Elezioni FIR, stasera Marzio Innocenti annuncia la candidatura?

A Silea si riuniscono i club veneti. Intanto Giovanelli attacca FIR e Gavazzi su Centri di formazione e nuova sede

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Stasera nel comune in provincia di Treviso si riuniscono i rappresentanti di tutto il Comitato veneto e il presidente Marzio Innocenti presenterà una relazione dove illustrerà i lavori svolti durante il suo mandato – in scadenza – e dove parlerà dei tantissimi incontri che lo hanno portato in giro in tutta la penisola per allacciare i rapporti con le società in vista delle elezioni federali di fine anno.
Probabile – anzi, quasi certa secondo la stampa veneta – la sua candidatura a rappresentante di “Pronti al cambiamento”, associazione nata in Veneto ma ormai con ramificazioni ovunque che si candiderà per sconfiggere e scalzare l’attuale numero uno FIR Alfredo Gavazzi, che però dovrebbe essere ufficialmente formalizzata nei prossimi giorni.
Veneto sostanzialmente compatto con le ormai annunciate defezioni di Valsugana e dell’ormai ex presidente dei Dogi (e di Mogliano) Roberto Facchini, che si presenterà come consigliere per Gavazzi.

 

Il fronte di opposizione al presidente in carica non si riassume però solo in “Pronti al cambiamento”: si attende infatti anche una candidatura da parte di “Terre Ovali”, movimento messo in piedi negli ultimi mesi da Massimo Giovanelli con altri ex azzuri. E oggi il giocatore-guida della nazionale che ci portò nel Sei Nazioni rilascia una intervista al Gazzettino dove non le manda a dire: “I Centri di formazione federali sono un attacco al patrimonio dei club. I 5-6 milioni spesi per questa baracca vanno investiti nelle società”. Poi ribadisce: “L’acquisto della nuova sede Fir è una follia. La mission della federazione non è capitalizzare. Eticamente non possiamo spendere 23 milioni per una sede finché tutti i club non avranno un campo, una club house, una palestra per l’attività. Ho visto in giro per l’Italia campi che diventano cemento d’estate e poltiglia d’inverno”.
Poi passa al suo programma, già in gran parte svelato sul sito dell’associazione, dove si parla di un programma con il ministero per entrare come sport didattico a scuola, della formazione di tecnici, dirigenti e personale di gestionecon il coinvolgimento delle Università e – soprattutto – una ristrutturazione della federazione su modello anglosassone, ovvero “sganciare la parte politica dalla programmazione ponendo il presidente al di sopra degli impegni esecutivi quotidiani e ipotizzando un Ceo”.
Chissà se le varie opposizioni troveranno un terreno comune per giungere a una candidatura unica.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Il nuovo protocollo FIR per la ripresa degli allenamenti

Le disposizioni federali del primo luglio

1 Luglio 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Da lunedì 8 giugno il pallone torna protagonista

La Commissione Tecnica FIR ufficializza che si potrà ritornare a fare esercitazioni col passaggio dell'ovale

5 Giugno 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Gavazzi risponde alle critiche sulle nomine: “Abbiamo agito come tutte le altre federazioni”

E Franco Ascione racconta la visione federale del movimento, dai club al vertice, e la scelta di Franco Smith

3 Giugno 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Gli staff tecnici della nazionale under 20 e dell’Accademia Nazionale per il 2020/2021

Il consiglio federale ha comunicato una parte degli staff tecnici per la prossima annata agonistica

30 Maggio 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Il Protocollo FIR per la ripresa degli allenamenti

La Federazione detta le linee guida per una prima ripresa delle attività

25 Maggio 2020 Rugby Azzurro / Vita federale
item-thumbnail

Pro14 e CVC: accordo trovato, ora è ufficiale. La FIR diventa socio paritario del torneo

La società d'investimento entra a far parte della competizione celtica e punta dritta verso il Sei Nazioni

22 Maggio 2020 Pro 14