Eddie Jones sulla finale mondiale: “Nella mia testa la rivedo ogni giorno”

Il CT dell’Inghilterra è tornato sulla partita persa contro gli Springboks, ammettendo che “mi sembra di vedere la Coppa davanti a me”

eddie jones

ph. Reuters

“Non l’ho riguardata e non probabilmente non lo farò”. A dieci giorni di distanza, la finale della Rugby World Cup 2019 persa contro il Sudafrica è ancora una ferita aperta per Eddie Jones, che martedì ha rilasciato un’intervista al Telegraph in cui ha parlato anche di quella partita.

“Nella mia testa, tuttavia, so dove probabilmente potremmo fare dei passi in avanti – ha detto il CT dell’Inghilterra – Una delle aree in cui ho fatto degli errori forse riguarda la selezione. Sto parlando col senno di poi, ma probabilmente avrei dovuto dare una rinfrescata alla squadra per la finale”.

“Ma a parte questo, è stato uno di quei giorni. A volte una squadra avversaria inizia meglio una partita e riescono a fare tutto per bene. Noi abbiamo iniziato senza troppa energia, anche perché abbiamo giocato quattro grandi partite di fila. Questa è la realtà. Non siamo riusciti a sbloccarci”.

La partita, come sappiamo, è stata quasi completamente dagli Springboks, che hanno poi vinto per 32-12. Ottanta minuti che Eddie Jones ricorderà ancora per molto tempo, a quanto pare: “Nella mia testa la rivedo ogni giorno. Ogni volta che mi sveglio, mi sembra di vedere la Coppa del Mondo davanti a me. È sempre lì e ci resterà per un po’. Ma bisogna andare avanti, e allenare i Barbarians è un’ottima occasione per farlo”. Per ironia della sorte, nelle partite in cui guiderà la selezione bianconera Jones allenerà anche tre campioni del mondo: Lukhanyo Am, Makazole Mapimpi e Tendai Mtawarira.

Nel frattempo, Jones non ha ancora fugato i dubbi sulla sua permanenza alla guida dell’Inghilterra oltre il 2021, ovvero quando scadrà il suo attuale contratto. “Chi lo sa”. Intanto, c’è un Sei Nazioni da preparare e un nuovo quadriennio da far partire: “C’è un Sei Nazioni a breve. Sto già monitorando nuovi giocatori, perché siamo già nel nuovo ciclo”.

“Come qualsiasi altra cosa, bisognerà inserire forze fresche in squadra. Sicuramente allenerò l’Inghilterra per i prossimi due anni, parte del mio lavoro è quindi quello di preparare la squadra per i Mondiali del 2023. E la selezione sarà orientata fin da subito verso quel torneo”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Rugby World Cup 2019: le migliori dieci mete del torneo

Si avvicina la fine dell'anno ed è tempo di bilanci e classifiche: ecco le migliori 10 mete del main event ovale del 2019

11 Dicembre 2019 Foto e video
item-thumbnail

Irlanda: “Troppa pressione al mondiale”, Best e Nucifora tornano sull’eliminazione

Il capitano e il direttore della performance della federazione irlandese sono tornati a parlare della deludente avventura nipponica

6 Dicembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

La multa per la risposta inglese all’haka è “colpa” di Joe Marler

Il pilone inglese ha raccontato - con la consueta grande personalità - di aver mal interpretato il piano studiato la sera prima del match

9 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Rugby World Cup: Scozia multata di 70mila sterline per la vicenda Hagibis

La federazione minacciò di intentare causa alla federazione internazionale se non si fosse disputata la gara del girone A

7 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Slow Motion – Speciale RWC: la meta più bella della fase finale

I 90 abbaglianti secondi che sono serviti all'Inghilterra per prendere la testa della semifinale, raccontati nel dettaglio

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019
item-thumbnail

Springboks, Tendai Mtawarira saluta la nazionale

Il pilone si ritira dal rugby internazionale dopo la vittoria da protagonista del trofeo più importante

6 Novembre 2019 Rugby Mondiale / Rugby World Cup / RWC 2019