Pro14: Edinburgh si prende il bonus contro i Dragons – e scavalca temporaneamente il Benetton

Scozzesi secondi, anche Ulster scavalca Treviso – in attesa della sfida di Monigo di domani. Munster vince e resta in vetta alla Conference A

ph. OnRugby

EDIMBURGO – Dopo tre settimane di pausa, in cui l’attenzione di tutti si è concentrata sul Sei Nazioni, stasera torna il Guinness PRO14 con il quindicesimo turno, primo di tre che, giocati proprio nel periodo in cui molte squadre dovranno fare i conti con assenze pesanti (per infortuni o giocatori trattenuti dalle Nazionali), mettono in palio punti pesanti in classifica, che potrebbero anche risultare decisivi al termine della stagione.

In quest’ottica, la sfida del BT Murrayfield tra Edinburgh e Dragons (con il Benetton Treviso interessatissimo spettatore) è davvero importante, soprattutto per il club della capitale scozzese che, dopo l’inatteso ‘scivolone’ di Port Elizabeth prima della pausa, non può davvero più permettersi di perdere punti per strada – e contando che Benetton Rugby e Scarlets domani si toglieranno punti a vicenda e in questo Friday Night Ulster è ospite degli Ospreys, l’occasione di fare un balzo in avanti in classifica è, per gli scozzesi, davvero ghiotta.

Il primo quarto è scoppiettante – ma tutt’altro che spettacolare; i Dragons si fanno vedere, per primi, sui 5m avversari (ma dopo qualche fase perdono possesso per un tenuto), ma è Edinburgh ad aprire le marcature con James Johnstone che all’8′ va oltre la linea battendo tre avversari in poco meno di dieci metri. I Dragons rispondono subito; dopo qualche fase, Rhodri Williams ricicla l’ovale nei 22m scozzesi verso il suo interno e dopo quattro passaggi, che mandano in tilt la distratta difesa di Edinburgh, è Tyler Morgan ad andare in meta (7-7, 12′).

Edinburgh torna avanti due minuti dopo, e stavolta sono i gallesi a farsi infilare senza opporre particolare resistenza; Pyrgos ricicla da una mischia sui 10m, van der Merwe serve Graham che fa un metro e vede al suo interno l’accorrente Johnstone che può andare a schiacciare l’ovale sotto i pali per la doppietta personale, ma alla ripresa del gioco Dean si fa intercettare un passaggio sulla metà campo da Tyler che va indisturbato a marcare la seconda meta personale.

Van der Walt e Josh Lewis sono precisi dalla piazzola (al 19′ il risultato è 14-14) e cinque minuti più tardi i Dragons passano in vantaggio, per la prima volta stasera, con un piazzato di Lewis (25′, 14-17 risultato con cui le squadre vanno a riposo); Edinburgh torna ad attaccare ma non riesce a trovare il varco giusto e dopo numerose fasi (e quasi dieci minuti passati nei 22m avversari) perde il possesso per un tenuto – merito alla difesa gallese in questa occasione, ma in generale finora gli scozzesi non hanno impressionato in fase offensiva.

Edinburgh torna in campo un pò più determinato ma i Dragons rispondono colpo su colpo, almeno in avvio; Graham va vicino alla meta ma non riesce a schiacciare oltre la linea l’ovale che aveva calciato lungo per se stesso, mentre Lewis manca il primo calcio della serata al 50′ (punizione contestata dal pubblico). Al 55′ van der Walt pareggia con un piazzato da poco fuori i 22m avversari (17-17) e i Dragons adesso si scompongono, sbagliando il drop di ripresa del gioco e perdendo la mischia successiva (bel lavoro di Ceccarelli che costringe Harris al fallo), ma rubano l’ovale nella touche togliendo subito l’inerzia agli scozzesi, stasera davvero lontani dalla loro forma migliore.

Al 63′, dopo più di qualche fase confusa, Bradbury va di forza oltre la linea gallese con il pick-and-go giusto, van der Walt trasforma (24-17) riportando avanti Edinburgh – adesso ad una marcatura dal punto di bonus offensivo, che arriva al 68′ con Duhan van der Merwe, bravissimo nell’avanzare, stare in campo nonostante venga placcato, rialzandosi e andando a schiacciare oltre la linea gallese. Jaco van der Walt manca il primo calcio della serata ma, a poco più di dieci minuti dalla fine, gli scozzesi conducono 29-17.

