Test Match 2018: a Parigi è ora di Francia-Fiji

Francesi per chiudere al meglio la finestra internazionale, Fiji per dimostrare di poter competere contro i migliori

ph. Reuters

Test match 2018, ultima tappa Parigi. Le Fiji concludono il loro giro dell’emisfero boreale con la partita più importante, quella contro la Francia di Jacques Brunel, quella stessa Francia che ospita molti di loro nel suo campionato domestico.

Quella stessa Franca che sabato sera indosserà degli scarpini con i lacci arcobaleno in sostegno a Gareth Thomas, vittima di un attacco omofobo lo scorso fine settimana a Cardiff.

Jacques Brunel ha scelto di cambiare il minimo indispensabile per la sfida agli isolani: dentro Rabah Slimani al posto di Cedate Gomes Sa nel XV titolare, mentre in panchina Demba Bamba coprirà il ruolo di pilone destro. Julien Marchand prende il posto dell’infortunato Camille Chat, sempre fra coloro che finiranno il match.

La controparte figiana John McKee, allo stesso modo, ha operato pochi cambi rispetto al XV che ha ben figurato con la Scozia per circa 50 minuti, prima di cedere di schianto nella mezz’ora finale.

“Arriveranno all’ultima partita della finestra di novembre con grande fiducia vista la loro vittoria con l’Argentina. Sappiamo che ancora una volta dovremo essere al top del nostro gioco e della nostra difesa di squadra” ha detto il tecnico delle nazionale figiana.

La partita si gioca sabato sera alle 21:05 allo Stade de France.

Francia: 1 Jefferson Poirot, 2 Guilhem Guirado (c), 3 Rabah Slimani, 4 Sebastien Vahaamahina, 5 Yoann Maestri, 6 Wenceslas Lauret, 7 Arthur Iturria, 8 Louis Picamoles, 9 Baptiste Serin, 10 Camille Lopez, 11 Yoann Huget, 12 Gael Fickou, 13 Mathieu Bastareaud, 14 Teddy Thomas, 15 Benjamin Fall
A disposizione: 16 Julien Marchand, 17 Dany Priso, 18 Demba Bamba, 19 Felix Lambey, 20 Kelian Galletier, 21 Antoine Dupont, 22 Anthony Belleau, 23 Geoffrey Doumayrou

Fiji: 15 Metuisela Talebula, 14 Josua Tuisova, 13 Semi Radradra, 12 Jale Vatabua, 11 Vereniki Goneva, 10 Ben Volavola, 9 Frank Lomani, 8 Viliame Mata, 7 Peceli Yato, 6 Dominiko Waqaniburotu (c), 5 Leone Nakarawa, 4 Tevita Cavubati, 3 Manasa Saulo, 2 Sam Matavesi, 1 Campese Ma’afu.
A disposizione: 16 Mesulame Dolokoto, 17 Eroni Mawi, 18 Kalivati Tawake, 19 Albert Tuisue, 20 Semi Kunatani, 21 Henry Seniloli, 22 Alivereti Veitokani, 23 Eroni Sau

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Greig Laidlaw: “La Scozia può vincere il Sei Nazioni nei prossimi due o tre anni”

Il mediano di mischia lancia la sua profezia per il futuro

item-thumbnail

British & Irish Lions: fra il pareggio con gli All Blacks e l’incertezza degli Springboks

La selezione d'Oltremanica ricorda lo storico match provando a proiettarsi verso l'anno prossimo

item-thumbnail

E se Hoskins Sotutu giocasse con l’Inghilterra?

Scopriamo perchè e come il fenomeno dei Blues potrebbe vestire la maglia numero 8 della squadra di Eddie Jones

item-thumbnail

“Non canterò più Swing Low, Sweet Chariot “, lo dice il CEO della Federazione Inglese

In Inghilterra continua a far discutere il canto dei tifosi della Nazionale della Rosa

item-thumbnail

Francia: Galthié svela alcuni retroscena del ritiro internazionale di Jefferson Poirot

Il ct della nazionale transalpina offre un punto di vista diverso alla vicenda

item-thumbnail

Eddie Jones lancia l’allarme: “Il rugby? Sta diventando troppo simile al football americano”

Il coach dell'Inghilterra analizza l'evoluzione del gioco negli ultimi vent'anni