Irlanda, verso la Rugby World Cup 2019: è corsa contro il tempo per recuperare Joey Carbery

L’apertura prosegue il suo percorso di riabilitazione aiutato anche dall’head coach di Munster Johann van Graan

joey carbery irlanda 2018

ph. Sebastiano Pessina

Dopo il 57-15 subito sabato scorso a Twickenham, la situazione intorno alla nazionale irlandese è piombata nel pessimismo. Il pesante passivo ha messo a nudo i problemi di una squadra che, annoverata nel possibile lotto delle favorite, in questo momento convive con il problema degli infortuni, soprattutto in una posizione: quella del mediano di apertura.

Capitan Sexton infatti è alle prese con alcune noie muscolari che di fatto invitano Joe Schmidt e lo staff tecnico a preservarlo in vista dell’inizio vero e proprio della Rugby World Cup, mentre Joey Carbery è ai box ormai da tre settimane dopo lo stop per un guaio alla caviglia occorsogli nella partita contro l’Italia.

A disposizione sono quindi rimasti Ross Byrne e Jack Carty, i quali però non hanno convinto. Per questo motivo lo staff medico dei “Verdi” ha iniziato una vera e propria corsa contro il tempo per recuperare Carbery e renderlo disponibile dal prossimo 21 settembre agli ordini dello staff tecnico irlandese.

Rugby World Cup 2019: calendario e orari del torneo iridato

Il numero 10 di Munster ha in questo momento il sostegno di tutta una nazione e anche dell’head coach del suo club, quel Johann van Graan che gli ha fatto visita e ha illustrato a tutti a che punto è il percorso di recupero del trequarti: “Venerdì è venuto a Limerick da noi – ha affermato l’allenatore – e ho avuto una chiacchierata con lui. Sta facendo tutto il possibile per rientrare lavorando a stretto contatto con lo staff medico e cercando di capire cosa sia meglio fare per perfezionare il recupero in maniera rapida, ma precisa. Il fatto di poter arrivare a disputare la Coppa del Mondo gli dà entusiasmo, anche se con un infortunio recente alle spalle, ma queste sono cose con cui bisogna imparare a convivere; anche altri giocatori hanno riportato diverse problematiche fisiche nel corso del mese di agosto nei vari Test Match. Se quando rientrerà in campo poi sarà pronto o no, nessuno ha modo di saperlo”.

Da quanto rimbalza dai media irlandesi, l’idea di Schmidt è quella di convocare Carbery per il torneo iridato portandolo in panchina già nel corso della prima partita iridata facendo da riserva a Sexton nel match di domenica 22 settembre contro la Scozia.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Sudafrica, Jacques Nienaber prima di gara-3: “Sarà una partita do or die”

L'allenatore sudafricano è sicuro della forza dei suoi, oltre che del fatto di poter trovare in Reinach il miglior cambio per De Klerk

item-thumbnail

Warren Gatland parla prima del terzo test: “Basta tempi che durano 60 minuti”

L'allenatore dei britannici punta sul fatto che i suoi giochino ad alto ritmo per portare a casa il terzo test e la serie

item-thumbnail

Springboks senza Faf de Klerk e PSDT per il terzo test

Lood de Jager entra in formazione con Franco Mostert che si sposta in terza linea, Cobus Reinach numero 9

item-thumbnail

Lions, sei cambi nella formazione per vincere il test decisivo

Sinckler in panchina nonostante la possibile squalifica, Finn Russell ricompare con la maglia numero 22

item-thumbnail

Springboks: il comportamento di Erasmus al vaglio di una commissione disciplinare

Dopo i pesanti commessi sulla direzione di gara del primo test, il director of rugby della federazione sudafricana chiamato a udienza

item-thumbnail

Sudafrica-Lions, la serie dei morsi? Un britannico citato rischia un lungo stop

Non si fermano polemiche e situazioni al limite del regolamento nella durissima serie tra Campioni del Mondo e Leoni