RWC 2015: “Dobbiamo vincere”, Brunel spiega l’Italia per la Romania

“Abbiamo fatto una scelta tecnica, non una scelta di cuore”: il ct spiega così l’esclusione di Bergamasco

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

Il ct azzurro ha spiegato le scelte per la formazione anti-Romania, e sull’esclusione di Mauro Bergamasco dice: “Abbiamo fatto una scelta tecnica, non una scelta di cuore, per avere le migliori chance di vincere questa partita”. Il comunicato FIR:

 

Il CT azzurro Jacques Brunel ed il Manager Luigi Troiani hanno incontrato la stampa oggi ad Exeter annunciando la formazione che affronterà la Romania domenica ad Exeter.

Nel corso della conferenza, a cui ha preso parte anche Sergio Parisse,  il CT ha spiegato le proprie scelte per l’ultimo appuntamento della Rugby World Cup: “Vista l’indisponibilità di Sergio abbiamo preso la decisione di schierare dall’inizio Zanni a numero otto perché ha già giocato in questo ruolo e ci offre opzioni interessanti in rimessa laterale”.

“Contro l’Irlanda abbiamo avuto alcuni problemi di conquista da rimessa laterale – ha detto Brunel – ma è giusto confermare la fiducia ad Andrea Manici per permettergli di acquisire esperienza a questo livello, anche perché sarebbe riduttivo addossare tutte le difficoltà ai lanciatori”.

“Vunisa, che parte dalla panchina, può giocare sia numero otto che flanker – ha proseguito il CT azzurro – mentre Mauro Bergamasco ha un profilo da flanker pure, analogo a quello di Favaro. Abbiamo fatto una scelta tecnica, non una scelta di cuore, per avere le migliori chance di vincere questa partita. Mauro ha già tagliato un traguardo straordinario partecipando alla sua quinta Rugby World Cup e scendendo in campo contro Canada ed Irlanda”.

Il Manager Troiani ha spiegato come “Ghiraldini non abbia recuperato dal trauma muscolare alla coscia subito contro il Canada” mentre è stato lo stesso Parisse a spiegare di essere uscito “molto, molto stanco dalla partita contro l’Irlanda. Domenica è necessario che chi andrà in campo sia al 100% e non è il mio caso. Domenica in campo ci saranno tanti giovani, specialmente tra i trequarti, e per loro è un’occasione per fare esperienza e giocare il loro miglior rugby. Per quanto riguarda Mauro – ha aggiunto Parisse – concordo con la decisione di Jacques di schierare quella che ritiene la migliore formazione possibile per la partita. Ho avuto il privilegio di giocare con lui in quattro Mondiali e molti dei miei ricordi più cari con la maglia della Nazionale li ho vissuti insieme a lui. Merita tutte le testimonianze di stima che ha ricevuto e continua a ricevere”.

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterGoogle+Pinterest
item-thumbnail

Test Match: due azzurri nel XV ideale del weekend di Planet Rugby

Matteo Minozzi e Jake Polledri nella formazione tipo del prestigioso portale ovale

18 giugno 2018 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Una sconfitta inaccettabile e una vittoria normale

Quattro canoniche tappe per ripercorrere il percorso azzurro delle due ultime settimane, che non può essere positivo

18 giugno 2018 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, le parole di O’Shea e Ghiraldini e i numeri della stagione

"Abbiamo visto un’Italia capace di esprimersi a un differente livello", ha detto il CT irlandese

17 giugno 2018 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Test Match: gli highlights della vittoria dell’Italia

Le mete di Benvenuti, Ghiraldini e Polledri e il tentativo di rimonta dei nipponici: quello che è successo a Kobe

16 giugno 2018 Foto e video
item-thumbnail

Riscatto azzurro a Kobe: l’Italia soffre e vince 22-25 contro il Giappone

Gli uomini di O'Shea giocano un gran primo tempo, calano nella ripresa ma tornano alla vittoria

16 giugno 2018 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Test Match, Italia: a Kobe serve la vittoria

Azzurri a un varco cruciale del loro percorso. Solo una vittoria può salvare il tour estivo e il cammino verso la Rugby World Cup

15 giugno 2018 Rugby Azzurro / La Nazionale