Il rugby nella terra di nessuno: nuova mischia, un vero caos

Dopo Italia-Australia Jacques Brunel lo ha detto chiaro e tondo: “C’è un casino terribile. Nessuno sa più come fare”

ph. Sebastiano Pessina

Tra le parole meno rilevate e sottolineate questo fine settimana, dopo Italia-Australia, ci sono quelle di Jacques Brunel sulla mischia. D’altronde la contingenza e la cronaca avevano giustamente altre precedenze. parole non su cosa è andato o non è andato in campo a Torino nel gruppo dei ragazzi in maglia azzurra, ma sulla mischia in generale dopo l’introduzione delle nuove regole. A tre mesi dall’inizio della stagione infatti non sembra regnare una gran sintonia (eufemismo) a qualsiasi livello e sui campi se ne vedono di ogni.
Cosa ha detto Brunel durante la conferenza stampa post-Australia? Questo: “In mischia c’è un casino terribile. Nessuno sa più come fare: arbitri, giocatori, allenatori. Fanno riunioni e poi non si fa nulla per risolvere. Non si riesce a giocare la mischia, oggi per averne una da cui è uscito un pallone giocabile abbiamo dovuto aspettare la sesta. Non è un problema dell’Italia, è un problema generale”.
E in effetti solo qualche giorno prima della gara dell’Olimpico a puntare il dito era stato proprio il ct wallabies Ewen McKenzie. Insomma, un gran caos.

 

Certo, il fatto che generalmente a lamentarsi siano generalmente gli allenatori che perdono nell’immediato post-partita non aiuta un granché, ma il problema c’è ed è innegabile. Manca una riflessione seria fatta a freddo, si parla della questione spesso un po’ troppo a caldo, a ridosso di un qualche risultato negativo e alla fine quelle parole assumono una parvenza di alibi.
La questione – va detto – non interessa tanto le regole in sé, che possono essere più o meno sensate o più o meno “popolari”, ma la loro applicazione, finora molto poco lineare e univoca. Inutile stare qui a distribuire patenti di colpe vere o presunte: magari i giocatori non hanno ancora ben assimilato le novità, i tecnici non le hanno ben spiegate e i gli arbitri ben interpretate e dirette. Magari tutte queste cose sono vere in parte o del tutto, tutte assieme o separatamente, ma non importa: trovate una soluzione.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Il board del Sei Nazioni prende posizione sulla possibilità di un “4 Nazioni” senza Italia e Francia in autunno

Definite "inaccurate speculazioni" le voci giornalistiche circolate nelle scorse ore in UK

18 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Scozia: Ruaridh Jackson si ritira

Il trequarti dice basta a 32 anni, al termine di una carriera da 33 caps

18 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Calendario internazionale: le precisazioni di Bernard Laporte, vicepresidente di World Rugby

Il dirigente francese fa il punto sui Test Match di novembre, il rugby di club e la situazione finanziaria delle Federazioni

item-thumbnail

Clamorosa ipotesi per rivoluzionare i calendari

Verrebbero spostati Sei Nazioni e Rugby Championship, oltre a delle due finestre dei test match

item-thumbnail

Scozia: la rinnovata armonia fra Finn Russell e Gregor Townsend

"E' come essere in famiglia - dice il tecnico - a volte ti sembra che gli altri non ti capiscano e tu non capisci gli altri"

15 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Una giornata da Lions su Sky Sport Arena

Giovedì 21 maggio rivedremo le ultime tre tournée dei Leoni nell'Emisfero Sud. Spettacolo assicurato