Finisce 34-17, Duhan van der Merwe al 78′ (servito da Fife) trova la doppietta personale all’angolo sotto il Main Stand, van der Walt spedisce la trasformazione sul palo ma l’errore è senza conseguenze.

Ospreys-Ulster 0-8: Il match più interessante di questo Friday Night ‘celtico’ è andato in scena al Brewery Field di Bridgend, ‘casa’ di serata dei Gweilch vista l’indisponibilità del Liberty Stadium. Le due squadre vanno a riposo sullo 0-0, ma è una meta di McCloskey al 46′ a decidere l’incontro a favore dei nordirlandesi, che scavalcano anch’essi temporaneamente il Benetton Rugby, stasera quarto in classifica della Conference B (ma che domani scenderà in campo contro gli Scarlets a Monigo). Una piazzato di Cooney a tempo scaduto toglie ai gallesi anche il punto di bonus difensivo.

Munster-Southern Kings 43-0: A Cork, la Red Army non ha particolari problemi a prendersi cinque punti contro i Kings. Munster va a riposo avanti (12-0) grazie alle mete di Cronin e Conway (solo la prima trasformata da Scannell) e al 60′ (con Holland) trova la quarta meta che lascia gli irlandesi in vetta alla classifica della Pool A almeno per un’altra settimana. In totale sono sette le mete marcate dalla Red Army, mentre i Kings confermano anche stasera le loro difficoltà nelle gare lontano da casa.

Tabellino di Edinburgh Rugby-Dragons

Edinburgh Rugby: 15. Dougie Fife 14. Darcy Graham 13. James Johnstone 12. Chris Dean 11. Duhan van der Merwe 10. Jaco van der Walt 9. Henry Pyrgos (C) 1. Pierre Schoeman 2. Ross Ford 3. Pietro Ceccarelli 4. Fraser McKenzie 5. Ben Toolis 6. Magnus Bradbury 7. Luke Crosbie 8. Viliame Mata
A disposizione: 16. David Cherry  17. Rory Sutherland 18. Murray McCallum 19. Callum Hunter-Hill 20. Ally Miller 21. Nathan Fowles 22. Simon Hickey 23. Juan Pablo Socino

Marcatori Edinburgh Rugby
Mete: Johnstone (8′, 15′), Bradbury (63′), van der Merwe (68′, 78′)
Trasformazioni: van der Walt (9′, 16′, 56′)
Punizioni: van der Walt (55′)

Dragons: 15 Jordan Williams 14 Jared Rosser 13 Tyler Morgan 12 Jarryd Sage 11 Will Talbot-Davies 10 Josh Lewis 9 Rhodri Williams 1 Brok Harris 2 Richard Hibbard (C) 3 Lloyd Fairbrother 4 Joe Davies 5 Matthew Screech 6 Harrison Keddie 7 Ollie Griffiths 8 James Benjamin
A disposizione: 16 Rhys Lawrence 17 Rhys Fawcett 18 Dan Suter 19 Lewis Evans 20 Taine Basham 21 Rhodri Davies 22 Gavin Henson 23 Zane Kirchner

Marcatori Dragons
Mete: Morgan (11′, 18′)
Trasformazioni: Lewis (12′, 19′)
Punizioni: Lewis (25′)

Matteo Mangiarotti

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

L’ultimo atto di Seán O’Brien con la maglia del Leinster

Jonathan Sexton gli ha concesso l'onore di alzare il trofeo del Pro14 a Glasgow, nonostante il flanker fosse in borghese

26 maggio 2019 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro14 Final: Leinster batte i Warriors e si conferma campione

Finisce 15-18. Equilibrio nella prima frazione al Celtic Park, poi Dubliners prendono il controllo e tengono le mani sul trofeo

25 maggio 2019 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro14: Warriors o Leinster, oggi al Celtic Park si decide il campione 2019

Leo Cullen, head coach di Leinster, si scusa per la battuta sui "Warriors tifosi dei Rangers"

25 maggio 2019 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Irlanda: Cian Healy rinnova il suo contratto con Leinster per altre due stagioni

Il pilone continuerà a far parte dei Dubliners e della nazionale, anche dopo la Rugby World Cup 2019

21 maggio 2019 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro14: gli highlights delle semifinali

Leinster e Munster hanno dato battaglia, mentre i Warriors hanno facilmente sconfitto l'Ulster

20 maggio 2019 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro14: lo spareggio per la Champions lo vincono gli Ospreys

Scarlets al tappeto 21 a 10. La squadra di Swansea sempre avanti per tutti gli 80 minuti

19 maggio 2019 Pro 14 / Altri club