Test Match: il Giappone ferma la Francia, a Nanterre finisce 23-23

Nella nuova U Arena si completa il novembre nero dei transalpini, chiusosi senza una vittoria

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Anche se le sfide con All Blacks e Sudafrica non avevano dato grandi segnali in chiave francese, era difficile ipotizzare una mancata vittoria per i Blues, in casa, contro un Giappone in buonissima forma, ma comunque sconfitto senza patemi, in avvio di novembre, dall’Australia. A Nordovest di Parigi, invece, è andata in scena una serata surreale per i transalpini. Nella nuova U Arena, infatti, i padroni di casa, guidati da Noves, hanno sfoderato una prestazione decisamente negativa, con un primo tempo in rincorsa (meta di Horie, con replica di Slimani allo scadere) e una ripresa timorosa, macchiata indelebilmente dal cartellino giallo di Lacroix, ingenuo nel placcare un giapponese in aria.

 

La stella di La Rochelle aveva riportato la gara sui binari francesi attorno all’ora di gioco, raccogliendo uno splendido cross kick e firmando la meta del 20 a 15. Un colpo, quello dell’ala 24enne che sembrava poter essere da KO, dopo una partita trascorsa affannosamente nei tubi di scarichi degli asiatici. Così non è stato, perché i nipponici, dopo uno scambio di calci di punizione vincenti da ambo le parti, hanno livellato la gara sul 23, fallendo con Tamura la possibilità di mettere la testa avanti con la trasformazione (fallita). Il finale convulso, con tanti errori gestuali, da una parte e dall’altra, non ha modificato il punteggio, che ha, in ogni caso, dei contorni clamorosi.

 

La Francia ha chiuso così in modo pessimo un novembre nero, caratterizzato da sconfitte e prestazioni deludenti, e reso memorabile, in senso negativo, da questa notte buia, da cancellare al più presto dalla storia ovale transalpina. Si preannunciano tempi duri per Noves.

 

Francia: 15 Scott Spedding, 14 Gabriel Lacroix, 13 Damian Penaud, 12 Henry Chavancy, 11 Teddy Thomas, 10 Francois Trinh-Duc, 9 Baptiste Serin, 8 Louis Picamoles, 7 Sekou Macalou, 6 Judicaël Cancoriet, 5 Sébastien Vahaamahina, 4 Romain Taofifenua, 3 Rabah Slimani, 2 Guilhem Guirado (c), 1 Jefferson Poirot
A disposizione: 16 Camille Chat, 17 Daniel Kotze, 18 Sebastien Taofifenua, 19 Paul Jedrasiak, 20 Fabien Sanconnie, 21 Antoine Dupont, 22 Mathieu Bastareaud, 23 Hugo Bonneval

mete: Slimani (40′), Lacroix (61′)

trasformazioni: Trinh-Duc (40′, 51′)

punizioni: Trinh-Duc (14′, 29′, 67′)

 

 

Giappone: 15 Kotaro Matsushima, 14 Lomano Lemeki, 13 Timothy Lafaele, 12 Harumichi Tatekawa, 11 Kenki Fukuoka, 10 Yu Tamura, 9 Yutaka Nagare, 8 Amanaki Mafi, 7 Michael Leitch (c), 6 Kazuki Himeno, 5 Shinya Makabe, 4 Wimpie van der Walt, 3 Jiwon Koo, 2 Shota Horie, 1 Keita Inagaki
A disposizione: 16 Atsushi Sakate, 17 Shintaro Ishihara, 18 Asaeli Ai Valu, 19 Yoshitaka Tokunaga, 20 Fetuani Lautami, 21 Fumiaki Tanaka, 22 Sione Teaupa, 23 Yoshikazu Fujita

mete: Horie (23′), Lafaele (42′), Ai Valu (73′)

trasformazioni: Tamura (44′)

punizioni: Tamura (5′, 63′)

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Nuovo avversario autunnale per la Scozia, che giocherà 4 test match

I Dark Blues apriranno Murrayfield anche il 30 ottobre per ricevere la visita di Tonga, formazione che potrebbero ritrovare al mondiale

item-thumbnail

Ufficiale: gli All Blacks giocheranno cinque partite in autunno

Il 23 ottobre la Nuova Zelanda ha aggiunto al suo calendario un match contro gli Stati Uniti, poi ci sarà spazio anche per l'Italia

item-thumbnail

I Lions e il ritorno di fiamma degli Springboks: “Sappiamo che arriveranno forte”

Maro Itoje e Warren Gatland hanno parlato della preparazione al secondo test della serie

item-thumbnail

La formazione del Sudafrica per il secondo test con i Lions

Tre cambi nella formazione che affronterà i Lions nel secondo match della serie, due nuovi innesti anche in panchina

item-thumbnail

Lions: tre cambi nella formazione di Warren Gatland per gara 2

Le scelte dell'ex Galles, per una sfida che può già decidere la serie

item-thumbnail

Quade Cooper si unisce al raduno dell’Australia

L'apertura si unisce al gruppo di Dave Rennie, in teoria come "training player", ma sarà comunque a disposizione in caso di necessità