di 3 settimane di stipendio (ridotte a 1,5, per le attenuanti del caso).

Infine, gli atleti del gruppo 3, Joel Kpoku, Manu Vunipola e Tom de Glanville, trattati diversamente dagli altri per la loro giovane età, sono stati squalificati 6 settimane (ridotte a 3, per le stesse motivazioni dei gruppi 1 e 2), di cui 3 con la condizionale, sempre a patto che svolgano 50 ore di lavoro non pagato a livello di rugby di base, non commettano altre infrazioni del codice per i prossimi 12 mesi, e multati con una sanzione pecuniaria del valore di 2 settimane di stipendio (ridotte a 1, per le attenuanti del caso). Situazione a parte, infine, per Simon Kerrod, uscito solo nella giornata di martedì, e non reo di aver dato false informazioni: solo due settimane di squalifica, e una multa pari a una settimana di stipendio per lui.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram. Clicca qui, invece, se vuoi saperne di più sulle regole del gioco del Rugby.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

All Blacks: Kieran Read si ritira dal rugby

Una leggenda dei 'tuttineri' dice basta a 35 anni

item-thumbnail

Inghilterra: dopo il difficile Sei Nazioni cambia lo staff tecnico

Due assistenti di Eddie Jones lasciano il loro incarico con la Nazionale, che dunque dovrà cercare nuove figure specializzate per attacco e skills

item-thumbnail

British and Irish Lions: cambia il calendario del Tour in Sudafrica

Novità importanti per la selezione britannica, con un nuovo avversario da affrontare e aggiustamenti "logistici" che coinvolgono anche i test match

item-thumbnail

Il grande ritorno in Galles di Rob Howley: “Ora posso sorridere”

Dopo la squalifica per scommesse, l'ex mediano di mischia dei Dragoni tornerà al Millennium per sfidare la "sua" nazionale

item-thumbnail

Test Match Novembre 2021: Scozia, svelati i nomi dei tre avversari autunnali

La Nazionale del Cardo si misurerà contro squadre dell'Emisfero Sud

item-thumbnail

Joe Marler fa un appello alla tutela della salute mentale dei giocatori

Il pilone si sofferma su un aspetto, quello psicologico, che sta assumendo sempre più importanza