Italia, Mirco Spagnolo: “Mi sento un impact player. Devo continuare a sviluppare le mie capacità decisionali”

Il pilone della nazionale ha analizzato la sua stagione pensando ai prossimi impegni azzurri. Un percorso di crescita che non si vuole arrestare

Italia, Mirco Spagnolo: “Mi sento un impact player. Devo sviluppare le mie capacità decisionali” (Ph. S. Pessina)

Il percorso di crescita di Mirco Spagnolo. Il pilone del Benetton Rugby e della nazionale italiana (5 caps) è pronto a vivere il suo primo tour estivo con la maglia azzurra indosso.

Leggi anche, I convocati dell’Italia per il tour estivo contro Samoa, Tonga e Giappone

Italia, Mirco Spagnolo: il punto di vista del pilone Azzurro

Intervistato da Onrugby, nella giornata odierna, il prima linea è sembrato – per sua stessa ammissione –  molto cresciuto, sotto tutti i punti di vista. Nell’ultimo Sei Nazioni è parso alla stampa italiana ed estera come uno dei migliori “Impact Player” del torneo: uno di quelli che quando parte dalla panchina fa la differenza nelle porzioni finali delle partite. Stuzzicato su questo aspetto ha detto: “Penso che, almeno per le prossime sfide, continuerò a essere un “Impact Player”. Me l’hanno detto anche a Treviso che, quando entro dalla panchina, sono un ottimo giocatore. Io spero prima o poi di giocarne una da titolare (ride, ndr), ma per ora l’ultima mezz’ora è il mio habitat naturale e lì so che posso fare la differenza”.

Samoa, Tonga e Giappone, tre squadre che solitamente stressano i piloni avversari anche in zone di campo e in fondamentali tecnici non propriamente da prime linee: “Se stai bene fisicamente puoi fare tutto, anche se la stagione è stata molto dura dal punto di vista fisico, ma ora stiamo recuperando a dovere e rimettendo un po’ di benzina nei muscoli per il tour. Siamo piloni, ma ormai dobbiamo saper fare di tutto e in tutte le zone del campo. L’intelligenza tattica diventa un valore da sviluppare e saper usare”.

Uno switch sul Benetton. Marco Bortolami ha detto che la crescita di Spagnolo, Izekor e Marin è stato una dei successi più belli della sua gestione tecnica: “Senza nulla togliere a quello che ho fatto fino all’anno scorso quando ero a Padova, ma quando arrivi in una realtà come il Benetton che compete per traguardi così grandi ti rendi conto della crescita che devi fare e delle sfide con cui ti devi misurare giorno dopo giorno, allenamento dopo allenamento, partita dopo partita. Non ci si può mai risparmiare se si vuole alzare l’asticella. I dettagli fanno la differenza. A Padova ero un titolare fisso, a Treviso ho dovuto trovare la mia collocazione: sono partito male, poi sono cresciuto ritagliandomi il mio spazio”.

L’evoluzione del ruolo e i riferimenti a livello interno ed internazionale: “La cosa su cui sto lavorando ora è quella legata ai punti d’incontro e alla fase di placcaggio per la difesa. Completare dei turnover è uno dei miei punti di forza, ma devo aumentare la mia capacità decisionale rispetto alle situazioni che mi si presentano davanti: a volte rischio di diventare un giocatore perso per la nostra rete difensiva.
I miei riferimenti? Al Benetton ci sono Tiziano Pasquali e Simone Ferrari che mi stanno accompagnando in questo percorso, mentre a livello internazionale un pilone a cui guardo come modello è Ethan de Groot degli All Blacks”.

Per essere sempre aggiornato sulle nostre news metti il tuo like alla pagina Facebook di OnRugby e/o iscriviti al nostro canale Telegram.
onrugby.it © riproduzione riservata

Cari Lettori,

OnRugby, da oltre 10 anni, Vi offre gratuitamente un’informazione puntuale e quotidiana sul mondo della palla ovale. Il nostro lavoro ha un costo che viene ripagato dalla pubblicità, in particolare quella personalizzata.

Quando Vi viene proposta l’informativa sul rilascio di cookie o tecnologie simili, Vi chiediamo di sostenerci dando il Vostro consenso.

item-thumbnail

Giappone-Italia: 80 minuti per chiudere col sorriso una stagione indimenticabile

Il 2024 sarà comunque da ricordare per il rugby azzurro, ma una vittoria certificherebbe un nuovo status per la nazionale

20 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Gonzalo Quesada: “Il Giappone vuole essere la squadra più veloce del mondo”

In conferenza stampa l'head coach degli Azzurri guarda alle scelte di formazione, al riposo dei protagonisti e all'approccio alla sfida contro il Giap...

19 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Summer Series: 4 cambi nella formazione dell’Italia per l’ultimo test contro il Giappone

Ritorna Louis Lynagh dal primo minuto, mentre davanti sono 3 le modifiche operate dal tecnico azzurro. In panchina si rivede Zanon

19 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Danilo Fischetti: “Contro il Giappone imporci fisicamente senza mai perdere la concentrazione”

Il pilone si proietta verso la sfida contro i nipponici: in programma domenica 21 luglio

18 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Sebastian Negri lascia il raduno Azzurro e torna in Italia

Il flanker della nazionale costretto a dare forfait a causa di un infortunio

17 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale
item-thumbnail

Italia, Monty Ioane: “A Tonga ritrovata energia positiva, col Giappone partita molto diversa dalle altre due”

Il trequarti ala plaude alla reazione del gruppo e mette in guardia dalle competenze tecniche di Eddie Jones

17 Luglio 2024 Rugby Azzurro / La Nazionale