Sei Nazioni: la Francia è brutta, l’Italia peggio. Finisce 29-0

Contro i Bleus mai così alla nostra portata gli Azzurri pasticciano sempre senza riuscire a rendersi pericolosi

ph. Sebastiano Pessina

ph. Sebastiano Pessina

L’Italia inizia con due multifase che portano però solo un minimo guadagno territoriale. L’opzione è allora il piede, sul cross kick ben eseguito da Allan sbagliamo la copertura post calcio ma per fortuna Nakaitaci dopo la bella presa al volo sbatte addosso a Parisse senza cambiare traiettoria. Due falli dei francesi ci permettono di tornare nella metà campo ospite e di provare dalla piazzola, ma Allan davanti ai pali sui 22 non la mette. L’ovale è da subito abbastanza intrattabile, le squadre pasticciano ma da gioco rotto non ci sono spazi attaccabili. La partita di Allan dura quattordici minuti, poi il problema alla caviglia costringe Brunel al cambio. Entra Orquera che da 45 metri centra il palo, mentre tre minuti più tardi la prima vera azione dei Bleus si interrompe per un offload di troppo. Al ventesimo giro dalla piazzola per Speeding che sbaglia, finisce il primo quarto a tabellini inviolati e con l’Italia che tiene possesso ma fatica a creare volume pericoloso. Le prima due vere fiammate al ’25 e al ’28: Gori va via in breakdown, Vunisa sostiene e lancia Sarto in pieni 22 ma in avanti; nella stessa zona di campo Minto stoppa Tillous-Borde ma sulla turnover ball giochiamo il rientro invece di fissare. Sulla ripresa del gioco Vunisa in fuorigioco si trova la palla in mano, Lopez non sbaglia e mette i primi tre del match. Ci complichiamo la vita non trovando la touche, Minto cade dall’altra parte del raggruppamento e Lopez fa sei. La Francia sfiora la marcatura a quattro dal termine, ma un in avanti sull’ultimo riciclo  Lopez-Fickou ci salva. Sul restart dai 22 calciamo male, in mezzo al campo e senza rete difensiva, ma di nuovo i galletti pasticciano e non sfruttano il nostro regalo. Soffriamo in mischia ordinata, Lopez non sbaglia e i primi quaranta si chiudono sul 9-0 Francia.

 

Alla piazzola al minuto ’41 c’è Plisson che ha sostituito Lopez. Il mediano di Parigi è preciso e lo score dice 12-0. Torniamo nella metà campo ospite e in due minuti facciamo due avanti. Il gioco tattico finisce due volte in bocca al triangolo francese, la rete sale malissimo, Speeding si infila tra Parisse e Furno, l’ovale torna lungo l’out destro e Maestri in superiorità schiaccia. Ci affacciamo in zona rossa ma lanciamo storta la touche maul ai cinque metri, proviamo a muoverla ma senza mettere nessuna incognita nella difesa transalpina. Per andare sopra il triplo break bisogna aspettare il minuto ’57, con Plisson che converte l’ennesimo fallo azzurro sul break down. All’ora di gioco dopo sei fasi non guadagniamo un metro e riperdiamo palla, ci proviamo in touche maul ma il pack avversario difende bene. Pure il secondo tempo conferma la sensazione del primo. La Francia non fa nulla di eccezionale, (anzi sbaglia due touche ai cinque metri) e nemmeno su turnover ball riusciamo ad essere pericolosi. La parola fine la mette Bastareaud all’ultima azione. Finisce 29-0.

 

Di Roberto Avesani

Italia: 15 Luke McLean, 14 Leonardo Sarto, 13 Luca Morisi, 12 Andrea Masi, 11 Giovambattista Venditti, 10 Tommaso Allan, 9 Edoardo Gori, 8 Sergio Parisse, 7 Samuela Vunisa, 6 Francesco Minto, 5 Joshua Furno, 4 George Fabio Biagi, 3 Dario Chistolini, 2 Leonardo Ghiraldini, 1 Matias Aguero.

Riserve: 16 Andrea Manici, 17 Alberto De Marchi, 18 Lorenzo Cittadini, 19 Marco Barbini, 20 Guglielmo Palazzani, 22 Luciano Orquera, 23 Enrico Bacchin.

Marcatori Italia
Mete:
Conversioni:
Punizioni:

 

Francia: 15 Scott Spedding, 14 Yoann Huget, 13 Gaël Fickou, 12 Maxime Mermoz, 11 Noa Nakaitaci, 10 Camille Lopez, 9 Sébastian Tillous-Borde, 8 Loann Goujon, 7 Bernard le Roux, 6 Thierry Dusautoir (c), 5 Yoann Maestri, 4 Alexandre Flanquart, 3 Nicolas Mas, 2 Guilhem Guirado, 1 Eddy Ben Arous.
Riserve: 16 Benjamin Kayser, 17 Rabah Slimani, 18 Vincent Debaty, 19 Romain Taofifenua, 20 Damien Chouly, 21 Rory Kockott, 22 Jules Plisson, 23 Mathieu Bastareaud

Marcatori Francia
Mete: Maestri (45)
Conversioni: Plisson (45)
Punizioni: Lopez (29, 34), Speeding (40), Plisson (41, 57)

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Ange Capuozzo è nel XV ideale di Planet Rugby per le Autumn Nation Series 2022

Menzioni d'onore anche per Michele Lamaro e Ignacio Brex

29 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Lorenzo Cannone: “Con l’Italia è stato un novembre positivo. Ora testa alle gare col Benetton”

L'avanti ripensa al mese internazionale appena concluso proiettandosi verso il futuro

item-thumbnail

Grazie Italrugby, e adesso al lavoro verso il Sei Nazioni 2023

Qualche riflessione su cosa ci lascia il novembre azzurro

21 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

World Rugby Awards: Ange Capuozzo premiato “Rivelazione dell’anno”

L'estremo azzurro ha ricevuto il premio durante la cerimonia ufficiale di Montecarlo

20 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia: le parole di Lorenzo Cannone e Pierre Bruno dopo Italia-Sudafrica

I due azzurri analizzano il match di Marassi e il percorso azzurro in queste Autumn Nations Series

20 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia-Sudafrica: le pagelle degli Azzurri

I giudizi sulle prestazioni degli Azzurri in Italia-Sudafrica, ultima gara delle Autumn Nations Series della Nazionale, finita 21-63

20 Novembre 2022 Rugby Azzurro / La Nazionale