Murrayfield e Twickenham, un “battesimo” per soldi?

Dopo le voci su Twickenham anche dalla Scozia arrivano conferme: i due stadi stanno cercando uno sponsor. E avranno un nuovo nome

Segno dei tempi: secondo alcuni rumors le “case” del rugby di Scozia e Inghilterra starebbero cercando uno sponsor e ribattezzare così le due strutture. E se a Londra la cosa è un po’ più fumosa o comunque un po’ più in là da venire, a Edimburgo sembrano essere molto più decisi sul da farsi. A parlare è infatti Mark Dodson, CEO della federazione scozzese che ha ammesso che “sarebbe stupido non pensarci, ovviamente al prezzo giusto. Si tratta di milioni di sterline all’anno”. Qualcuno paragona questa possibilità a quella colta dalla federazione irlandese quando ha deciso di chiamare AVIVA Stadium la nuova casa della nazionale in maglia verde, ma il paragone è un po’ forzato visto che appunto quella di Dublino è una struttura nuova, senza una storia sua. E’ vero che occupa l’area dove sorgeva l’indimenticabile Lansdowne Road, ma è un’altra cosa.

 

E in effetti c’è poco da fare gli schizzinosi: la gestione di quelle strutture ha costi molto elevati e uno sponsor, oltre a coprire quelle uscite, garantirebbe alle federazioni di poter contare su una liquidità oggi assente, magari da reinvestire nel movimento. Il vero problema – vista la crisi economica – è forse trovare una qualche azienda disposta a mettere sul tavolo soldi sufficienti per guadagnarsi il diritto a mettere un nome agli stadi in questione.
Poi c’è anche la questione “di cuore”: stiamo parlando di due stadi che sono due monumenti-simbolo di Ovalia e in molti vedono come una sorta di sacrilegio l’ipotesi di sponsorizzare quei luoghi. Ma il rugby professionistico esige incassi che il semplice merchandising e la vendita dei biglietti delle partite non possono garantire. E scommettiamo che per tutti i tifosi continuerebbero ad essere “solo” Twickenham e Murrayfield.

onrugby.it © riproduzione riservata
item-thumbnail

Il Sei Nazioni non si tocca, parola del CEO dell’Irlanda

"Dobbiamo preservare ciò che abbiamo. Niente miglioramenti con la Georgia al posto dell'Italia", ha spiegato al Podcast 'Off the Ball'

30 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

World Rugby approva 10 regole sperimentali per la ripartenza del gioco

Il governo ovale mondiale vuole aiutare le federazioni nazionali a ricominciare nel più breve tempo possibile

item-thumbnail

Conor O’Shea: “Per poco Danny Care non scoprì i piani per la Fox”

L'ex tecnico azzurro racconta il piccolo, curioso retroscena che coinvolge Ugo Monye e un barbiere di Londra

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Scozia: John Jeffrey nuovo presidente federale

Lo Squalo Bianco nominato per il momento ad interim. Intanto Dave Rennie lascia Glasgow con un mese di anticipo

26 Maggio 2020 6 Nazioni – Test match / 6 Nazioni
item-thumbnail

Leggende ovali: Shane Williams, il rapporto con Paul O’Connell e il valore di Brian O’Driscoll

L'ex ala gallese svela retroscena del tour dei Lions 2009 e non solo