Galles: parte l’operazione ‘Every Game Matters’

Rivoluzione nel sistema domestico gallese: meno denaro al campionato nazionale, via alle rappresentative under-23

ph. Sebastiano Pessina

Terremoto nel rugby gallese: la Welsh Rugby Union (WRU) ha deciso una rivoluzione del sistema gallese, optando per una riduzione degli investimenti nei club di Premiership, il massimo campionato domestico, e la creazione di squadre under-23 delle franchigie del Pro14.

La decisione segue l’istituzione di una commissione di valutazione dei campionati gallesi e della filiera di produzione dei futuri giocatori internazionali, che ha coinvolto esperti internazionali e consulenti esterni alla WRU per intervistare tutti i soggetti coinvolti e produrre un report finale da sottoporre alla federazione.

Il documento finale, chiamato Every Game Matters, ha portato alla luce la troppa differenza di livello che nel sistema gallese c’è fra il livello regionale, quindi delle quattro franchigie partecipanti al Pro14, e quello dei club semiprofessionistici che disputano la Premiership gallese. Il campionato nazionale, infatti, non è un incubatore sufficientemente probante per i ragazzi di un’età compresa fra i 18 e i 23 anni.

Questo problema verrà quindi affrontano con la creazione, a partire dal prossimo anno, delle squadre under-23 direttamente collegate alle Regions gallesi e che disputeranno circa 10-12 partite a stagione in contrapposizione a squadre scozzesi e irlandesi, anche se non è ancora stato precisato se queste ultime saranno composte da pari età o saranno di altra provenienza.

Le partite delle squadre under-23 saranno concentrate in settembre, ottobre e marzo, mentre da novembre a marzo i medesimi giocatori saranno a disposizione della nazionale under-20, delle squadre di rugby a sette e del proprio club di Premiership di appartenenza.

La Premiership e il Championship gallesi, cioè le prime due divisioni del rugby domestico, saranno riformate a partire dalla stagione 2019-2020, portandole entrambe a un campionato a 12 squadre rispetto alle attuali 16 e reintroducendo promozioni e retrocessioni, che erano chiuse da ormai tre anni.

Questa decisione dà quindi la possibilità alla WRU di ridistribuire l’investimento annuale da un milione e ottocentomila sterline sui due principali campionati nazionali, tagliando i fondi ai club e investendo nella creazione delle squadre under-23. 

I fondi alle squadre di club per la Premiership saranno ripensati: è ancora da stabilire il modus operandi, ma la volontà della federazione è quella di contribuire soprattutto in termini di stipendi per lo staff tecnico e finanziamenti per i campi e le strutture di allenamento, piuttosto che per il pagamento degli stipendi ai giocatori.

I provvedimenti della riforma approvato dalla WRU coprono fra le altre cose anche altri campi, fra cui ad esempio la possibilità di giocare di giovedì e di venerdì alcune partite, in modo da avere maggiori possibilità di essere appetibili per le televisioni e non contrastare con le partite delle Regions o della nazionale, e la nomina di un direttore commerciale che si occupi del lato marketing.

Una serie di provvedimenti che anche dall’Italia è interessante osservare e sui quali riflettere, visto che il problema della crescita dei giovani prospetti che hanno fra i 18 e i 23 è un tema ricorrente del nostro rugby.

 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Wasps: la federazione inglese sospende Ashley Johnson

Il giocatore è risultato positivo a dei controlli antidoping eseguiti lo scorso febbraio

22 aprile 2018 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Premiership: Rob Horne costretto al ritiro da un infortunio

L'ex Wallaby ha subito un infortunio che ha messo fine alla sua carriera, uno dei troppi casi delle ultime settimane

21 aprile 2018 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

Donncha O’Callaghan lascerà il rugby a fine campionato

Il seconda linea irlandese disputerà la sua ultima partita il prossimo 28 aprile

17 aprile 2018 Emisfero Nord / Premiership
item-thumbnail

L’ala francese Vincent Clerc si ritirerà a fine stagione

È il secondo miglior metaman nella storia dei Bleus. Con Tolosa ha vinto tre campionati e tre Heineken Cup

17 aprile 2018 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Stade Francais, parla Heyneke Meyer: “Sarò l’allenatore del club, anche in caso di retrocessione”

Il sudafricano è desideroso di sedersi nuovamente in panchina. Obiettivo: far tornare grande il club parigino

17 aprile 2018 Emisfero Nord / Top 14
item-thumbnail

Top 14: Tolone vola con un Ashton da record, Oyonnax è ancora vivo

Ancora tutte da decidere le lotte per i playoff e per non retrocedere in Pro D2

16 aprile 2018 Emisfero Nord / Top 14