Lotta al doping: microdosi di EPO e il passaporto biologico è inefficace

In Francia otto atleti professionisti si sono dopati davanti alle teleamere per testare i protocolli. E il risultato è preoccupante

ph. Denis BalibouseAction Images

ph. Denis BalibouseAction Images

Il team di ricerca si chiama “Athletes for Transparency”, otto atleti di alto livello che si sono fatti dopare appositamente dalle agenzie che combattono questa truffa sportiva e non per testare i protocolli utilizzati. Il tutto davanti alle telecamere di “Stade 2”, della televisione pubblica francese che ha ripreso il tutto.
Prima hanno chiesto tutte le autorizzazoni necessarie alle federazioni di riferimento e agli enti governativi, ottenendo dopo ben nove mesi il sì da parte di tutti gli attori coinvolti a patto che per due mesi non prendessero parte a nessuna competizione sportiva. Gli atleti si sono sottoposti a un’assunzione di microdosi di EPO, ma prese in maniera continua, assidua e alla fine si è scoperto che il passaporto biologico può essere facilmente aggirato.

 

La notizia la si trova sul Corriere della Sera: “Epo Theta iniettata in quantità dieci volte inferiore a quella standard, mini sacche di sangue da 200 mi invece di 450, ormone della crescita e ancora ferro e vitamina B per preservare l’organismo. Il tutto con effetti collaterali pesanti: un atleta è collassato durante la reinfusione del sangue, quattro hanno sviluppato (effetto del-l’Epo) un’aggressività incontrollabile. Micro le dosi, macro i risultati: dopo appena 29 giorni la potenza del ciclista-cavia è passata da 420 a 445 watt, quanto basta per balzare dal 250 al terzo posto in una cronometro mondiale. Migliorando di 22″ il tempo sui 3 mila metri, il mezzofondista ha scalato (virtualmente) trenta posizioni nel ranking intemazionale. Per tutti la sgradevole sensazione di «indossare un corpo diverso dal proprio». E i passaporti biologici? Immacolati”.
Il passaporto biologico, richiesto a gran voce anche in Italia, di fronte a microdosi di EPO non funziona. 

onrugby.it © riproduzione riservata
FacebookTwitterPinterest
item-thumbnail

Sei Nazioni femminile 2020, Giada Franco: “Sapere che le altre ci temono fa piacere”

La terza linea azzurra ed il CT Andrea Di Giandomenico hanno parlato ai nostri microfoni al lancio londinese del torneo

22 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020: Italia, il segreto è nella sorpresa

Franco Smith e Luca Bigi hanno parlato nel corso del lancio del Torneo tenutosi a Londra

22 Gennaio 2020 6 Nazioni – Test match
item-thumbnail

Nigel Owens ha un’idea per il rugby del futuro

Secondo il famoso arbitro gallese, ridurre le sostituzioni potrebbe portare i giocatori a ridurre l'intensità del loro gioco evitando problemi fisici

22 Gennaio 2020 News
item-thumbnail

Zebre Rugby: bollettino medico riguardante Marco Manfredi

Il tallonatore è stato operato martedì al ginocchio sinistro dopo aver riportato un infortunio nella sfida con la Benetton

22 Gennaio 2020 Pro 14 / Zebre Rugby
item-thumbnail

Sei Nazioni Femminile: le 23 convocate azzurre per il Galles

Andrea Di Giandomenico ha ristretto la lista al massimo: ecco le 23 atlete pronte per l'Arms Park di Cardiff

22 Gennaio 2020 Rugby Azzurro / Nazionale femminile
item-thumbnail

Sei Nazioni 2020, Galles: Liam Williams out contro l’Italia

Il forte estremo dei Saracens non sarà a disposizione di Pivac per la prima sfida del 6 Nazioni che vedrà i Dragoni opposti agli Azzurri

22 Gennaio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni