Champions Cup: l’Irlanda sorride con Leinster e Munster

I dubliners protagonista di un’esaltante fase a gironi. Delusione per l’Ulster

leinster

ph. Reuters

DUBLINO – Apertura d’obbligo per Leinster. La squadra di Dublino ha fatto un girone di Champions Cup impressionante, con sei vittorie su sei partite. Non accadeva dal 2005, quando in panchina c’era Michael Cheika. Il trionfo nel girone che proietta Leinster al numero uno della griglia dei play-off è figlio soprattutto della grandissima abbondanza di giocatori a disposizione della coppia Cullen-Lancaster. James Ryan e Jordan Larmour erano due giovani semisconosciuti mentre Sean O’Brien segnava la meta dell’anno con la maglia dei Lions in Nuova Zelanda; oggi sono due pilastri.

Basti pensare che Larmour nella sfida dello scorso fine settimana a Montpellier è stato spostato all’ala, dove ha dimostrato affidabilità difensiva contro un avversario non certo facile come Nadolo. C’è da scommettere che Leo Cullen non sarà felicissimo dell’avversario uscito dalla griglia dei playoff: se arrivi primo non ti aspetti che ottava sia la squadra che ha vinto le ultime due edizioni della manifestazione, ovvero i Saracens.

Munster, ostacoli francesi

Come dodici mesi fa, l’altra squadra irlandese ad approdare ai quarti di finale europei è Munster. Dodici mesi fa, la Red Army si era guadagnata anche il diritto a una semifinale In casa, che poi avrebbe perso proprio contro gli inglesi sopraccitati. Quest’anno, invece, Peter O’Mahony e compagni sono attesi probabilmente da una semifinale in trasferta contro i francesi di Clermont, che è già stato fatale a Leinster un anno fa. Prima, però, si affideranno alla magia di Thomond Park per battere Tolone. In ogni caso, anche la squadra di Limerick può essere soddisfatta del proprio girone, caratterizzato da un rischioso cambio di allenatore in corsa con van Graan al posto del connazionale  Erasmus.

Ulster, c’eri quasi

Un’altra delusione ha invece caratterizzato la campagna europea di Ulster. Stavolta la squadra di Belfast ci è andata molto vicina, arrivando in testa alla Pool quando mancava solo una partita. La trasferta nel fango della Ricoh Arena però è stata fatale a Rory Best e compagni, travolti dagli Wasps e superati anche da La Rochelle che ha passato il girone come prima. L’esplosione di Jakob Stockdale non è stata sufficiente a garantire un posto nelle prime otto d’Europa. Adesso tutto il gruppo dovrà ripartire dalle ottime prestazioni effettuate (per esempio quella in casa contro La Rochelle alla quinta giornata) e gettarsi con tutta la propria energia nel Pro14, anche se i nordirlandesi non potranno contare più su Cristian Lealiifano, di ritorno in Australia.

di Damiano Vezzosi

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Giocatore dell’anno 2018 EPCR: ecco le nominations

Volti noti e qualche "sorpresa" tra le candidature per il prestigioso premio

23 gennaio 2018 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Benetton Treviso, capitan Budd afferma: “Con Bath, ancora troppo incostanti”

Il condottiero dei Leoni fotografa la gara di Champions, così come coach Crowley che ha visto una gara a due facce

22 gennaio 2018 Pro 14 / Benetton Rugby
item-thumbnail

Champions Cup: Munster dilaga e va ai quarti, bene anche il Racing

Gli Wasps, redivivi, eliminano Ulster. Avanti anche La Rochelle

21 gennaio 2018 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: si chiude la fase a gironi

La Rochelle e Munster, vietato sbagliare. In campo i Gironi 1 e 4

21 gennaio 2018 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: i Saracens esondano, ma restano in bilico

Clermont e Scarlets approdano ai quarti di finale

20 gennaio 2018 Coppe Europee / Champions Cup
item-thumbnail

Champions Cup: Treviso non regge l’urto di Bath, vittoria inglese a Monigo

I Leoni iniziano alla grande entrambi i tempi, ma faticano a tener il ritmo degli inglesi

20 gennaio 2018 Coppe Europee / Champions Cup