Scarlets campioni: come fermo il miglior attacco e segno alla miglior difesa

Cartolina tattica da Llanelli. Il superbo lavoro di coach Pivac contro Leinster e Munster

scarlets rugby

ph. Reuters

Vincere all’RDS contro Leinster e in un Aviva Stadium trasformato in Thomond Park contro Munster, non è da tutti. Vero che le due squadre irlandesi pagavano forse la stanchezza e il logorio post semifinali di Champions (chiedere anche ai Saracens), ma gli Scarlets hanno trovato due successi superbi che hanno portato la squadra di Llanelli sul tetto celtico. Due prestazioni tatticamente perfette sia in attacco che in difesa, nate in settimana grazie al lavoro di coach Pivac e dello staff tecnico, che ha portato Barclay e compagni a segnare 46 punti a Munster – miglior difesa del torneo con 13.8 punti di media subiti a partita; e a limitare Leinster a 15 punti segnati – miglior attacco celtico con 30 punti di media segnati a partita in stagione regolare. La lavagna tattica della settimana non può che essere dedicata al piano di gioco che ha portato gli Scarlets a sollevare il trofeo in un Aviva Stadium incredulo.

 

 

Manuale della perfetta difesa: marcare e cacciare

Nel corso della stagione regolare abbiamo visto e apprezzato tante mete di Leinster, al punto che nella Top 8 dei migliori marcatori della stagione celtica figurano Carbery e Rory O’Loughlin. Contro i Dubliners abbiamo assistito ad un’autentica lezione di difesa. Vero che gli errori di trasmissione e di contatto da parte dei giocatori di casa hanno avuto un peso specifico non indifferente (ben 29 turnover concessi da Leinster), ma il modo in cui gli Scarlets hanno incanalato il gioco è stato superbo.

L’obiettivo è proprio quello di evitare le corse profonde dei vari Carbery, Ringrose e Nacewa, che solitamente trovano spazio libero davanti a sé al termine di lunghi multifasi logoranti con il pack a dare avanzamento, oppure con una giocata tipica della cerniera Sexton-Henshaw, quel loop che tante volte abbiamo visto anche in maglia verde. In tutto questo fondamentale è proprio il lavoro dell’apertura irlandese, che coinvolge ora gli avanti all’altezza, ora la linea veloce con incroci e raddoppi, dettando i tempi di una manovra in cui la difesa è sotto enorme pressione dovendo marcare tantissime opzioni credibili (vedi Italia-Irlanda all’ultimo Sei Nazioni). Ma più di una volta palla in mano Sexton si è trovato costretto a tenere il possesso o scaricare pressione: vero che non è nel miglior momento di forma – viene anche ormai messo costantemente nel mirino dal primo all’ultimo minuto – ma il lavoro degli Scarlets è stato egregio.

scarlets rugby

In tutte e 4 le situazioni, la difesa sale non solo in modo rovesciato ma anche marcando ad uomo i potenziali ricevitori. A Sexton restano poche opzioni: giocare la sponda interna già letta dalla difesa (1) – calciare (2) – entrare (3) – prendersi un placcaggio ben dietro la linea del vantaggio (4)

 

Se ben eseguito (coordinare la salita col giusto timing non è facile e un paio di buchi sono stati concessi), questo lavoro della difesa ha due enormi vantaggi. Il primo deriva dal fatto che salire in modo sparato permette di avere almeno un giocatore in campo avversario dietro la linea di vantaggio (prima situazione), il secondo è che l’attacco, costretto a rientrare, finisce nel collo di imbuto ovvero nelle fauci dei cacciatori avversari (seconda situazione).

scarlets rugby 1

Scott Williams è in campo Leinster dopo essere salito forte (non c’è fuorigioco) e marca il ricevitore

 

scarlets rugby 2

Sexton gioca il loop ma Davies sale perfettamente a negare l’opzione all’esterno. L’apertura irlandese, costretta a cambiare angolo e impattare Patchell, cade in una zona di campo (rombo bianco) presidiata dai fetcher gallesi, bravi a chiudere quel gap che la difesa rovesciata inevitabilmente crea

 

 Profondità e trasmissione: il rugby che vola al largo

Palla in mano invece, la grande abilità è stata quella di riuscire a superare la difesa compatta di Munster, apparso in evidente affanno come testimonia la percentuale placcaggi riusciti (74%, numeri decisamente scarsi a questo livello). Ma se numerosi tackle sono stati rotti dai portatori di palla gallesi – soprattutto al largo da parte dei trequarti – il merito va anche alla struttura offensiva degli Scarlets, capaci di giocare in profondità per sfruttare velocità e chili dei propri trequarti (su tutti Davies, che in finale all’Aviva ha battuto 4 difensori e creato 3 break profondi).

 

scarlets rugby 4

Linee di attacco molto profonde e ad occupare lo spazio (2-3) con giocatori pesanti a fissare la difesa o trasmettere, quasi da passamano fermi, l’ovale al largo (3 e 4).

La difesa Munster sale forte forse non confidando nelle mani di Evans e Rawlins,

che invece impegnano l’uomo e liberano spazio

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Champions Cup: la delusione di Munster

La Red Army affronta una nuova eliminazione, ma per coach Van Graan i miglioramenti sono evidenti

7 Aprile 2021 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

La federazione irlandese ha bloccato il trasferimento di Pieter-Steph Du Toit al Munster

Ragioni economiche alla base del nulla di fatto fra la franchigia di Limerick e il Player of the Year 2019 per la prossima stagione

31 Marzo 2021 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro14: Leinster conquista il titolo. Finale vinta 16-6 contro Munster

Leinster vince una battaglia intensa nella quale è sempre sembrata la squadra migliore in campo

27 Marzo 2021 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro14: Leinster, assenze pesanti in vista della finale

I Dubliners devono fare i conti con importanti defezioni

23 Marzo 2021 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro14: Leinster conferma tutto lo staff tecnico

Leo Cullen ancora alla guida per un anno, mentre Lancaster, Contepomi e McBryde firmano un biennale

17 Marzo 2021 Pro 14 / Altri club
item-thumbnail

Pro14: il Munster è la prima squadra a qualificarsi per la finale

Battuto il Connacht che ancora poteva insidiarli. L'ultima firma è del redivivo Joey Carbery

6 Marzo 2021 Pro 14 / Altri club