Pieter-Steph du Toit ha rischiato di perdere una gamba

Il flanker sudafricano si è salvato dall’amputazione grazie alla prontezza del medico degli Stormers

pieter steph du toit sudafrica rugby world cup 2019

ph. Sebastiano Pessina

Il rugby ha rischiato di perdere per sempre una delle sue stelle a livello mondiale: si può sintetizzare così la clamorosa rivelazione fatta su Pieter-Steph du Toit, nazionale sudafricano e fresco vincitore del premio di giocatore dell’anno nel 2019. Dopo la partita tra Stormers e Blues dello scorso 29 febbraio, du Toit (rimasto in campo tutti gli 80 minuti) ha riportato un problema ad una gamba.

Leggi anche: Pieter-Steph du Toit eletto giocatore dell’anno nel 2019

Il medico dei sudafricani, Jason Suter, ha raccontato i concitati momenti vissuti appena dopo la gara: “Il suo ematoma è diventato una rarissima sindrome compartimentale acuta. È un caso estremamente difficile da vedere, ne sono stati registrati solo 43 in tutto il mondo prima di questo”. Questo infortunio può avere effetti devastanti, perché se non si interviene immediatamente la gamba perde l’afflusso di sangue e va amputata. Sempre Suter: “15 minuti dopo il fischio finale ci siamo accorti del problema e abbiamo portato immediatamente du Toit in ospedale, dove grazie a un chirurgo vascolare è stato operato durante la notte. È un infortunio estremamente raro da vedere, ma grazie al fatto che hanno scaricato subito la pressione del sangue, siamo stati in grado di evitare danni maggiori come l’amputazione”.
Anche Jon Dobson, head coach degli Stormers, è intervenuto sull’argomento, ringraziando innanzitutto la prontezza di Suter, e che se non fosse stato per lui probabilmente la carriera del suo giocatore sarebbe già finita. Adesso la situazione è completamente sotto controllo, e si stima che du Toit potrà tornare ad allenarsi fra circa tre mesi. Tutto questo grazie alla prontezza del Dottor Jason Suter.

E’ attivo il canale Telegram di OnRugby. Iscriviti per essere sempre aggiornato sulle nostre news.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Super Rugby AU: le formazioni di Warathas-Western Force

Grande curiosità intorno al match di Sydney, coi padroni di casa che sfidano la squadra di Perth al rientro nell'alto livello

9 Luglio 2020 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby AU: le formazioni di Rebels-Reds

Si gioca lontano da Melbourne ma i Rebels vogliono il primo successo. Arriverà il bis per i Reds di Topou?

9 Luglio 2020 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Super Rugby Aotearoa: le formazioni di Crusaders-Blues

Sfida tra imbattute per la vetta. In campo i fratelli Goodhue, tanti All Blacks ma non il giocatore più atteso del momento...e non parliamo di Carter

9 Luglio 2020 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Il Super Rugby non sarà più quello che conosciamo

E il suo scioglimento potrebbe spingere il Sudafrica tra le braccia del Pro14, aumentando le squadre nella competizione

8 Luglio 2020 Emisfero Sud / Super Rugby
item-thumbnail

Greig Laidlaw nella Top League Giapponese con gli Shining Arcs: ora è ufficiale

Il mediano di mischia scozzese approderà nel campionato del Sol Levante

6 Luglio 2020 Emisfero Sud / Altri tornei
item-thumbnail

All Blacks: la Player Cam di Aaron Smith durante Highlanders-Crusaders

Una telecamera dedicata al mediano di mischia, ne racconta i movimenti, le chiamate e gli atteggiamenti durante la partita

6 Luglio 2020 Emisfero Sud / Super Rugby